Carrello 0
ARCHITETTURA

Il nuovo Stadio della Roma di GAU Arena

di Cecilia Di Marzo
Commenti 16097

Uno stadio ecosostenibile in zinco-titanio

Vedi Aggiornamento del 13/05/2010
Commenti 16097
06/10/2009 – È stato presentato ufficialmente il progetto dello Stadio Franco Sensi , nuovo Stadio della Roma che sorgerà in zona Aurelia su progetto dello studio GAU Arena .
 
Il capo progetto, l’arch. Gino Zavanella , già progettista dello stadio della Juventus, l’ha definito “l’agorà degli anni 2000” poiché nella progettazione è stata data grande rilevanza al riavvicinamento e ritorno delle famiglie allo stadio con l’allestimento di zone per l’accoglienza e il tempo libero e la creazione di kids areas, veri e propri settori per l’ospitalità dei bambini.
 
Lo stadio sarà, anche, luogo di spettacolo e intrattenimento attraverso le molteplici attività ricreative presenti all’interno della struttura (ristoranti, bar, sale giochi, baby club, area relax, ecc.). Attivo 7 giorni su 7 con un alto livello di servizi in tutti i settori (media 0,80 mq/spett).
 
L’ area Media ,dimensionata secondo le normative UEFA euro 2016, sarà caratterizzata da un elevato comfort per gli operatori poiché sarà dotata di tribune stampa tecnologicamente avanzate, area accoglienza con bar e ristoro.
 
Lo stadio, inoltre, ospiterà il Museo della Roma  per i tifosi e per i turisti: creando opportune sinergie con le strutture turistiche attive su Roma, operanti in tutto il mondo, si potrà inserire un tour dello stadio e del Museo-Roma nei pacchetti per la città.
 
Lo studio di un sistema di percorsi interni a raggiera di facile lettura garantisce massima sicurezza e renderà possibile l’evacuazione dello stadio in meno di 5 minuti (20m/min).
La raggiungibilità di tutti i settori è garantita dall’abbattimento di tutte le barriere architettoniche grazie all’utilizzo di rampe o ascensori.
 
Lo stadio è avvolto da una fascia perimetrale di due grandi schermi di led di ultima  generazione che serviranno a comunicare con la città e che saranno usati con varie caratteristiche e definizioni secondo le zone in cui saranno istallati. Questi schermi hanno la prerogativa di avere un alta luminosità ed un elevato contrasto in tutte le condizioni ambientali e di irraggiamento solare.
 
La pelle, il “guscio” è pensato in zinco-titanio, materiale ad alto coefficiente di riflessione della luce, che farà variare la percezione visiva dei colori dello stadio a seconda della luce del giorno, passando dall’argentato dell’alba al dorato del tramonto.
Lo zinco-titanio è un metallo duttile, flessibile, leggero, autopulente e, soprattutto, resistente all’inquinamento e all’azione degli agenti atmosferici. Ha, inoltre, un coefficiente di dilatazione molto basso che gli conferisce, quindi, maggiore stabilità geometrica.
 
Il sistema di copertura prevede 2 membrane sovrapposte alla struttura (il guscio) in zinco-titanio, aventi funzioni separate. La prima membrana sarà interamente ricoperta da pannelli fotovoltaici in grado di soddisfare l’intero fabbisogno dello stadio. La seconda sarà semitrasparente in modo da far passare circa l’80% della luce e permettere l’irraggiamento del manto erboso e allo stesso tempo proteggere della pioggia.
Questa sovrapposizione opportunamente distanziata, unita ai 4 passi carrai, che fungono da ripresa, permetterà una naturale e/o forzata ventilazione per il benessere del pubblico e del manto erboso.
 
Il nuovo stadio sarà completamente ecosostenibile : la copertura sarà composta di pannelli fotovoltaici; si sfrutterà la ventilazione naturale per il raffrescamento degli ambienti e le acque piovane raccolte saranno riutilizzate per l’irrigazione del campo.
 
All’interno 2 tabelloni completamente digitali consentiranno la fruizione di contenuti ad alta definizione. Lo stadio sarà interamente cablato e ciò consentirà di dotare ogni settore ed ogni posto di pannelli interattivi, che daranno la possibilità allo spettatore di effettuare scommesse sportive nel proprio settore o direttamente dal posto, di avere accesso al web e vedere le altre partite in contemporanea. Questo tipo di cablaggio consentirà, inoltre, il rispetto dei requisiti UEFA euro 2016 in merito al numero ed al posizionamento delle telecamere.
 
Esclusivo dello stadio sarà il raggio di curvatura studiato per il raccordo tra le tribune che, comparato con la curva di visibilità, ottimizzerà la visuale sul campo dalle aree corner (dist. min. 7,00m – dist. max 9,00m). La “visione d’insieme” della partita, pertanto, sarà in queste 4 zone assolutamente privilegiata con un comfort di alto livello. Esclusiva dello stadio sarà la presenza di 4 palchi (13 posti cad.) accanto alle panchine a bordo campo un settore da 250 posti per il corporate ospiti (tribuna est) con un elevato livello di servizi.
 
Il concept alla base del progetto si basa sulla funzione dello stadio. Lo stadio Franco Sensi vivrà all’interno e all’esterno, durante e dopo la partita, 7 giorni su 7 e 24 ore su 24, poichè proietterà notizie, informazioni e immagini come una sorta di “giornale interattivo”.
GAU Arena ha pensato a un’architettura semplice, senza orpelli e superfetazioni che possa entrare a far parte facilmente della memoria collettiva.
Lo Stadio sarà semplice ed essenziale come “semplici ed essenziali erano le armi con cui andavano a combattere i gladiatori” ha affermato l’arch. Gino Zavanella nell’esporre il progetto. “È un’opera che aiuta a creare spazi di aggregazione vivibili, dove l’obbiettivo dev’essere il benessere dello stare insieme, dove la creazione delle attività complementari faccia diventare lo stadio un luogo d’incontro, l’agorà degli anni 2000”.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui