Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, Finco: ‘troppe responsabilità per i professionisti’
NORMATIVA Superbonus, Finco: ‘troppe responsabilità per i professionisti’
EVENTI

Alla Triennale di Milano le Ceramiche d’Este

di Rossella Calabrese

Stili, idee e visioni da Mendini a Gumdesign

Commenti 2902
13/11/2009 – Il Triennale DesignCafé di Milano ospita in questi giorni la mostra "Ceramiche d’Este".

L’esposizione, in corso fino al prossimo 29 novembre, raccoglie una selezione di opere in ceramica disegnate e create da noti artisti, architetti e designer, in occasione delle  tre edizioni della Triennale di Ceramica al Centro d’Este, evento ideato e curata da Federica Marangoni.
 
Carlo Amadori, Andrea Branzi, Antonia Campi, Erdmute Carlini, Antonio Cornacchione, Michele De Lucchi, Pablo Echaurren, Anna Gili, Gumdesign, Toshiyuki Kita, Ugo La Pietra, Silvia Levenson, Giulia Marabini, Federica Marangoni, Gino Marotta, Alessandro Mendini, Armando Milani, Ettore Mocchetti, Ignazio Moncada, Paola Navone, David Palterer, James Wines, Prospero Rasulo, Denis Santachiara, William K. Sawaya, Luca Scacchetti, Matteo Thun, Adam Tihany, Massimo Vinelli sono gli autori dei singolari pezzi in mostra.

“La Triennale di Ceramica nasce ad Este con lo scopo di rilanciare e potenziare unadelle espressioni artistiche più radicata fin dall’antichità nel territorio. Il coinvolgimento di artisti, architetti e designer, nel corso delle edizioni svoltesi, ha portato alla creazione di una vera e propria collezione di design contemporaneo che restituisce le mille sfaccettature e potenzialità espressive di un materiale duttile e versatile come la creta, spiegano dalla Triennale di Milano. Tutte le opere sono state realizzate in collaborazione con artigiani e artisti d’Este ma ben riflettono le differenti dimensioni progettuali dei singoli partecipanti, da Andrea Branzi a Michele De Lucchi, da Alessandro Mendini a Pablo Echaurren, da Denis Santachiara a Matteo Thun ai più giovani Gumdesign. Che si tratti di porcellana, terracotta o gres, emerge una nuova visione del classico, a volte ironica a volte più concettuale, ma sempre alla luce della volontà di creare un ideale ponte tra tradizione e innovazione, storia e futuro”.

 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui