Carrello 0
RISPARMIO ENERGETICO

Certificatori energetici: in arrivo i requisiti per i professionisti

di Rossella Calabrese

Necessaria l’abilitazione alla progettazione di edifici ed impianti; i periti industriali protestano col Ministro Scajola

Vedi Aggiornamento del 01/04/2011
29/10/2009 - Ingegneri, architetti, laureati in scienze agrarie, forestali e ambientali, geometri, periti industriali, agrari e agrotecnici saranno i “tecnici abilitati” alla certificazione energetica degli edifici. È quanto stabilisce la bozza di Dpr attuativo della lettera c) dell’articolo 4 comma 1, del Dlgs 192/2005  che fisserà i criteri di accreditamento dei certificatori.
 
Più specificamente, la bozza provvisoria del decreto definisce “tecnico abilitato” un tecnico, sia dipendente pubblico o privato che libero professionista iscritto al relativo ordine o collegio professionale, abilitato alla progettazione di edifici ed impianti, che opera nell’ambito delle proprie competenze.
 
Senza obbligo di corso
Danno accesso alla qualifica di “tecnico abilitato” alla certificazione energetica le lauree in architettura e ingegneria (edile, civile, per l’ambiente e il territorio, dei sistemi edilizi, dei materiali, ma anche aerospaziale, chimica, dell’automazione, della sicurezza, elettrica, energetica, meccanica, gestionale, navale e industriale), in scienze e tecnologie agrarie, forestali e ambientali. Sono abilitanti anche i diplomi di geometra, perito industriale, perito agrario o agrotecnico, limitatamente al proprio specifico ambito di competenza.
 
Qualora il tecnico non sia competente in tutti i campi citati (progettazione di edifici e progettazione di impianti asserviti agli edifici stessi), egli dovrà operare in team con altri tecnici, in modo che il gruppo copra tutti gli ambiti professionali per cui è richiesta la competenza.
 
Con obbligo di corso
Invece, per i laureati in fisica, matematica, urbanistica, chimica, geologia, ingegneria biomedica, elettronica, informatica e delle telecomunicazioni, e in scienze e tecnologie per l’ambiente e il territorio sarà obbligatorio frequentare specifici corsi di formazione per la certificazione energetica degli edifici, tenuti da università, enti di ricerca, regioni, ordini e collegi professionali.
 
Le reazioni
Contro lo schema di Dpr si è pronunciato il Consiglio Nazionale dei Periti Industriali ; il presidente del CNPI Giuseppe Jogna ha scritto una lettera aperta al Ministro dello Sviluppo Economico, Claudio Scajola, definendo “un grave errore” il decreto in via di approvazione. La categoria dei periti industriali – spiega Jogna – opera in tutti i settori della tecnica ingegneristica, ma il professionista abilitato nell’impiantistica non lo è nell’edilizia e viceversa.
 
Quindi, secondo il CNPI, riservare l'abilitazione alla certificazione energetica  ai tecnici abilitati alla progettazione di edifici ed impianti, significherebbe tagliare fuori i periti industriali dall’attività di certificazione energetica degli edifici, riservandola soltanto ad un numero ristretto di professionisti.


Lo schema di Dpr, che segue gli altri due attuativi dei Dlgs 192/2005 e 311/2006 ( Dpr 59 2 aprile 2009 recante metodologie di calcolo e i requisiti minimi, e DM 26 giugno 2009 contenente le Linee Guida per la certificazione energetica) è ora all’esame del Consiglio di Stato, dovrà poi tornare in Consiglio dei Ministri per l’approvazione definitiva e, infine, sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
SISSI

MA PER POTER FARE IL CERTIFCATORE ENRGETICO OCCORRE ESSERE ISCRITTI A QUALCHE ALBO O ORDINE? OPPURE BASTA LA LAUREA CHE TI CONSENTE DI FARLO + IL CORSO DA SOSTENERE??? RISPONDETEMI GRAZIE!

thumb profile
GIUSEPPE. P

SONO UN PERITO INDUSTRIALE SPECIALIZZAZIONE TERMOTECNICA, NON POTENDO FIRMARE LA PROGETTAZIONE EDILE, STANDO ALLA LEGGE MI VEDO ESCLUSO DA POTER EMETTERE LA CERTIFICAZIONE ..... STRANO.

thumb profile
Francesco

Una domanda fondamentale, da ieri sono ufficialmente abilitato alla libera professione da perito industriale, nel campo della meccanica e quindi anche settore termotecnico ecc... Ora però mi sorge un dubbio: posso timbrare anche piccoli impianti elettrici? se si fino a che potenza? Grazie

thumb profile
Francesco

Una domanda fondamentale, da ieri sono ufficialmente abilitato alla libera professione da perito industriale, nel campo della meccanica e quindi anche settore termotecnico ecc... Ora però mi sorge un dubbio: posso timbrare anche piccoli impianti elettrici? se si fino a che potenza? Grazie


)