Network
Pubblica i tuoi prodotti
LIVE
oggi alle ore 07:30
Edilportale Digital Forum sta per cominciare
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, al via il primo Summit online della Filiera delle Costruzioni
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, al via il primo Summit online della Filiera delle Costruzioni
AZIENDE

Top-down REP® per il nuovo parcheggio interrato nel cuore di Parma

Tecnostrutture® si aggiudica l’appalto per la realizzazione del nuovo parcheggio pluripiano

Commenti 6352
12/11/2009 - L’area di Piazza Ghiaia a Parma è ad oggi oggetto di una imponente riqualificazione che prevede la ristrutturazione del mercato coperto e dei negozi ad esso contigui, nonché la realizzazione di tre piani interrati, in parte da dedicarsi a parcheggio.
 
Il parcheggio è il cantiere più complesso: la presenza di edifici lungo il perimetro della piazza, a meno di due metri dall’area di scavo, ha reso impossibile l’utilizzo dei tiranti a sostegno delle paratie dell’incavo per la struttura tradizionale in c.a.
 
L’impresa Bonatti ha dunque optato per la tecnica costruttiva top-down abbinata al sistema REP®. Consiste nella realizzazione delle parti superiori dell’opera, scavando sotto di esse per realizzare progressivamente quelle inferiori, operando perciò in modo contrario a quanto avviene normalmente.  
 
Nella pratica, dopo aver opportunamente posato in opera i pilastri PDTI® - prefabbricati autoportanti ad elevate prestazioni - si realizza l’impalcato “a contrasto” di tutto il sistema delle opere provvisionali; solo successivamente, si effettua lo scavo di sbancamento sotto il primo impalcato, e si realizza il solaio sottostante in modo da creare man mano i successivi piani rigidi.
 
“Dobbiamo scendere fino a -15 metri sotto il piano stradale – afferma l’Ingegner Sesenna, project manager dell’impresa Bonatti –e grazie al dispositivo di centraggio realizzato ad hoc da Tecnostrutture, ora riusciamo ad infilare i pilastri PDTI nel terreno ancor prima di cominciare lo scavo. I pilastri PDTI® hanno una lunghezza di 12 metri e un diametro di 45 centimetri. Ne abbiamo previsti 154”.
 
“Il sistema di posa appositamente studiato per questo progetto – prosegue l’ingegner Sesenna – ha richiesto uno scavo a sezione obbligata per il basamento dei pilastri che scende a una profondità di 25 metri e viene riempito con una gabbia metallica e un getto di calcestruzzo fino a quota -12. Prima che il calcestruzzo faccia presa, infiliamo i pilastri PDTI® e li agganciamo direttamente all’armatura della fondazione.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui