Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Recovery Plan, i Sindaci a Draghi: ‘servono finanziamenti diretti, iter rapidi e personale’
LAVORI PUBBLICI Recovery Plan, i Sindaci a Draghi: ‘servono finanziamenti diretti, iter rapidi e personale’
AZIENDE

STR per la Pubblica Amministrazione

L’Osservatorio della Lombardia sceglie l’innovazione

Commenti 2503
04/05/2010 - Con 2.376 stazioni appaltanti, 6.445 utenti accreditati e un patrimonio di contratti di lavori registrati dal 2002 a oggi, l’Osservatorio sui contratti pubblici della Regione Lombardia è una macchina articolata chiamata a gestire quotidianamente un elevato numero di pratiche e di contatti. Per facilitare il controllo dei processi di procedure, avvio e registrazione dei cantieri che ricadono nel territorio del Milanese, una marcia in più che arriva dal mondo del web e dell’informatica, con il nuovo sistema di gestione e monitoraggio dei lavori pubblici avviato dalla collaborazione fra la Provincia di Milano e la Regione Lombardia, che apre la strada all’interoperabilità e allo scambio di informazioni in tempo reale fra i diversi enti. In questo senso, un esempio già operativo e quello della Provincia di Milano.
 
Nell’ambito dell’attività dell’Autorità di vigilanza sui contratti pubblici, l’Osservatorio regionale raccoglie ed elabora una grande mole di dati e informazioni relativi ai contratti pubblici di lavori, servizi e forniture (come bandi di gara e pubblicazione degli esiti), oltre a raccogliere ed elaborare i dati utili alla programmazione regionale del settore e a facilitare la condivisione da parte degli altri Osservatori regionali, effettuando anche ricerche e report mirati su temi specifici, pronti per costituire il punto di riferimento per la programmazione e il supporto alle decisioni degli amministratori decentrati. Sfruttando la consultazione via web ad accesso libero dei vari servizi, l’Osservatorio consente agli utenti non solo di accedere alle informazioni ma, anche, di semplificare il peso delle procedure nei confronti della pubblica amministrazione, attraverso la pubblicizzazione degli atti e delle procedure stesse in tema di appalti e contrattualistica. Un insieme di informazioni dalle quali, con il monitoraggio costante, gli amministratori possono analizzare le criticità e porvi soluzione agendo sui diversi livelli (amministrativo, politico, normativo, tecnico). Per i soli contratti di lavori è attivo, poi, anche il Sistema Informativo Territoriale Appalti Regionali, che permette di localizzare a scala geografica i diversi interventi programmati; tramite ulteriori informazioni sempre supportate da rappresentazioni cartografiche permette di analizzare le categorie e le tipologie degli interventi effettuando aggregazioni temporali, per caratteristiche e livelli territoriali.
 
Il nuovo sistema automatizzato di gestione e monitoraggio dei lavori pubblici si colloca in questo impianto: la Provincia di Milano si è dotata così di un sistema gestionale, plasmato sulle prestazioni e caratteristiche tecniche e funzionali del programma Linea 32 Enti Solutions Area Amministrativa di STR, che governa in modo univoco e integrato le informazioni e i dati delle opere pubbliche ricadenti sul proprio territorio interscambiandoli in modo rapido direttamente con l’Osservatorio regionale. Il risultato è un risparmio di tempo, di costi e la gestione dinamica dei dati per logiche di rendicontazione, attraverso soluzioni automatizzate e integrate. Partendo dal principio che sotto la voce Contratti di lavori della Provincia di Milano, i dati provengono dalle diverse Direzioni centrali (Assetto del territorio, Risorse ambientali, Trasporti e viabilità, Istruzione ed edilizia scolastica, Idroscalo, Patrimonio e servizi generali), il sistema ha il vantaggio di semplificare passaggi e organizzazione sia verso strutture interne alla stazione appaltante, con il monitoraggio dello stato di avanzamento dell’opera da parte del responsabile unico del procedimento e un controllo di gestione mirato, sia verso l’esterno con l’invio all’Osservatorio dei dati utili sulle opere superiori a 150mila euro, attraverso l’importazione di schede in formato XML. L’ingresso e l’utilizzo sono semplici, con collegamento dalla homepage della Direzione generale casa e opere pubbliche: una volta eseguita la registrazione, con username e password personali è possibile accedere al servizio on line e inserire o aggiornare le informazioni sui diversi contratti.


S.T.R. su Edilportale.com

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui