Carrello 0
NORMATIVA

Aumento cubature e rottamazione edifici in Provincia di Trento

di Paola Mammarella

Bonus volumetrici a tempo legati all'efficienza energetica dopo il mancato recepimento del Piano Casa

Vedi Aggiornamento del 09/01/2013
29/10/2009 – Via alla rottamazione degli edifici in Trentino. La Provincia Autonoma di Trento approverà entro la fine della settimana il ddl collegato alla Legge Finanziaria 2009, L .P.2/2009 del 28 marzo scorso, contenente disposizioni per la manovra anticrisi e un piano a sostegno dell’occupazione. Tra le misure anche un piano di rilancio dell’edilizia.
 
Contenuti della finanziaria : Previste manovre straordinarie sugli investimenti, attraverso opere e interventi da attivare grazie all’apertura dei cantieri, con particolare attenzione ad efficienza energetica e “green economy”. La finanziaria provinciale si propone di fronteggiare la crisi economica del settore edilizio agevolando interventi di pronta e rapida reazione. Istituisce per questo un fondo destinato alla concessione di contributi, nella misura massima del 40% della spesa ammessa, del quale possono beneficiare le persone fisiche che hanno presentato la Dia, denuncia di inizio attività, o hanno ottenuto la concessione edilizia per gli interventi sulle unità abitative, comprese le pertinenze e le parti comuni dei condomini. 

Nel ddl collegato alla legge finanziaria compaiono norme urbanistiche relative all'edilizia. Prevista la predisposizione di tabelle con agevolazioni legate alla classe energetica degli edifici, come bonus volumetrici o minori costi di concessione. Favorito anche lo snellimento burocratico per il rilascio di Via e Vas. Proposta poi la semplificazione delle concessioni attraverso il conferimento di maggiori responsabilità ai progettisti e la minore richiesta di integrazioni documentali a carico dei privati.

Rottamazione degli edifici : Il ddl collegato introduce come novità la demolizione e ricostruzione degli edifici. Si tratta di un provvedimento a termine, per il quale sarà decisa una scadenza temporale. Le disposizioni gioveranno non solo al rilancio del settore costruzioni, ma soprattutto alla riqualificazione edilizia, architettonica ed energetica, nonché alla realizzazione di alloggi a canone moderato.

Poteri dei Comuni : Oltre all’esclusione dei centri storici e delle aree poste sotto tutela ambientale, le amministrazioni municipali devono autorizzare in via preventiva gli edifici che possono diventare destinatari degli interventi di demolizione e ricostruzione. 

I Comuni valutano infatti i progetti presentati dai privati in base a diverse scale di valore e utilità. Potranno essere concessi bonus volumetrici ulteriori, rispetto a quelli previsti dalla norma, in base agli effetti degli interventi in termini di riqualificazione architettonica, risparmio energetico e sostegno all’edilizia sociale.

Ricordiamo che, a differenza delle altre regioni italiane, la Provincia Autonoma di Trento aveva deciso di non recepire con una apposita legge i contenuti dell’accordo tra Stato e Regioni sul Piano Casa. I bonus volumetrici a tempo sono quindi rientrati nella normativa finanziaria.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui