Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Sblocca Cantieri, ecco il secondo elenco di 44 opere prioritarie da 13 miliardi
LAVORI PUBBLICI Sblocca Cantieri, ecco il secondo elenco di 44 opere prioritarie da 13 miliardi
AZIENDE

Da Autodesk i nuovi software per il settore architettonico

Con le versioni 2011, documentazione più precisa per prevedere al meglio le performance dell’edificio prima di iniziare i lavori

Commenti 1430
24/06/2010 - Autodesk, Inc. (NASDAQ: ADSK), leader mondiale nei software di progettazione, ingegneria e intrattenimento in 2D e 3D, ha recentemente presentato al pubblico le ultime versioni dei propri innovativi software dedicati a tutti gli aspetti della progettazione architettonica: dall’analisi strutturale all’impiantistica, dall’architettura sostenibile e analisi delle performance degli edifici alla visualizzazione e animazione fotorealistica dei progetti.

Le soluzioni Autodesk per il settore architettonico aiutano a incrementare la produttività dei processi di progettazione e documentazione, migliorare il coordinamento e la collaborazione per gestire in modo efficiente anche progetti molto complessi. Dalle applicazioni più familiari basate su AutoCAD ai software appositamente sviluppati per il building information modeling (BIM), Autodesk offre ad architetti e progettisti un’ampia gamma di strumenti per la progettazione 2D e 3D.

Le soluzioni software Autodesk per il Building Information Modeling favoriscono un nuovo modo di lavorare che sfrutta la creazione e l’uso di informazioni coordinate e coerenti per prendere decisioni più rapidamente, produrre una documentazione più accurata e prevedere le caratteristiche dell’edificio prima ancora di iniziare i lavori.
 
Autodesk Revit Architecture 2011 consente ad architetti e progettisti di rappresentare in modo semplice il concept fin dalle prime fasi dell'attività progettuale e in seguito di gestire in modo ottimale i progetti nella sua documentazione e costruzione.
 
Autodesk Revit Structure 2011, invece, supporta gli studi che si occupano di progettazione strutturale nell’impiego del metodo BIM per integrare modelli analitici e fisici multimateriali, offrendo una modellazione strutturale che aiuta ad ottenere documentazione e analisi in modo più efficiente e preciso.

A proposito di analisi, un ruolo sempre più importante è rivestito dalle indagini sull’impatto ambientale degli edifici: Autodesk Ecotect Analysis 2011 è uno strumento completo per la progettazione sostenibile, dalla fase concettuale alla definizione dei dettagli. Il software è in grado di fornire un’ampia gamma di funzionalità per la simulazione e l’analisi energetica finalizzata al miglioramento delle prestazioni energetiche di edifici esistenti e di nuove costruzioni. Ecotect Analysis comprende strumenti per l’analisi acustica nonché delle emissioni di CO2 on-line integrata che consentono di visualizzare e simulare le prestazioni degli edifici nel loro contesto ambientale.
 
“Autodesk si pone l’obiettivo di fornire ai propri utenti la possibilità di capire al meglio quale sarà l’impatto delle infrastrutture e degli edifici nei confronti dell’ambiente – spiega Gianluca Nicholas Lange, Industry Manager AEC Autodesk Italia - Questo lo fa attraverso specifiche funzioni che hanno la possibilità di seguire il ciclo di vita del progetto, non solo nelle sue parti più evidenti come la simulazione dell’impatto ambientale, ma anche con il concetto di Building Information Modeling, vale a dire la concreta opportunità di valutare nel complesso il progetto sino alla cantierizzazione per valutare tutti gli impatti ambientali e le inefficienze di processo”.

“Lo scenario attuale in Italia, dove la maggior parte degli investimenti sono direzionati al recupero e alla riqualifica energetica del patrimonio edilizio esistente, impone la necessità di rendere più efficiente il processo progettuale e costruttivo tenendo sotto controllo la dimensione sostenibile del progetto. Proprio questi aspetti legati all’energia rendono vantaggioso adottare un metodo basato su un modello informativo di progetto che possa essere arricchito in fase di studio da tutti i soggetti che partecipano al processo e riutilizzato sia nella fase costruttiva sia in quella manutentiva”
 
Il modello digitale al centro del metodo BIM consente ai team di progetto, geometri, ingegneri, architetti e aziende di costruzioni di operare sulla base di precise informazioni progettuali. Il coordinamento tra le discipline diminuisce gli errori e riduce al minimo la necessità di ridisegnare le stesse informazioni. Per questo motivo, il portfolio Autodesk 2011 comprende anche una serie di soluzioni software sviluppate appositamente per supportare la collaborazione multidisciplinare in modo da poter prendere decisioni di costruzione più accurate, risparmiare tempo e incrementare l’efficienza: Autodesk Navisworks 2011 permette di eseguire la completa revisione, simulazione e analisi dei progetti, Autodesk Buzzsaw 2011 è la soluzione per la condivisione dei progetti e la centralizzazione dei documenti di progetto, Autodesk 3ds Max Design 2011 è un’applicazione completa e integrata per il rendering, la modellazione e l’animazione 3D per aiutare architetti e progettisti a esporre tutti i dettagli relativi ai propri progetti.


AUTODESK su Edilportale.com

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui