Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Visure catastali, arriva il Sistema integrato del territorio
TOPOGRAFIA Visure catastali, arriva il Sistema integrato del territorio
RISULTATI

Treviglio: una grande pergola fotovoltaica per il nuovo centro polifunzionale

di Rossella Calabrese

Vince il team d'architettura romano P.I.U.

Commenti 7292
12/02/2010 – Una grande pergola fotovoltaica, con una produzione annua di 50 MWh, pensata per rivestire ed unificare nuovo e costruito: è questo l’elemento caratterizzante della proposta progettuale con cui lo studio d’architettura romano P.I.U. - Project in Use  ( Luca Pastorini , Stefano Benatti e Sonia Sammartino ) ha meritato il titolo di primo classificato nel concorso lanciato dal Comune di Treviglio (Bg) per la riqualificazione dell’edificio comunale ex-Upim , destinato ad ospitare un nuovo polo pubblico polifunzionale di classe energetica B.
 
La struttura esistente, che abbraccia con la sua cortina l’insediamento d’età romana del Castrum Vetus , verrà altresì sottoposta a interventi di demolizione ridotti e mirati per supportare una nuova connettività pedonale a livello stradale e nuove funzioni a uso misto.
 
“Il nuovo passaggio urbano, ricavato dentro l’edificio, è concepito come un corridoio urbano polifunzionale che può essere aperto il giorno e chiuso la notte, utilizzabile per compartimentare gli usi misti e non sincronizzati del nuovo centro civico polifunzionale – spiegano dal team vincitore. Il grande atrio urbano posto al centro di questo passaggio, diviene il centro del centro. Il mercato coperto posto al livello terra può espandersi naturalmente nella piazza per articolarne gli usi possibili ad eventi temporanei, fiere, esposizioni. A questa Piazza Bassa, dal carattere urbano ed artificiale, si affianca una Piazza Alta, grande giardino pensile panoramico sulla città. La Piazza Bassa viene concepita come un sistema flessibile e mobile, capace di adattarsi a diversi usi con il passare delle ore della giornata, della settimana, del mese.
 
Le panche ed i banchi del mercato possono muoversi su rotaie, allineate con la maglia strutturale, rendendo possibili 3 configurazioni di arredo corrispondenti a 3 modelli d’uso dello spazio urbano: piazza libera, piazza arredata – pedonale, piazza semicarrabile.
 
La Piazza Alta concentra una serie aperta e flessibile di spazi collettivi, realizzati in metallo e cristallo e poggiati sul solaio esistente, inseriti armoniosamente nel verde del tetto giardino: caffè, ludoteca, parte delle sale di lettura della biblioteca sottostante sono immerse nel verde e nel contempo, nelle attività e nei percorsi del centro storico circostante. Si propone un utilizzo civico del piano terra, con la presenza del mercato come funzione-cerniera con la città, gestibile in modo classico in termini di igiene e carico-scarico merci. A questa funzione si associa il blocco degli uffici comunali, facilmente accessibili e completamente vetrati, con una reception aperta sulle strade del centro storico.
 
Il nodo centrale di accesso è concepito come grande vuoto al centro dell’edificio, in dialogo con le altre corti del Castrum…Questo grande vuoto, condensatore di flussi ed affacci molteplici ed articolati, permette di portare luce ed aria alle funzioni poste al livello -1. La sala polivalente a livello -1 è attivabile rapidamente e semplicemente come spazio espositivo o sala conferenze, estraendo da un piccolo locale stock dei pannelli espositivi scorrevoli, utilizzabili anche per delimitare senza chiudere la sala, in configurazione conferenza”.
 
Come previsto dal bando di concorso, studio PIU, vincitore di un premio pari a 10mila euro, affiancherà il gruppo tecnico, individuato all’interno del Settore Gestione del Territorio del Comune, che dovrà realizzare la progettazione definitiva ed esecutiva, funzionale alla rapida cantierizzazione. I lavori di realizzazione della struttura dovrebbero partire entro l’anno. Il costo complessivo dell’operazione si aggira sui 5 milioni di euro.
 
Il secondo ed il terzo posto della competizione, corrispondenti a un premio 5mila e 3mila euro, sono rispettivamente stati attribuiti ai team guidati dagli architetti Vincenzo Agliati e Roberto Oggionni .

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, lo conosci davvero? Scoprilo con il quiz! Partecipa