Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Recovery Plan, Draghi: ‘supervisione politica affidata al Governo, operatività agli enti locali’
LAVORI PUBBLICI Recovery Plan, Draghi: ‘supervisione politica affidata al Governo, operatività agli enti locali’
AZIENDE

SUN-GIOSUN e T&T 2009: l’entusiasmo in fiera

Commenti 2438
19/10/2009 – SUN , il 27° Salone internazionale dell’esterno, la 24ª edizione di GIOSUN, Salone internazionale dei giochi e giocattoli all’aria aperta e T&T-Tende e Tecnica , la 5 ª biennale internazionale delle schermature solari hanno chiuso i battenti sabato 10 ottobre, registrando ottimi dati di affluenza, una crescente qualificazione del pubblico e, soprattutto, dando l’impressione chiara, netta e decisa che la grande ripresa economica è possibile.
 
Grande positività e fermento negli stand, nei convegni e nelle mostre-evento per quelle che in moltissimi, espositori e operatori, hanno definito come le kermesse della svolta, dove sono stati firmati ordini, incontrati nuovi e vecchi clienti, in cui molti espositori hanno già confermato l’intenzione di tornare, anche con spazi espositivi maggiori, mentre nuovi potenziali hanno richiesto alle segreterie preventivi per la prossima edizione.
 
Un entusiasmo palpabile che si è sostanziato in qualche dato:
35.000 visitatori, 60 riviste italiane accreditate, 38 estere.
SUN, in soli 3 giorni di manifestazione (senza la domenica), ha eguagliato il record delle 24.000 presenze dei 4 giorni (con la domenica) del 2008, registrando 24.112 visitatori. L’organizzazione pone inoltre l’accento sulla crescente qualificazione degli operatori, una certezza che deriva da un sistema codificato di inviti ad hoc. In quest’ottica, si segnala un incremento dell’8% di figure professionali necessarie per i mercati di riferimento.
 
T&T-Tende e Tecnica, svoltasi in 4 giornate come la passata edizione (2007), ha registrato un incremento dei visitatori del 17% (10.758 gli operatori accreditati presenti), in cui spicca il +4% di visitatori esteri.
 
Si conferma l’interesse di tutti i canali di distribuzione e vendita, vista la partecipazione degli operatori di tutti i grandi marchi della gds e dei gruppi di acquisto specializzati, ma non solo.
Per quanto riguarda i mercati internazionali, l’organizzazione ha provveduto a organizzare centinaia di business meeting negli stand espositivi con compratori selezionati provenienti da Francia, Germania, Spagna, Svizzera, Grecia, Marocco, Croazia, Montenegro, Slovenia.
A queste delegazioni ufficiali, giunte nei padiglioni con la collaborazione di enti e istituzioni – tra cui le Camere di Commercio italiane all’estero – si sono aggiunte rappresentanze autonome provenienti da 58 Paesi.
 
Sole, aria aperta, divertimento, arredo urbano, corredi per il balneare, attrezzature per il benessere, sistemi di arredo per il privato e il contract, tutte le attrezzature per l’esterno e, ancora, le schermature solari, i tendaggi, le coperture, a Rimini si sono trasformati immediatamente in business. La 27° edizione del Salone Internazionale ha confermato il ruolo strategico dell’Outdoor nell’economia turistica e produttiva nazionale e, con T&T, è emerso forte il valore energetico – oltre che estetico – delle protezioni solari e di tutta la filiera afferente.
 
Insomma, un’edizione tutta – sviluppata in 16 padiglioni, per 120.000 mq di superficie, con circa 1.000 espositori - all’insegna di una robusta valenza economica e di attenzione all’ambiente da parte di un comparto sempre più vicino al mondo della ricerca, della progettazione e del design, come hanno confermato le tantissime mostre e i convegni realizzati in collaborazione con atenei e istituzioni nazionali e internazionali. Un crocevia d’incontro e confronto che ha portato a Rimini, anche quest’anno, operatori provenienti da decine di nazioni di tutto il mondo.
 
C’è voluta la crisi per evidenziare tutte le potenzialità dell’economia “outdoor”, un universo di prodotti e tecnologie dedicati a offrire comfort, convivialità, svago, benessere, piacere estetico, comodità a chi sta all’aria aperta e a chi all’aria aperta vuol stare anche dentro casa, o immediatamente fuori, al riparo dal sole e dalle intemperie.
 
È risultato chiaro nei giorni di Fiera che la partita sul rilancio economico del Paese si gioca e si vince sull’eccellenza e la varietà del servizio e del prodotto, e che la sfida per abbattere i consumi energetici passa anche attraverso lo urban style e la climatizzazione passiva degli edifici.
È apparso evidente che è necessario comprendere che tende e protezioni solari adempiono a una funzione sempre più integrata tra estetica e regolazione micro-climatica degli edifici, arrivando a contribuire in misura rilevante (anche superiore al 50%) all’abbattimento dei consumi per il raffrescamento degli edifici.
Senza dimenticare le nuove tecnologie a basso consumo per l’illuminazione esterna, entrate a pieno titolo anche nell’arredo urbano e nell’ambientazione dei dehors – e protagoniste in SUN di un evento davvero unico nel panorama fieristico internazionale – e un sistema produttivo in cui cresce esponenzialmente l’impiego di materiali riciclati ed eco-compatibili.
Tradotto, occorre poter offrire il top di comfort, comodità, sicurezza e scelta a un mercato che, una volta di più, ha testimoniato di essere disposto a investire nella qualità.
Una sfida che è apparsa subito possibile sostenere, osservando le migliaia di novità e l’infinita gamma di soluzioni per l’arredo da esterni, il gioco e lo sport, le attrezzatura da spiaggia, il wellness, l’arredo urbano, le proposte per tutta la filiera dell’ospitalità, le schermature e le protezioni solari presentate dai 1.000 espositori di SUN e T&T.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui