Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Demolire e ricostruire in zona A e nei centri storici, ecco quando si può
NORMATIVA Demolire e ricostruire in zona A e nei centri storici, ecco quando si può
NORMATIVA

Piano Casa Umbria, da gennaio istanze solo in via telematica

di Paola Mammarella

A disposizione un format per la presentazione di Pea, Dia e dichiarazioni dei progettisti

Vedi Aggiornamento del 04/03/2011
Commenti 4621
27/11/2009 – L’Umbria semplifica le procedure amministrative e burocratiche. Lo snellimento coinvolge anche il Piano Casa per il rilancio dell’edilizia attraverso gli ampliamenti volumetrici. Sono infatti in arrivo novità che diventeranno operative a pieno ritmo a partire da gennaio.
 
È stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale 50 dell’11 novembre la Delibera di Giunta 1454/2009 dello scorso 19 ottobre, che ha approvato la procedura di gestione per la presentazione telematica delle istanze di ampliamento, demolizione e ricostruzione, come previsto dall’articolo 38 della Legge Regionale 13/2009 .
 
Documentazione : Possono essere presentati in via telematica la Dia, Denuncia di inizio attività, accompagnata dalla dichiarazione del tecnico progettista, ma anche il Procedimento edilizio abbreviato, Pea, composto dalla richiesta del permesso di costruire e dagli allegati, tra i quali la dichiarazione del progettista.
 
Sistema transitorio : In base alla delibera approvata, a partire dal primo gennaio 2010 la presentazione della Dia o la richiesta del permesso di costruire dovrà quindi essere effettuata on line. Fino al 31 dicembre potrà ancora essere utilizzato il sistema cartaceo.
 
Modalità di invio : La Regione ha approvato finora modelli standard per tutti i Comuni, predisponendo anche un format per la dichiarazione a disposizione dei progettisti. La trasmissione telematica può avvenire attraverso un sistema di gestione del procedimento del Comune o con la posta elettronica certificata. 
 
Gli interessati potranno quindi scegliere se utilizzare il servizio on line messo a disposizione dal Comune o predisporre l’istanza in formato digitale per poi trasmetterla attraverso una casella di posta elettronica certificata.
 
Termini : Entro la fine dell’anno dovrà quindi essere garantito il pieno funzionamento della procedura telematica, messa a disposizione dei Comuni, senza oneri finanziari aggiuntivi, dal consorzio Sir Umbria.
 
Garantito anche il coordinamento per il corretto scambio di informazioni tra Comuni, Consorzio e operatori del settore. In questo modo, attraverso la consultazione telematica, diventa possibile per i cittadini conoscere lo stato di avanzamento dei propri procedimenti edilizi, attuando il principio della trasparenza.

Pianificazione : La Regione può inoltre disporre in modo sistematico e strutturale di informazioni utili alla pianificazione generale, alla definizione del contributo di cotruzione e all’eventuale revisione delle politiche per la casa.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui