Carrello 0
NORMATIVA

Competenze geometri: gli architetti contro il ddl 1865

di Rossella Calabrese
Commenti 18489

Ordine APPC di Milano: al tavolo tecnico, oltre alle quattro categorie professionali, partecipi anche l’Università

Vedi Aggiornamento del 12/10/2012
Commenti 18489
09/03/2010 - Nuova presa di posizione degli Ordini degli architetti contro il disegno di legge 1865 , che propone di estendere le competenze progettuali dei geometri e dei periti consentendo loro di occuparsi di progettazione architettonica.
 
Questa volta è l’Ordine degli APPC della Provincia di Milano a denunciare che la “futura legge”, nascondendosi dietro l’esigenza (effettivamente molto sentita) di riordinare la gelatinosa materia delle competenze, di fatto amplia solo quelle dei geometri e dei periti, fino a consentire la progettazione di opere che, anche alla luce delle più recenti pronunce della giurisprudenza, dovrebbero essere escluse.
 
Il ddl - spiega l’Ordine di Milano - riconosce ai geometri e ai periti la competenza a firmare senza limiti la progettazione architettonica di opere, purché i calcoli statici siano firmati da altro tecnico abilitato. Questa situazione - fanno notare - è sempre stata criticata dalla Cassazione che ancora oggi, con la sentenza n. 19292/2009 , afferma l’incompetenza dei geometri anche alla redazione dei progetti architettonici di massima richiedenti l’impiego di cemento armato.
 
La nuova legge - proseguono gli architetti milanesi - consentirebbe ai geometri e ai periti di progettare ogni tipo di intervento (manutenzione ordinaria, straordinaria, risanamento e ristrutturazione  edilizia) senza alcuna limitazione “purché non comportino interventi statico-strutturali su complessi di strutture in cemento armato”. Ma - sottolineano - le competenze professionali dei geometri sono sancite dal RD n. 274/1929 il quale li esclude dai progetti di civile abitazione con strutture in cemento armato.
 
Trattandosi di una materia complessa e irrisolta da anni, l’Ordine ritiene che non si possa affrontarla in modo unilaterale, come è avvenuto con il ddl 1865, senza considerare tutte le professioni tecniche (e non solo geometri e periti) e a danno di altri professionisti, ma soprattutto senza una valutazione che parta dai singoli percorsi formativi per giungere alla regolamentazione di un settore cui partecipano competenze e professionalità diverse.

 
Ricordiamo che, dopo l’incontro del 24 febbraio scorso tra la senatrice Vicari e i rappresentanti delle professioni tecniche, l’iter del disegno di legge è stato sospeso per due mesi per consentire la redazione di un documento condiviso con le osservazioni al provvedimento ( leggi tutto ).
 
Gli architetti milanesi ritengono, però, che per affrontare in maniera organica il tema delle competenze professionali e per trovare soluzioni chiare e condivise non bastino i 60 giorni concessi dal Governo e che al tavolo che è stato costituito, oltre alle quattro categorie tecniche, debba partecipare anche l’Università, perché è da lì che partono i percorsi formativi ed è da lì che, fin dall’inizio, dovrebbe essere chiaro a quali sbocchi portano.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
giorgio

I laureati proprio perchè hanno un corso di studi più lungo si occupano di argomenti specialistici, particolari infinitesimali di un opera, per paragone il primario di un ospedale è laureato ma il grosso del lavoro lo fa l'infermiere. L'economia si regge su cose pratiche,accessibili, caserecce, alla mano. I luminari non supportano l'economia, ma mettono i puntini sulle i.

thumb profile
Roberto II

Nulla da eccepire alla formazione degli architetti. Ciò che mi perplette è la rabbia che traspare tra le righe, pare quasi che tutti questi anni di studio vengano percepiti dalla pomposità Vostra come buttati al cane. Comunque io proporrei un esamino in più sulla progettazione delle scale al fine di evitare lo sbattimento della testa a cui spesso gli architetti non fanno troppo caso. Ossequi, un infermiere...

thumb profile
Roberto

assurdo l'allargamento proposto... è la preparazione dove la mettiamo ? allora accorpiamo i titoli UNICI in: Albo A Ingegnere-Architetto Albo B Perito Edile-Geometra con dovute integrazioni per entrambi le figure (esami universitari/superiori da fare)

thumb profile
elydm

Non scendo ai tuoi livelli...ti faccio solo tre domande semplici. Che ti risulti il Palladio era un Architetto? Che ti risulti qualche sua villa è crollata? Che ti risulti molti architetti contemporanei hanno fatto meglio di lui quanto a qualità architettonica. Ti di due sole risposte, era un muratore e sapeva mettere iin fila due mattoni cosa che molti laureati (e anche diplomati) non sanno fare. La cazzuola è l' insegnante che i tecnici non adoperano ma di cui avrebbero bisogno...ma forse più di tutto avrebbero bisogno di tanta umiltà!!! Il capomastro è il mio maestro


x Sondaggi Edilportale
Il programma del Governo Conte bis. Come realizzarlo? Partecipa