Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, la seconda giornata della fiera virtuale dell’edilizia
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, la seconda giornata della fiera virtuale dell’edilizia
RISPARMIO ENERGETICO

Puglia: ok alla certificazione di sostenibilità edifici

di Rossella Calabrese

Definite le procedure regionali per l’accreditamento dei certificatori energetici

Vedi Aggiornamento del 27/06/2011
Commenti 10518
26/11/2009 - Con la delibera n. 2272 del 24 novembre 2009 , la Giunta regionale pugliese ha approvato il Sistema di Certificazione di sostenibilità degli edifici a destinazione residenziale”, come prescritto dagli articoli 9 e 10 della Lr 13/2008 “ Norme per l’abitare sostenibile”.
 
La delibera approva il sistema completo delle procedure, dell’accreditamento dei soggetti abilitati, del rapporto con la certificazione energetica e dello strumento di valutazione dei livelli di sostenibilità, completo delle linee guida e del software per l’applicazione.
 
In agosto, con la Delibera di Giunta regionale n. 1471/2009 , è stato approvato l’Atto di Indirizzo per introdurre il “Sistema di valutazione del livello di sostenibilità ambientale degli edifici a destinazione residenziale” ( leggi tutto ), basato sul “Protocollo Itaca” , lo strumento approvato dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome nel gennaio 2004.
 
Il sistema di valutazione è stato contestualizzato rispetto al modello Itaca, sia per tenere conto delle osservazioni avanzate dal vasto partenariato coinvolto e dalla Cabina di Regia con gli Enti locali, sia per renderlo coerente strategia regionale per la tutela del paesaggio e delle risorse ambientali. In particolare, è stato approfondito il tema della salvaguardia della risorsa idrica, del contenimento dei consumi energetici per la climatizzazione estiva, della qualità della localizzazione e del benessere psico-fisico di chi occupa gli edifici, con particolare riferimento all’incentivazione dell’uso di materiali biosostenibili e di provenienza locale, del risparmio e dell’uso consapevole delle risorse, del ricorso a tecnologie passive per il contenimento dei consumi energetici, dell’integrazione paesaggistica e del recupero dei saperi diffusi della pratica costruttiva tradizionale, dell’accessibilità e della facilità d’uso a largo spettro degli edifici.
 
Secondo l’ assessore alla Politiche del Territorio, Angela Barbanente , la delibera costituisce “un passo importantissimo per aiutare il vasto sistema imprenditoriale, professionale e occupazionale che ruota attorno all'edilizia a vincere la sfida della innovazione del settore in chiave ecologica. Sostenere forme innovative di edilizia di qualità e a basso consumo, come è avvenuto in altri paesi europei, è importante non solo per migliorare la qualità della vita nella nostra regione ma per aprire al sistema produttivo regionale opportunità di sviluppo in altre regioni del Mediterraneo.”

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui