Carrello 0
NORMATIVA

Demolizioni in Campania: dal Senato ok con modifiche

di Rossella Calabrese
Commenti 5380

In caso di violazione dei vincoli paesaggistici, abbattimento dopo il 31 dicembre 2010

Vedi Aggiornamento del 02/07/2010
Commenti 5380
31/05/2010 - Con 135 voti favorevoli, 112 contrari ed 1 astenuto, il Senato ha dato il via libera al ddl di conversione del decreto-legge 62/2010 che sospende fino al 30 giugno 2011 le procedure di demolizione degli edifici abusivi destinati a prima casa nella Regione Campania.
 
Il DL - ricordiamo - riguarda immobili abusivi realizzati entro il 31 marzo 2003, che siano stati dichiarati non pericolanti, siano abitati da famiglie che non dispongano di altra abitazione e non violino vincoli paesaggistici disposti dalla normativa statale.
 
Sono esclusi dalla sospensione gli immobili che, pur avendo le suddette caratteristiche, siano pericolosi per l’incolumità privata o pubblica o per i quali sia stata accertata la violazione di vincoli paesaggistici.

Il testo della legge di conversione è stato leggermente modificato. Premesso che la sospensione ha lo scopo di fronteggiare la grave situazione abitativa in Campania e di consentire una adeguata ricognizione delle necessità determinanti vincoli di tutela paesaggistica, il Senato ha aggiunto la specificazione che la ricognizione deve essere attuata in sede di redazione del piano paesaggistico di cui all’articolo 143 del codice dei beni culturali e del paesaggio (Dlgs 42/2004).
 
Inoltre, se sono stati violati i vincoli paesaggistici, “si procede alla demolizione dopo il 31 dicembre 2010, ove la violazione del vincolo risulti dal piano paesaggistico” di cui all’articolo 143 del codice dei beni culturali e del paesaggio, adottato entro il predetto termine, o in caso di mancata adozione del piano entro il medesimo termine.
 
Il provvedimento passa ora all'esame della Camera.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui