Add Impression
Network
Pubblica i tuoi prodotti
Condono in aree vincolate: la maggioranza ci riprova

Condono in aree vincolate: la maggioranza ci riprova

Presentato al Senato un disegno di legge per riaprire i termini del condono edilizio del 2004 ed estenderlo agli abusi in aree vincolate

Vedi Aggiornamento del 26/10/2012
di Rossella Calabrese
Vedi Aggiornamento del 26/10/2012
15/03/2010 - Riapertura dei termini del condono edilizio del 2004 e possibilità di sanare anche gli abusi commessi in aree sottoposte a vincolo ambientale e paesaggistico.
 
Dopo l’emendamento al Milleproroghe che proponeva un nuovo condono ( leggi tutto ), escluso per inammissibilità ( leggi tutto ), i senatori del Pdl Carlo Sarro e Vincenzo Nespoli ripresentano la proposta con il  disegno di legge 2020 depositato in Senato il 17 febbraio.
 
Il ddl modifica l’articolo 32 del DL 269/2003 (legge sul condono edilizio) riaprendo fino al 31 dicembre 2010 i termini per la presentazione delle domande, scaduti il 10 dicembre 2004, ed estendendo la possibilità di condono agli abusi commessi ai danni dei beni ambientali e paesistici .
 
La legge sul condono edilizio del 2003 - spiega la relazione al disegno di legge - consentiva di inoltrare domanda di sanatoria tra l’11 novembre 2004 ed il 10 dicembre 2004 e dava alle Regioni il compito di definirne il procedimento amministrativo. Tuttavia - osservano i senatori - alcune Regioni hanno ridotto le possibilità di accesso al condono, determinando una disparità di trattamento tra i cittadini.
 
Emblematica è - secondo i promotori del ddl - la vicenda della Campania che, con una delibera di Giunta, ha vietato sul proprio territorio la sanatoria delle opere abusive. La delibera è stata annullata dalla Corte Costituzionale e la Regione ha legiferato, senza però rendere operativa la disciplina sul condono. È seguito un nuovo ricorso e la legge regionale è stata dichiarata incostituzionale, riaffermando, anche in Campania, la legge nazionale. Ma i cittadini campani - spiega la relazione - non hanno potuto usufruire del condono perché nel frattempo erano scaduti i termini. La stessa cosa è successa, anche se per casi molto più limitati, nelle Marche e in Emilia Romagna.
 
La riapertura dei termini del condono degli abusi edilizi commessi entro il 31 marzo 2003 è necessaria - secondo i senatori - per consentire di presentare la domanda a chi non ha potuto farlo, garantendo a tutti i cittadini della Repubblica un eguale trattamento.

Per quanto riguarda, in particolare, le opere abusive realizzate su aree sottoposte a vincoli ambientali o paesaggistici, i promotori del ddl ricordano che la giurisprudenza si è espressa in maniera contraddittoria, accrescendo la confusione nell’applicazione delle previsioni di tutela, e non garantendo un trattamento uniforme in situazioni identiche. Il disegno di legge, quindi, consente di richiedere il condono anche per le opere realizzate su aree vincolate, previo nulla-osta dell’autorità preposta alla tutela del vincolo. 

Inoltre, il disegno di legge prevede che la semplice presentazione della speciale domanda di sanatoria interrompa le sanzioni o le ordinanze di demolizione, anche disposte da sentenze definitive.

Il disegno di legge, presentato il 17 febbraio scorso, è ora in attesa di essere assegnato alla competente Commissione del Senato per l'avvio dell'iter di approvazione.
Add Impression Add Impression
Imposta la nazione di spedizione

La scelta della nazione consente la corretta visualizzazione dei prezzi e dei costi di spedizione