Carrello 0
EVENTI

A Bologna la lectio magistralis di David Fisher

di Rossella Calabrese

Un incontro con l'inventore delle Rotating Towers

05/10/2009 – Si terrà domani, 6 ottobre, presso il Portici Hotel di Bologna la lectio magistralis dell’architetto David Fisher.

“Innovazione nel costruire” è il titolo dell’incontro, organizzato da CNA Emilia Romagna (Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa Regionale dell'Emilia Romagna) cui prenderanno parte anche Vasco Errani, Presidente della Conferenza Stato Regioni e il Sottosegretario alle Infrastrutture Mario Mantovani.
 
Come noto, Fisher è impegnato da diversi anni a questa parte nel progetto delle Rotating Tower. I primi due esemplari del grattacielo sorgeranno a Dubai (Emirati Arabi) e a Mosca (Russia). La città mediorientale sarà sede di una costruzione alta 420 metri, articolata su 80 piani, all’interno della quale saranno ubicati abitazioni (la cui ampiezza potrà oscillare tra i 124 e i 1200 metri quadrati), alberghi e società finanziarie. Costo totale dell’opera, 700 milioni di dollari.
 
La Rotating Tower destinata alla capitale russa, i cui lavori di realizzazione dovrebbero terminare entro il 2010 (per un costo complessivo stimato attorno ai 400 milioni di dollari) sarà invece alta 400 metri e conterà 70 piani.

Primi edifici interamente rotanti nella storia dell’architettura, le Rotating Tower sono caratterizzate dall’autonomia di movimento consentita a ciascun livello del volume e da una pluralità di soluzioni ecosostenibili.
 
Attraverso un meccanismo interno, ogni piano potrà, indipendentemente dal resto della struttura, godere quotidianamente di una vista differente in base alle esigenze dei suoi utenti, o spostarsi in base al lento moto circolare dell’intero grattacielo. Inoltre, nell’intento di produrre energia pulita in quantità tale da poter esser venduta a terzi, il lavoro prevede l’impiego di 79 turbine eoliche e di celle fotovoltaiche, posizionate sui tetti di ciascun piano.  
 
A realizzare i moduli di entrambe le strutture sono degli stabilimenti del comune pugliese di Altamura . Committente di questa produzione iper tecnologica è lo stesso Fischer, fondatore, assieme al gruppo Gedi, della società Rotating Tower Industries Italia . In questo senso, l’evento organizzato da CNA costruzioni, è inteso quale occasione per illustrare un caso eccellente d’innovazione nel costruire “made in Italy”.
 
Le torri rotanti sono edifici complessi, realizzati con componenti preassemblati in cui l’ impiantistica domotica consente ad una centrale di produzione elettrica alimentata da energie rinnovabili di essere sede di abitazioni ed alberghi di lusso. Abbiamo invitato ad esprimere pareri e valutazioni il Sottosegretario Mario Mantovani che per il Governo è titolare del Piano per l’edilizia abitativa e Vasco Errani Presidente della Conferenza Stato Regioni che ha gestito l’Accordo sul Piano Casa e avviato in Emilia Romagna la sperimentazione urbanistica della sostituzione con delocalizzazione”, fanno sapere gli organizzatori dell’evento.
 
La Dynamic Tower muterà radicalmente non solo il concetto di progettazione, ma anche quello di costruzione e di real estate, creando una nuova dimensione nell’architettura e nel nostro stile di vita”, ha commentato qualche tempo fa Fisher, che non nasconde il desiderio di realizzare una torre rotante in Italia, probabilmente a Roma, nella zona dell’EUR, e di essersi consultato già diverse volte con il sindaco della capitale Alemanno.

David Fisher - Biografia

David Fisher ha iniziato la sua carriera a Firenze, città emblema del Rinascimento italiano. Dopo la laurea con lode in Architettura a Firenze, il Dr. Fisher ha insegnato Architettura nella facoltà di ingegneria.
 
Negli ultimi 30 anni ha focalizzato la sua attività sulla progettazione di edifici con una particolare relazione con la natura, oltre che a ridefinire gli estremi tecnici e tecnologici degli edifici, in particolare a Londra, Mosca, Hong Kong, Parigi e Dubai.
 
Nello stesso tempo, l’Arch. Fisher si è anche occupato di restauro di monumenti antichi e di progettazione di edifici pubblici. Attraverso l’ufficio di New York della Fiteco Ltd, che ha fondato a metà degli anni ottanta, è stato coinvolto in progetti di ricerca sulla tecnologia della costruzione e della prefabbricazione, nonché nello sviluppo e realizzazione di progetti alberghieri.
 
A sua firma è il progetto “Leonardo da Vinci Smart Bathroom” per la costruzione e l’installazione di bagni pre-assemblati in alberghi e appartamenti di lusso. Questo è stato considerato il primo approccio “meccanico” alla costruzione civile, essendo l’unico sistema esistente integrato di bagni prodotti in fabbrica. Il Gruppo LDV dell’Arch. Fisher ha utilizzato questo sistema per la prima volta nell’ Hotel Le Meridian a Dubai.
 
Altri progetti sono stati realizzati a Milano, Londra, Mosca, Parigi e Hong kong. “Infinity design” è il nome del suo studio di architettura a Firenze, città in cui l’Arch. Fisher vive con la sua famiglia.
Il Dr. Fisher non può essere considerato un architetto nel senso tradizionale della parola.
 
Nella sua carriera ha avuto un’esperienza di 360° nel mondo della costruzione: da insegnante a progettista, dalla preparazione di studi di fattibilità al finanziamento di grandi progetti, dal project management al mercato immobiliare, dal design di prodotti, alla costruzione e sviluppo di
grandi impianti industriali.
 
Considera l’architettura una combinazione di fattibilità, funzionalità, ingegneria. In realtà ha avuto l’opportunità di sperimentare tutti i lati dell’architettura. L’insieme di tante esperienze gli ha dato una vastissima conoscenza nel campo, preparandolo a rivoluzionare le tecniche edilizie tradizionali con l’architettura del futuro.
 
L’attività professionale del Dr. Fisher è ora concentrata su due temi: un approccio industriale con lo sviluppo di unità prefabbricate e la Dynamic Architecture, secondo la quale il design tridimensionale incontra una quarta dimensione, il Tempo.
 
Il suo interesse per la tecnologia edilizia rimanda alla sua Firenze, città d’arte, città che ha dato al mondo scienza, tecnologia e invenzioni che hanno cambiato il mondo. L’idea di dare movimento agli edifici è una risposta filosofica alla vita che cambia così in fretta, maturata forse fin dalla sua infanzia guardando il tramonto del sole che scendeva sul Mediterraneo.
 
Secondo l’Arch. Fisher, il tempo è la dimensione più importante della vita poiché strettamente legata alla relatività. Il suo nuovo grattacielo, la Rotating Tower, “forgiata dalla vita, progettata dal tempo, deve essere considerata l’inizio di una nuova Era dell’architettura”.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Partecipa