Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Abusi edilizi, a quanto ammonta la multa alternativa alla demolizione?
NORMATIVA Abusi edilizi, a quanto ammonta la multa alternativa alla demolizione?
MERCATI

Investimenti in costruzioni: nel 2009 sono calati del 10%

di Rossella Calabrese

Buzzetti, Federcostruzioni: ‘se non si sostiene il settore edile, la ripresa sarà più lenta e più debole’

Vedi Aggiornamento del 25/10/2010
Commenti 4688
08/02/2010 - “Nel 2009 gli investimenti in costruzioni hanno registrato un calo rispetto al 2008 intorno al 10%. Tutti i comparti sono in difficoltà. La nuova edilizia residenziale perde il 19%; il non residenziale diminuisce del 10% e il mercato dei lavori pubblici, che avrebbe dovuto svolgere una forte funzione anticongiunturale, cala dell’8%. La recessione ha investito con una violenza sconosciuta le industrie produttrici del settore delle costruzioni. In meno di due anni la produzione industriale si è ridotta di un terzo.”
 
Così Paolo Buzzetti, Presidente di Federcostruzioni , in occasione dell’apertura dell’edizione 2010 del MADE Expo di Milano, ha voluto richiamare l’attenzione della classe politica e del Governo sul difficile momento delle costruzioni italiane.
 
“È anche per contrastare questa deriva recessiva che ci siamo uniti e abbiamo creato Federcostruzioni che oggi riunisce 100 associazioni di settore, in rappresentanza di 30.000 imprese, per un valore di 370 miliardi di euro di fatturato e di 3 milioni di occupati. Nella convinzione che in questo modo avremmo potuto costituire un interlocutore autorevole e di peso nei confronti delle istituzioni e di chi guida le politiche industriali del nostro Paese. In questi mesi abbiamo avanzato proposte precise e del tutto compatibili con lo scenario economico e finanziario, invitando il Governo a puntare sulle costruzioni, in quanto settore strategico e fondamentale per ridare vigore all’economia e favorire un nuovo ciclo di sviluppo stabile e duraturo.”
 
“Abbiamo, insieme al MADE affidato al Cresme uno studio sul mercato mondiale da cui emerge come nel 2010 proprio i Paesi che hanno puntato su una consistente politica di incentivi alle costruzioni guideranno la ripresa, mentre chi ha esitato o ha scelto altre priorità è destinato a restare indietro e a prolungare l’agonia della crisi. Tra i secondi, quelli che rimanderanno i tempi della ripresa, purtroppo vi è anche l’Italia.”
 
Il Presidente di Federcostruzioni ha ribadito quanto aveva sottolineato già a maggio, in occasione degli Stati Generali delle Costruzioni, che il tessuto imprenditoriale che si riconosce nella filiera lunga delle costruzioni ha un potenziale straordinario che ha solo bisogno di essere orientato e sostenuto sia sul piano del mercato interno che per fronteggiare la competizione internazionale.
 
“Avevamo auspicato interventi urgenti, di emergenza, privilegiando le piccole opere e si è scelto di concentrare la stragrande maggioranza delle risorse su opere i cui tempi di incidenza sull’economia saranno inevitabilmente lunghi. Credevamo e crediamo con sempre maggiore convinzione che si debba privilegiare l’obiettivo dell’efficienza energetica inserendoci con decisione nel consesso dei maggiori Paesi del Nord Europa, ma anche in linea con quanto stanno realizzando Paesi come Spagna e Portogallo. Per ora la scelta è stata opposta, decidendo di non rinnovare gli incentivi del 55%. E’ necessario che ci si renda conto che senza una politica economica che consideri le costruzioni una priorità la ripresa sarà lenta e debole.”
 
Buzzetti ha evidenziato come sia essenziale per l’industria italiana delle costruzioni poter contare su una politica di incentivazione destinata a favorire un più rapido e ampio processo di innovazione tecnologica e di qualificazione del sistema imprenditoriale. “Per questo siamo presenti anche al MADE, per ribadire la centralità delle costruzioni e per essere accanto alle tante imprese che costituiscono una parte consistente non soltanto della ricchezza di oggi del nostro paese ma soprattutto per esserlo ancora di più nell’immediato futuro.”
 
 
Fonte: Ufficio stampa Strategie & Comunicazione

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui