Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, ecco il Decreto Requisiti Tecnici
NORMATIVA Superbonus 110%, ecco il Decreto Requisiti Tecnici
NORMATIVA

Conto Energia: dal 2011 incentivi ridotti e impianti integrati

di Rossella Calabrese

Il direttore del GSE Montanino illustra a Solarexpo le novità per il fotovoltaico

Vedi Aggiornamento del 10/09/2010
Commenti 28387
10/05/2010 - Sarà approvata nelle prossime settimane dalla Conferenza unificata, la nuova bozza del Conto Energia per il fotovoltaico. Lo ha annunciato Gerardo Montanino, direttore operativo del GSE, venerdì scorso a Verona, nel corso di Solarexpo, in un’intervista all’ufficio stampa della manifestazione fieristica.
 
Per quanto riguarda le tariffe incentivanti, Montanino ha affermato che le riduzioni saranno dell’ordine del 12-13%, fino al 25%, confermando quanto annunciato da Stefano Saglia, sottosegretario del Ministero dello Sviluppo Economico con delega all’energia, sempre nell’ambito di Solarexpo, che aveva parlato di una riduzione del 20% (leggi tutto).

Anche se le tariffe incentivanti si ridurranno - ha sottolineato Montanino - i proprietari devono considerare che un impianto fotovoltaico fa risparmiare energia elettrica, che ha un prezzo minimo di 0,10 euro per kWh fino ad arrivare a 0,18-0,19 euro.
 
Montanino ha spiegato che gli impianti saranno maggiormente differenziati per fasce di potenza e che le categorie di impianti da incentivare saranno solo due: a terra e sugli edifici. Tra questi ultimi, ci saranno gli impianti speciali, integrati in edilizia, che utilizzano componenti e moduli non standard ma fatti appositamente per l’integrazione, ad esempio una facciata vetrata fotovoltaica. Per questa tipologia di impianti, le nuove tariffe saranno ridotte in alcuni casi dello 0,5% e al massimo la differenza arriverà al 10%.
 
Alle categorie di impianti fotovoltaici che beneficeranno delle agevolazioni, si aggiungerà quella degli impianti a concentrazione, che oggi non è incentivata; nel momento in cui il decreto entrerà in vigore - ha spiegato il direttore del GSE - questi impianti potranno essere incentivati, quindi anche dal giugno prossimo.
 
Le tariffe incentivanti verranno ridotte del 6% per il 2012 e il 2013 (a fronte dell’attuale 2%), mentre per gli impianti innovativi e a concentrazione la riduzione sarà del 2% all’anno. Questi percentuali - ha spiegato Montanino - sono ampiamente inferiori alle riduzioni del costo dei moduli fotovoltaici e del sistema nel suo complesso. “Gli operatori  - ha concluso - non devono preoccuparsi perché si potrà investire in questi impianti anche per i prossimi anni con remunerazioni senz’altro soddisfacenti”.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Installatore

Sono d'accordo con te prima di esprire giudizi facciamoci beni i conti che le vere speculazione sono prima i commercianti di materiale elettrico in genere e poi i nostri ingegnieri che chiedono 1500,00 euro all'Kw o che rializzi 1 Kw o ne fai100 o 1000, poi e poi c'è l'Associazione a delinquere autorizzata Ufficio delle Entrate. Bene andiamo indietro!!!!

thumb profile
Alessandro

Ciao a tutti. ..è tutta una grande catena..e solo in questo modo va avanti..i costi sono alti ma ci sono un sacco di persone che bisogna pagare in quel semplice costo...

thumb profile
Installatore

Se pensi che si possa speculare a vantaggio degli incentivi ... Sara' il caso che ti documenti meglio sulla situazione reale del mercato attuale. Innanzitutto fare impresa in Italia oggi e' difficilissimo, se pensi che un bel 70% finisce in tasse (conti fatti da commercialisti). Campare con quel 30% significa essere dei mandrake della gestione d'impresa. Pensaci bene quando esprimi i tuoi pensieri teorici.