Carrello 0
NORMATIVA

Ascensori, nuove norme per la sicurezza

di Rossella Calabrese

Disciplina per l’installazione e l’esercizio degli impianti destinati al trasporto di persone in servizio pubblico

Vedi Aggiornamento del 03/04/2015
03/02/2010 - È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 21 del 27 gennaio scorso, il DM 11 gennaio 2010 contenente le norme per l’esercizio degli ascensori destinati al trasporto di persone.
 
Il decreto ministeriale riguarda gli ascensori destinati al trasporto di persone in servizio pubblico mediante una cabina che si sposta lungo guide rigide verticali la cui inclinazione è minore di 15° rispetto alla verticale.
 
Per la progettazione, costruzione e installazione degli ascensori e dei relativi componenti di sicurezza si applica il capo I del Dpr n. 162 del 30 aprile 1999 , di attuazione della direttiva 95/16/CE . La realizzazione dell’impianto in adesione a norme armonizzate, operata su base volontaria dall’installatore, costituisce presunzione di conformità ai requisiti di sicurezza e tutela della salute delle persone di cui alla direttiva 95/16/CE.
 
La documentazione progettuale per l’installazione di un ascensore, e quella relativa a modifiche costruttive, deve essere approvata dagli organi regionali o dagli enti locali delegati, che a tal fine richiedono preventivamente, agli uffici trasporti ad impianti fissi, il rilascio del nulla osta ai fini della sicurezza.
 
Il DM indica poi la documentazione da allegare alla domanda per il rilascio del nullaosta, tra cui: documentazione tecnica conforme alle norme UNI EN 81.1 E 81.2; relazione di calcolo delle strutture portanti del vano ascensore (firmati da un ingegnere iscritto all’albo); relazione sul sistema di telesorveglianza; documentazione tecnico-illustrativa relativa al sistema di teleallarme; piano di soccorso per il recupero dei passeggeri; ecc. Nei casi di progetti che prevedano soluzioni tecniche innovative, il nulla osta tecnico deve essere rilasciato dagli organi centrali dell’Amministrazione, su parere dell’Ufficio Speciale per i Trasporti ad Impianti Fissi (USTIF) competente.
 
Dopo l’approvazione della documentazione presentata, gli Organi regionali o gli enti locali delegati autorizzano l’esecuzione dei lavori di installazione di un ascensore di nuova realizzazione o delle modifiche costruttive importanti ad un impianto già in esercizio. Ultimata l’installazione dell'impianto, l’esercente deve presentare domanda di apertura dell’ascensore al pubblico esercizio richiedendo nel contempo, l’espletamento delle verifiche della sicurezza.
 
Infine, il DM prescrive che, ogni giorno, prima dell’inizio del servizio pubblico, il personale individuato dal responsabile dell’esercizio, deve effettuare una o più corse di prova a vuoto.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
davide

Quali sono le normative di sicurezza per l'ascensore? E' vero che non può più essere diretto in appartamento all'ultimo piano, ma necessita di un muro separatore dall'appartamento? grazie

thumb profile
gianni

Condominio 2 piani, Primo piano uso atività artigianale con un suo ascensore montacarichi, L'altro ascensore stesso tipo uso privato alloggi del secondo piano condominiale il costrutore del palazzo ha chiuso al primo piano con muratura ingresso ascenssore esistente. Credo per non pagare la quota visto che a il suo, Ma può farlo a titolo sicurezza, nel caso che si blocasse a metà tra piano terra e il secondo. Se ci sono norme in merito a questo caso grazie...


x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Leggi i risultati