Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Recovery Plan, Draghi: ‘supervisione politica affidata al Governo, operatività agli enti locali’
LAVORI PUBBLICI Recovery Plan, Draghi: ‘supervisione politica affidata al Governo, operatività agli enti locali’
AZIENDE

Stile21 diventa socio del Green Building Council Italia

Commenti 2512
30/06/2010 - Stile21 – Marchio creato da 10 aziende specializzate nella progettazione e realizzazione di strutture in legno, per rappresentare un’edilizia sostenibile e dagli elevati standard qualitativi – diventa socio ordinario del Green Building Council Italia. Le motivazioni di questa scelta, risiedono principalmente nella condivisione dei valori e delle finalità dell’Associazione quali ad esempio accrescere la consapevolezza dei Committenti sull’importanza della bioedilizia, stabilire uno standard comune di misurazione degli edifici, al fine di stimolare la competizione sul tema della prestazione ambientale e favorire la diffusione di una cultura dell’edilizia eco-compatibile.
 
Il Green Building Council Italia è un’associazione no-profit alla quale possono aderire imprese, studi professionali, amministrazioni pubbliche, università e consorzi, che rientrano in una serie di parametri stabiliti da un regolamento interno. Il primo movimento si sviluppa negli Stati Uniti nel 1993 ed oggi è radicato in oltre 40 paesi in tutto il mondo. In Italia, è stato fondato con lo specifico obiettivo di introdurre un sistema di rating per valutare l’impatto ambientale degli edifici, sulla base di standard definiti a livello internazionale come il LEED – Leadership in Energy and Environmental Design – (Fonte: www.gbcitalia.org).  
 
Il sistema di certificazione LEED, è applicato in oltre 100 Paesi al mondo ed indica i requisiti per costruire edifici sostenibili sia dal punto di vista energetico, sia di tutela di tutte le risorse coinvolte nel processo di realizzazione. LEED è flessibile ed articolato e prevede formulazioni differenziate che si tratti di nuove costruzioni, edifici esistenti e piccole abitazioni, pur mantenendo un’impostazione coerente di fondo, per tutti gli ambiti di applicazione. I criteri, raggruppati in sei categorie, prevedono prerequisiti prescrittivi obbligatori ed un numero di performance ambientali, che sommati tra loro, definiscono il punteggio finale dell’edificio.  
 
Entrare in un network internazionale, che fornisce validi strumenti per valutare la qualità di una costruzione nel suo complesso, ovvero dalla sostenibilità e protezione del sito e dell’ecosistema locale, alla gestione e tutela delle risorse energetiche e idriche, fino al comfort ambientale interno, nel pieno rispetto delle peculiarità regionali, rappresenta per Stile21, un passo importante e coerente con il percorso intrapreso fin dalla sua costituzione.
 
Il vero trait d’union di questo sodalizio tra Stile21 e il Green Building Council è sicuramente il legno, un materiale pregiato, di antiche e secolari tradizioni che, sapientemente utilizzato è in grado di garantire il massimo benessere abitativo ed un basso impatto ambientale. Rinnovabile e riciclabile, richiede un limitato consumo di energia nelle fasi di produzione e posa, non rilascia emissioni, polveri o fibre durante l’impiego e si smaltisce restituendo l’energia accumulata, se viene, ad esempio, utilizzato in processi di termovalorizzazione.
Inoltre, i soci di Stile21 lavorano preventivamente gli elementi complessi da assemblare a secco in cantiere, con un notevole risparmio di risorse idriche ed energetiche, tempi di realizzazione molto ristretti ed una posa in opera in piena sicurezza.
 
La cura dei particolari nelle fasi di progettazione e di posa, delle costruzioni in legno, firmate Stile21, contribuisce ad incrementare la traspirazione e la protezione dall’umidità, assicurando all’edificio un’elevata durabilità nel tempo.
 
Infine, la duttilità del legno favorisce la libertà progettuale e offre molteplici configurazioni creative nelle forme e finiture, un’elevata compatibilità con gli altri materiali costruttivi ed una facilità di manutenzione e realizzazione di estensioni di edifici esistenti.
 
Valerio Rao, presidente di Stile21, dichiara: “L’appartenenza per Stile21 all’Associazione, rappresenta un ulteriore attestato di autorevolezza, a conferma della volontà del Consorzio, di promuovere una cultura che riconosca le potenzialità del legno per la costruzione di edifici salubri, energeticamente efficienti e a basso impatto ambientale. Questa partecipazione è di importanza strategica, anche per la possibilità di interagire attivamente con i diversi Green Building Council nazionali, con cui potremo condividere esperienze ed obiettivi, attraverso un “linguaggio” condiviso dai parametri LEED. Infine, l’ingresso nel Green Building Council rappresenta, per Stile21, un’opportunità per entrare in un network che sta acquisendo, sempre più, un respiro internazionale”.
 
Stile21 nasce da un gruppo di aziende qualificate che, pur mantenendo la loro autonomia, si sono associate per offrire le proprie risorse in modo differenziato: dalla fornitura degli elementi di carpenteria a piè d’opera fino alla completa costruzione del fabbricato. Stile21si posiziona, sul mercato, con la mission di sostenere e favorire la crescita continua dei consorziati sia in termini qualitativi, sia di performance. Stile21 ha ottimizzato i benefici delle costruzioni di legno attraverso un protocollo tecnico prestazionale di eccellenza che ha come punti cardine le elevate prestazioni termiche ed acustiche, la velocità di costruzione, la sicurezza al fuoco e al sisma, la durata nel tempo e il rispetto per l’ambiente. Stile21è composto da dieci aziende: Ciabatti Legnami, Gruppo Mattarei, Legnotech, MC3, Marlegno, Mori Legnami, Rao & Sartelli , Service Legno, Uni – Edil, Zoppelletto.
 
Consorzio STILE21 su Edilportale.com


Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui