Carrello 0
AZIENDE

Aria nuova a Palazzo Recalcati dalle finestre Navello

Efficienza energetica e recupero architettonico per lo storico edificio milanese

31/03/2010 - Con la primavera si riaprono porte (e finestre!) di Palazzo Recalcati, la storica dimora nobiliare milanese che negli ultimi mesi è stato riportata a nuova vita da un complesso intervento di restauro. Quasi 200 gli infissi restaurati o ricreati “ad hoc” dall’azienda piemontese Navello che - nel pieno rispetto dello stile rinascimentale del palazzo - ha  lavorato su materiali e tecnologie finalizzati alla massima efficienza energetica.
 
Ogni infisso è stato realizzato  su misura, in pino lamellare con lavorazioni speciali che riproducono l’aspetto delle finestre originali: centine  e aperture personalizzate, traversini applicati per dividere ogni anta in tre parti e regoli fermavetro sagomati a “foglia”.
 
Elemento contemporaneo di particolare pregio: i vetri basso emissivi con gas Argon (4/15/4 per le finestre e 33.1/12/4 per le porte-finestre dei balconi), vetro-camere di ultima generazione che consentono di migliorare l’isolamento dell’intero edificio, raggiungendo una trasmittanza termica (la capacità isolante) di Ug=1,1, uno dei valori più bassi sul mercato.
 
Una scelta che riduce i consumi, migliora il comfort abitativo e permette di conservare al meglio l’integrità dei preziosi arredi interni del Palazzo che prende il nome da una delle più antiche famiglie lombarde (già funzionari del Ducato di Milano e tra i fondatori della Società Palatina).
Costruito alla fine del Quattrocento, Palazzo Recalcati è situato al numero 8 di Via Amedei, all’interno della cerchia delle mura romane del capoluogo lombardo.
 
La struttura originale dell’edificio fu ampliata tra la fine del ‘600 e la prima parte del XVIII secolo, per poi subire una imponente opera di restauro durante gli anni ’20, quando ormai i fasti dell’epoca nobiliare erano solo un ricordo. Riportato all’antico splendore da un ulteriore intervento di ripristino nel 1997, Palazzo Recalcati conserva intatti particolari architettonici di pregio come la corte porticata “bramantesca” e la ringhiera settecentesca della scalinata d'ingresso.
 
Fondata nel 1824 a Dogliani (CN) come bottega artigiana di falegnameria,  Navello  è una realtà tipicamente italiana, cresciuta attraverso le generazioni realizzando un percorso basato sulla ricerca, sulla qualità dei materiali e sulle tecnologie di lavorazione del legno.
 
Sebbene l’azienda abbia sviluppato nel tempo una capacità produttiva di livello industriale, tecnologicamente sofisticata, la dimensione artigianale è rimasta nel Dna dell’azienda -oggi leader nella produzione di serramenti in legno su misura- per il mercato della piccola edilizia residenziale ma anche per cantieri importanti.
 
Fra le produzioni Navello: serramenti, portoncini di primo ingresso, persiane e antoni, realizzabili su disegno e in qualsiasi dimensione.  Le essenze (Pino di Svezia, Pino lamellare FJ,  Douglas, Yellow Pine, Framirè, Rovere e Frassino) sono disponibili con finiture trasparenti all’acqua e una vasta scelta di laccature all’acqua.

NAVELLO su Edilportale.com  

Immagine 1: Navello - cortile porticato di Palazzo Recalcati (finestre Navello)
Immagine 2: Navello - cortile porticato di Palazzo Recalcati (finestre Navello)
Immagine 3: Navello - Interno di Palazzo recalcati (finestra Navello)
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Leggi i risultati