Carrello 0
Brasile: Biblioteca di Santa Catarina a Florianopolis
RISULTATI

Brasile: Biblioteca di Santa Catarina a Florianopolis

di Rossella Calabrese

Vince il concorso il progetto di Filipe Gebrim Doria

07/04/2010 – Si è concluso con la vittoria del team guidato dall’architetto Filipe Gebrim Doria (San Paolo, Brasile) il concorso nazionale di architettura per il restyling e l’ampliamento della Biblioteca Pubblica di Santa Catarina a Florianopolis (Brasile).

Medaglia d’argento per il gruppo dell’architetto Matheus Alves, seguito dall’equipe di Akemi Tahara, e dallo studio di Marcos Alexandre Jobim, quarto classificato. Una menzione d’onore è invece spettata allo studio Ivan Rezende Arquitetura.

Riportiamo di seguito alcuni stralci della relazione di progetto redatta dal team vincitore, composto, oltre che dal capogruppo Gebrim Doria, dagli architetti Bruno Conde, Filipe Lima Romeiro e Lucas Bittar.

“Esternamente l'edificio si differenzia dalle altre emergenze architettoniche del centro cittadino (uffici e agli edifici commerciali) grazie all’accattivante facciata. Internamente la struttura è progettata utilizzando strategicamente i vuoti (che forniscono unità visiva e integrano verticalmente le aree dell'edificio) e, attraverso una serie di aperture zenitali, la luce naturale. Si crea così una varietà di ambienti, a volte generosi, con spazi aperti d’altezza monumentale, a volte più accoglienti e raccolti; ora dinamici ora più tranquilli...Questa diversità di spazi e ambienti va incontro alla necessità di soddisfare tutti le questioni funzionali e tecniche derivanti dalla progettazione di una biblioteca, tra cui: la corretta distribuzione dei flussi e il controllo degli accessi; la distinzione degli ambienti in base a funzionalità e utenza; le dinamiche d'uso; le condizioni di temperatura e umidità idonee alla conservazione del patrimonio librario; un’adeguata illuminazione e ventilazione per le zone di lettura.

In una logica di ripartizione delle funzioni, abbiamo deciso di dividere il programma in 4 “divisioni” distinte, che coprono le seguenti funzioni:

1 - Ingresso/Caffetteria/Quotidiani e Riviste/Area Eventi/Auditorium – Il pian terreno della struttura funge da luogo di transizione tra lo spazio pubblico per eccellenza - la strada - e le altre aree del palazzo. Le pareti della struttura sono in vetro trasparente, in modo da mantenere una continuità visiva tra interno-esterno. Una "galleria" indica l'accesso alla biblioteca principiando sulla strada e conducendo l’utente all’interno del palazzo, passando attraverso il percorso espositivo al termine del quale è situata la caffetteria. Attraverso una scalinata è possibile scendere allo Spazio Eventi e all'Auditorium. Con una passerella si arriva al settore riservato della Biblioteca. Vicino l'ingresso è collocata l'area per la consultazione dei periodici, situata in una grande sala. Per raggiungere i piani superiori possono essere utlizzati degli ascensori o una nuova, grande scala metallica, disposta in modo fluido nello spazio, a “esplicitare” il movimento tra i piani.

2 - Ricerca e Memoria – Quest’area è collocata al piano inferiore della struttura ed è accessibile dall'utente tramite la circolazione interna della biblioteca. La collezione è custodita in uno spazio riservato, dotato di rigorosi sistemi di controllo della temperatura e dell'umidità. Le aree di lettura ed i laboratori sono ubicati in una zona privilegiata, con vista sul verde e ricca illuminazione naturale. 

3- Bambini e Giovani/Servizi multimediali e Internet/Servizio Utenti – Si tratta della Divisione destinata a ricevere la più alta concentrazione di visitatori della Biblioteca. Occupa primo, secondo e terzo piano della struttura. Al 1° livello, le pareti in vetro incolore,  offrono illuminazione naturale alla divisione giovanile e ai laboratori multimediali. La disposizione libera degli scaffali, con 1,20 m di altezza, crea un ambiente giocoso e dinamico. Al 2° e 3° piano, occupati dal Servizio Utenti, le pareti si fanno opache, in modo da proteggere la collezione libraria dall’irraggimento solare diretto. I ripiani sono disposti in forma lineare lungo i muri perimetrali, formando una "grande sala dei libri" attorno a un vuoto centrale, che collega i tre piani e permette alla luce di pentrare zenitalmente l’edificio.

4 - Divisione Amministrativa / Servizi generali – Situati sul quarto e ultimo piano dell'edificio, gli uffici amministrativi non hanno interazioni dirette con il flusso degli utenti della Biblioteca e sono situati nell’area più riservata e discreta della struttura.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Quanto è equo il compenso dei professionisti? Leggi i risultati