Carrello 0
NORMATIVA

Professioni, il ministro Alfano: ‘faremo la riforma’

di Rossella Calabrese
Commenti 20766

Garantire qualità delle prestazioni e prestigio per i professionisti. Gli Ordini ribadiscono la necessità di tornare alle tariffe minime

Vedi Aggiornamento del 12/07/2011
Commenti 20766
16/04/2010 - Il Ministro della Giustizia Angelino Alfano ha assicurato che la riforma delle professioni si farà. “Ora ci siamo noi e la riforma la faremo” ha detto ieri al termine dell’incontro con i vertici di 25 Ordini professionali.

“Dobbiamo riuscire - ha spiegato il Guardasigilli - a fare la riforma mettendo al centro il cittadino, garantendo un’alta qualità delle prestazioni rese dai professionisti, tariffe chiare e trasparenti che non siano un labirinto ma un rettilineo e, allo stesso tempo, assicurando ai professionisti la dignità e il prestigio che derivano dal loro essere laureati che hanno superato un esame di Stato”.
 
Come annunciato nei giorni scorsi, oggi è stato costituito un gruppo di lavoro per la formulazione di uno Statuto delle libere professioni. L’obiettivo principale è lo snellimento degli ordinamenti per un’impostazione più rispondente alle moderne esigenze di ambiti professionali proiettati ormai in uno scenario internazionale. Alfano ha ricordato che la riforma delle professioni è attesa da decenni, ma si è detto fiducioso che il lavoro iniziato oggi porterà a una riforma che incentiverà la ripresa economica del Paese.

Massimo Gallione, presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, ha invitato a puntare sulla formazione e sui giovani. Al Ministro della Giustizia gli Ordini hanno chiesto che i professionisti possano costituirsi in società multidisciplinari, anche per fruire degli strumenti normativi  e fiscali riservati alle imprese. Gallione ha confermato poi il ruolo di sussidiarietà dell’architetto nei confronti della Pubblica Amministrazione che, di fatto, ‘alleggerisce’ le strutture pubbliche di numerosi interventi  soprattutto nel campo dell’edilizia.

Sulle tariffe minime Gallione ha ribadito l’esigenza di ripristinarle al più presto per i lavori pubblici, “nel rispetto dei principi di equa competitività e tenendo conto anche dei costi effettivi, poiché la politica del massimo ribasso sta ampiamente dimostrando le conseguenze drammatiche della sua applicazione, in relazione ad una evidente diminuzione della qualità di progetti ed opere realizzate.”

Piena soddisfazione per l’esito dell’incontro con il Ministro Alfano è stata espressa da Gianni Rolando, Presidente del Consiglio Nazionale degli Ingegneri . Secondo Rolando occorre partire mettendo mano a due aspetti rilevanti: il controllo deontologico e l’aggiornamento per garantire che gli ingegneri possano sempre fornire prestazioni di alto livello qualitativo.
 
Sulla questione delle tariffe, il Presidente del CNI ha evidenziato come il fallimento del decreto Bersani sia stato provato dai fatti, visto che “non si è avuto un allargamento del mercato e quindi l’ampliamento della scelta per gli utenti, ma è seguita una lotta selvaggia con ribassi anche del 90%, 95%. Per questo il CNI riafferma la necessità di annullare il decreto Bersani e di procedere ad una riforma delle professioni dinamica con modalità snelle di gestione e un’ampia tutela per i cittadini, nel rispetto della dignità professionale e tariffe chiare.

Soddisfatto per l’impianto della riforma il presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi, Pietro Antonio De Paola , che ha detto: “ricalca esattamente le aspettative, più volte espresse dalle rappresentanze del mio ordine, di un ammodernamento delle norme tale da garantire prestazioni professionali all’insegna della qualità e tutelare gli interessi dei cittadini”. In questo senso - secondo De Paola - sono da evidenziare le norme contenute nella proposta che rafforzano il sistema della formazione e dell’aggiornamento continuo (i geologi hanno introdotto l’obbligo di formazione e aggiornamento continuo professionale già 3 anni fa).
 
All’incontro erano presenti anche i vertici dei Consigli Nazionali di: Geometri, Agronomi e Forestali, Agrotecnici e Agrotecnici Laureati, Periti Industriali e Periti Agrari.

“Uno schiaffo alle nuove generazioni.” Così il segretario del Partito Democratico, Pierluigi Bersani , ha commentato la riforma delle professioni annunciata dal Ministro Alfano, aggiungendo che, se le ipotesi finora circolate saranno confermate, “la maggioranza si dovrà aspettare tutta la nostra opposizione”.
 
Il responsabile Economia e Lavoro del PD, Stefano Fassina, e il presidente del Forum Giustizia, Andrea Orlando, hanno annunciato che il PD presenterà una proposta di legge-quadro di riforma delle professioni, sulla base del testo Bersani-Mastella presentato dal governo Prodi la scorsa legislatura, a seguito di una consultazione con tutti gli ordini, le categorie, le associazioni e le organizzazioni sindacali ( leggi tutto ). “Si tratta di una legge di principi - hanno detto Fassina e Orlando - e per affrontare in chiave di modernizzazione temi cruciali”, tra cui il raccordo con l’istruzione universitaria, l’accesso alla professione senza numero chiuso, il tirocinio remunerato. Un’apposita riunione di coordinamento con i gruppi parlamentari è stata già convocata per la prossima settimana.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Valeria

Scusate, ho una domanda importante. mi fu detto tempo fa, da un collega che aveva avuto un problema legislativo con il suo ordine (lui ha portato in Tribunale questo) che le quote associative non sono obbligatorie. C'è qualcuno che sa meglio riguardo questa cosa? Io personalmente vivo all'estero da anni, esercito qui il lavoro da dipendente e mi ritrovo a pagare semplicemente nel caso un giorno abbia tempo di fare un concorso. Mi aiutate a venirne a capo? il mio ordine mi fa penare persino per ricevere delle informazioni basilari.

thumb profile
GIAMPIERO

Se non ci saranno tariffe minime, poichè chi ha il "portafoglo" decide ciò che vuole, ci saranno sempre schiere di "professionisti" FIRMAIOLI per poter vivere, Lasciamo stare poi gli ESPERTI del ministero che fanno i vari D.M. e relative N.T.C. e Circolari Esplicative.L 'ultimo D.M. è di 955 pg.!!!!! ( con dentro molte cazzate).Serietà,controlli e ordini che funzionino!.


x Sondaggi Edilportale
Manovra 2020, Decreto Clima, Bonus casa. Quali sono le misure più urgenti? Leggi i risultati