Carrello 0
AZIENDE

Top-down REP® per il nuovo parcheggio interrato nel cuore di Parma

Commenti 6270

Tecnostrutture® si aggiudica l’appalto per la realizzazione del nuovo parcheggio pluripiano

Commenti 6270
12/11/2009 - L’area di Piazza Ghiaia a Parma è ad oggi oggetto di una imponente riqualificazione che prevede la ristrutturazione del mercato coperto e dei negozi ad esso contigui, nonché la realizzazione di tre piani interrati, in parte da dedicarsi a parcheggio.
 
Il parcheggio è il cantiere più complesso: la presenza di edifici lungo il perimetro della piazza, a meno di due metri dall’area di scavo, ha reso impossibile l’utilizzo dei tiranti a sostegno delle paratie dell’incavo per la struttura tradizionale in c.a.
 
L’impresa Bonatti ha dunque optato per la tecnica costruttiva top-down abbinata al sistema REP®. Consiste nella realizzazione delle parti superiori dell’opera, scavando sotto di esse per realizzare progressivamente quelle inferiori, operando perciò in modo contrario a quanto avviene normalmente.  
 
Nella pratica, dopo aver opportunamente posato in opera i pilastri PDTI® - prefabbricati autoportanti ad elevate prestazioni - si realizza l’impalcato “a contrasto” di tutto il sistema delle opere provvisionali; solo successivamente, si effettua lo scavo di sbancamento sotto il primo impalcato, e si realizza il solaio sottostante in modo da creare man mano i successivi piani rigidi.
 
“Dobbiamo scendere fino a -15 metri sotto il piano stradale – afferma l’Ingegner Sesenna, project manager dell’impresa Bonatti –e grazie al dispositivo di centraggio realizzato ad hoc da Tecnostrutture, ora riusciamo ad infilare i pilastri PDTI nel terreno ancor prima di cominciare lo scavo. I pilastri PDTI® hanno una lunghezza di 12 metri e un diametro di 45 centimetri. Ne abbiamo previsti 154”.
 
“Il sistema di posa appositamente studiato per questo progetto – prosegue l’ingegner Sesenna – ha richiesto uno scavo a sezione obbligata per il basamento dei pilastri che scende a una profondità di 25 metri e viene riempito con una gabbia metallica e un getto di calcestruzzo fino a quota -12. Prima che il calcestruzzo faccia presa, infiliamo i pilastri PDTI® e li agganciamo direttamente all’armatura della fondazione.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Manovra 2020, Decreto Clima, Bonus casa. Quali sono le misure più urgenti? Partecipa