Carrello 0
NORMATIVA

Piano Casa, 100 mila alloggi in 5 anni con i fondi immobiliari

di Paola Mammarella
Commenti 5826

Depositato dal Mit il documento per l’amministrazione delle risorse, tra un mese il bando per le società di gestione

Vedi Aggiornamento del 20/10/2011
Commenti 5826
26/01/2010 – Vicino al capolinea il Piano Casa per il contenimento del disagio abitativo. La scorsa settimana il gruppo di lavoro, incaricato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti di definire i requisiti dei fondi immobiliari per gli investimenti nel social housing, ha consegnato la bozza di  regolamento , utile anche per la selezione delle società che gestiranno le operazioni.

Obiettivo degli stanziamenti, che grazie alla movimentazione dei capitali potrebbero raggiungere quota 7 miliardi di euro, è la costruzione o il recupero di 100 mila alloggi nei prossimi cinque anni, da destinare a nuclei familiari e giovani coppie a basso reddito, anziani in condizioni sociali o economiche svantaggiate, studenti fuori sede, sfrattati, immigrati regolari a basso reddito residenti in Italia da almeno 10 anni o almeno 5 nella medesima regione.


Funzionamento del fondo : Il fondo avrà una durata predefinita di 30 anni, con un rendimento del 2%. Agli investitori non è riservata la possibilità di recedere dall’investimento, a eccezione di alcuni casi menzionati dal regolamento, come liquidazione anticipata e rimborso parziale per disinvestimenti. Il testo approvato prevede anche la trasferibilità delle quote tra investitori qualificati. 

I progetti finanziabili saranno valutati in base al grado di fattibilità, dimensione e stato di avanzamento. Preferiti gli interventi che non implicano il consumo di suolo, come ristrutturazioni e recupero delle aree destinate alla riqualificazione urbana. Il regolamento predilige inoltre i progetti che coinvolgono coordinamenti di più Comuni e dà priorità agli edifici di classe energetica B. 

Nel testo compaiono inoltre raccomandazioni per evitare lo squilibrio territoriale. Ad ogni modo, però, alla Sgr è riconosciuta la piena autonomia nella gestione del fondo nazionale come strumento di mercato. 

Iter del social housing: Ricordiamo che il Piano Casa per l’edilizia sociale è stato previsto dal DL 112/2008 , convertito dalla Legge 133/2008 per l’incremento dell’offerta di abitazioni di edilizia residenziale pubblica. Dopo il confronto in Conferenza Stato Regioni e Unificata e il parere favorevole del Cipe, espresso con la delibera dell’8 maggio 2009 , il Presidente del Consiglio ha emanato un dpcm per l’assegnazione di 200 milioni di euro, cui ha fatto seguito il DM 40111/2009 per la ripartizione dei fondi tra le Regioni. A questi si aggiungono gli investimenti movimentati dai fondi immobiliari locali e nazionale il cui funzionamento è disciplinato dal regolamento predisposto dal gruppo di lavoro istituito dal Ministero delle Infrastrutture.

Concluderà l’iter una gara per la selezione del gestore del fondo, che il Ministero conta di poter pubblicare entro un mese. I fondi immobiliari, in cui il Governo investirà 150 milioni di euro, saranno integrati da ulteriori 377 milioni ripartiti per regioni, per i quali saranno stipulati appositi accordi di programma.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Il programma del Governo Conte bis. Come realizzarlo? Partecipa