Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, in arrivo deroghe alle distanze e varianti semplificate
RISPARMIO ENERGETICO Superbonus, in arrivo deroghe alle distanze e varianti semplificate
NORMATIVA

Piano Carceri: ok alla procedura straordinaria

di Rossella Calabrese

Le novità: black list di fornitori e appaltatori, priorità alla ristrutturazione dell’esistente, intesa vincolante con i Comuni

Vedi Aggiornamento del 20/12/2011
Commenti 5307
23/02/2010 – Nella seduta di venerdì 19 febbraio la Camera ha approvato il ddl di conversione del decreto-legge 195/2009 , contenente le norme per l’attuazione del Piano Carceri, in deroga alla normativa urbanistica e a quella sugli espropri e con procedure semplificate per gli appalti.
 
Dal testo è stata, invece, cancellata la contestata norma che avrebbe introdotto la “Protezione Civile Servizi SpA” ( leggi tutto ).
 
Le disposizioni sul  Piano carceri prevedono un iter più snello per la localizzazione e l’espropriazione delle aree ove realizzare gli istituti penitenziari. Secondo le nuove norme, per realizzare più velocemente le nuove strutture, possono essere conferiti pieni poteri al Commissario straordinario, il quale può avvalersi del Dipartimento della Protezione civile per le attività di progettazione, scelta del contraente, direzione lavori e vigilanza degli interventi strutturali ed infrastrutturali.
 
Per la prevenzione di infiltrazioni della criminalità organizzata, viene introdotta una disciplina analoga a quella del DL 39/2009 sulla ricostruzione in Abruzzo, che affida ai prefetti il coordinamento e l’unità di indirizzo di tutte le attività finalizzate alla prevenzione.
 
Nella seduta di Montecitorio sono stati approvati tre ordini del giorno, proposti dalle opposizioni.

Il primo, a firma di Cinzia Capano (PD), impegna il Governo a stilare una “black list” di fornitori e prestatori di servizi, considerati a rischio di inquinamento mafioso, con i quali non possono essere stipulati i contratti pubblici e i successivi subappalti e subcontratti aventi ad oggetto lavori, servizi e forniture riguardanti il Piano Carceri.
 
Sulla procedura di localizzazione delle aree destinate alla realizzazione di nuove infrastrutture carcerarie, interviene l’ordine del giorno di Anna Rossomando (PD) che impegna il Governo a dare priorità alla ristrutturazione e alla messa a norma delle numerose case circondariali attualmente esistenti. Anche questo ordine del giorno è stato approvato dalla Camera.
 
Parere positivo anche per l’ordine del giorno che chiede di rendere vincolante l’intesa sulle aree interessate con i comuni di riferimento. I proponenti Ria, Rao e Vietti (UdC) sottolineanochela scelta localizzativa rischia di essere effettuata in mancanza di una condivisione dell’ente locale e di risultare in contrasto con le previsioni urbanistiche e quindi con gli indirizzi di sviluppo delle città interessate.
 
Il testo è ora all’esame del Senato che dovrà approvarlo il 28 febbraio.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui