Carrello 0
LAVORI PUBBLICI

Appalti, restrizioni alla partecipazione non limita la concorrenza

di Paola Mammarella

CdS: requisiti di qualificazione sempre proporzionali e ragionevoli

Vedi Aggiornamento del 24/08/2010
23/03/2010 – La Stazione Appaltante può introdurre nel bando di gara disposizioni per limitare il numero di partecipanti a patto che non venga violata la concorrenza. Lo ha stabilito il Consiglio di Stato con la sentenza 56/2010 del 13 gennaio scorso.
 
La limitazione è ammessa solo per consentire la partecipazione di soggetti particolarmente qualificati. Al contrario, continua ad essere vietata la predeterminazione dei concorrenti, che di fatto infrange il principio di libera concorrenza.
 
Le informazioni e i requisiti richiesti oltre ad essere pertinenti e proporzionati allo scopo che la gara si prefigge di perseguire, devono presentare un carattere di ragionevolezza e logicità.
 
La limitazione del numero dei concorrenti non si traduce solo nella fissazione di criteri di selezione maggiormente restrittivi, ma avviene anche quando il bando richiede elementi specifici in grado di rappresentare la concreta situazione aziendale dell’impresa partecipante alla gara.
 
Nel caso preso in esame, il CdS ha giudicato legittima l’esclusione di un’impresa tenuta, in base al disciplinare di gara, a rendere dichiarazioni sulle proprie dimensioni e principali caratteristiche utilizzando esclusivamente il modulo predisposto dalla Stazione Appaltante e allegato al bando.
 
Alle richieste di informazioni, avanzate dalla Stazione Appaltante attraverso il modulo allegato, è stata riconosciuta dal CdS la finalità di avere la certezza immediata delle caratteristiche dell’impresa, come numero di dipendenti e contratti di lavoro.
 
Allo stesso tempo, il Consiglio di Stato ha escluso la possibilità di regolarizzare in un secondo momento l’assenza delle informazioni richieste o la presentazione delle stesse con modalità diverse da quelle indicate nel bando. Il motivo risiede proprio nella specificità delle informazioni, che sono quindi sostanziali e non formali.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Partecipa
)