Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Ecobonus, bonus ristrutturazioni, bonus facciate e bonus verde verso la proroga al 2021
NORMATIVA Ecobonus, bonus ristrutturazioni, bonus facciate e bonus verde verso la proroga al 2021
NORMATIVA

Geometri: iscrizione all’Albo anche con il nuovo diploma

di Rossella Calabrese

Dopo la riforma degli istituti tecnici non cambiano le regole di accesso agli albi

Commenti 27528
01/06/2010 - Il nuovo corso di studi “ambiente, costruzioni e territorio”, che sostituisce il “geometra” consentirà di iscriversi all’Albo professionale dei geometri.
 
Lo hanno chiarito i Direttori Generali della Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, in un incontro con i Presidenti degli Ordini e Collegi professionali degli Ingegneri, degli Agrotecnici, dei Geometri, dei Periti agrari e dei Periti industriali.
 
A darne notizia è il Consiglio Nazionale degli Ingegneri che - in una nota - spiega che l’incontro è stato richiesto per fare chiarezza sugli effetti delle riforma degli Istituti Tecnici e Professionali in relazione alle possiblità di accesso all’Albo dei “nuovi” diplomati. La riforma, infatti, ha cambiato la denominazione dei diplomi, per distinguerli dai titoli professionali che competono solo agli iscritti degli Albi, prevedendo il raccordo dei nuovi corsi di studio con quelli attuali attraverso la “Tabella delle confluenze”: ad esempio, l’attuale corso di studi di “geometra” è confluito nel nuovo corso “ambiente, costruzioni e territorio”.
 
A seguito della trasformazione - si legge nel comunicato del CNI - alcuni Collegi professionali avevano sostenuto che i nuovi diplomi rilasciati dagli Istituti Tecnici e Professionali non sarebbero stati più validi per accedere ad un Albo e neppure per iniziare il praticantato professionale: secondo questa tesi, dunque, per iscriversi in uno degli Albi per i quali oggi è richiesto un diploma tecnico o professionale, domani sarebbe servita come minimo una laurea triennale.
 
La tesi è stata smentita dai Direttori Generali del Ministero Dott. Mario Giacomo Dutto e Dott.ssa Maria Grazia Nardiello, i quali hanno precisato che “Non essendo cambiate le leggi professionali, non sono neppure cambiate le regole di accesso agli Albi e, pertanto, dove si entra oggi con un diploma, si continuerà domani ad entrare con il nuovo diploma” (che avrà un diverso nome ma che sarà “professionalmente” collegato agli attuali tramite la “tabella delle confluenze” dei titoli di studio).
 
Quindi, agli Albi delle quattro professioni interessate (Agrotecnici, Geometri, Periti agrari e Periti Industriali) si continuerà ad accedere secondo le attuali norme: cioè con il nuovo diploma (del tipo corrispondente all’attuale) seguito da un biennio di praticantato professionale e dal superamento dell’esame di abilitazione professionale.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Fabio

volevo fare una domanda, spero qualcuno mi risponda, visto che hanno cambiato il corso di studio di geometra ad ambiente, costruzione e territorio e a quanto ho capito avrà lo stesso corso il Perito Edile, dopo il conseguimento del diploma in un ex istituto tecnico per geometri, posso conseguire l'esame di abilitazione di Perito Edile visto che i corsi si chiamono allo stesso modo?.... grazie

thumb profile
geometra

Il problema è sempre lo stesso, l'invidia, e la rabbia di trovarsi dopo cinque anni di studi universitari a sepere meno di un terzo di un diplomato uscito col 36 ma con cinque anni di esperinenza lavorativa. Purtroppo oramai è arcinoto che la scuola italiana vale meno di niente ed è altrettanto noto che le competenze professionali non te le da il corso di studi ma le esperienze lavorative matura te sul campo a tue spese e a tuo rischio. poi c'e da dire che i laurati sono talmente tanti che potrebbero pure dedicarsi ad altre attività........

thumb profile
laureato

meno male che il manovrone dei furbissimi geometri è saltato. come sollevato già da tempo da molti, far confluire nell'albo dei geometri (DI-PLO-MA-TI, DI-PLO-MA-TI,...) dei LAUREATI triennali, anche se con competenze limitate, avrebbe surrettiziamente avallato un concetto. per entrare nell'albo dei geometri (DIPLOMATI, NON LAUREATI, SOLO diplomati), sarebbe occorsa una laurea(anche se SOLO triennale). di conseguenza, dopo pochi anni, al 100% i geometri, come GIA' stanno facendo i laureati triennali, avrebbero PRETESO UNA PARIFICAZIONE DELLE COMPETENZE. sono cose ben chiare ad architetti ed ingegneri. il modo subdolo di operare della lobby dei geometri, è chiarissima da tempo. dicono una cosa, ma MIRANO a ben altro. e ovviamente molti geometri sono incavolatissimi, in quanto -per ora- le manovre truffaldine sono saltate. e che siano truffaldine è un fatto, non una ilazione offensiva: lo dimostra proprio il fatto che costoro pretendono da anni, SENZA AVER FATTO STUDI UNIVERSITARI, che vengano loro REGALATE (RE-GA-LA-TE), delle competenze supriori. l'italia sarebbe l'unico paese occidentale (a differenza dei comunicati interni bugiardeschi che alcuni collegi locali fanno girare), in cui per legge si parificherebbero dei tecnici diplomati a dei tecnici (SUPERIORI) laureati. l'arroganza dell'ignoranza non ha limiti, e quindi va rintuzzata con molta fatica.

thumb profile
Roberto

top alle lauree triennali.. solo quinquennali ! INGEGNERE EDILE/ARCHITETTO ALBO A PERITO EDILE/ GEOMETRA ALBO B

thumb profile
Mario Ciabatta

Aveva ragione Lorenzini. Il comunicato Agrotecnici&Ingegneri si è rivelata una bufala senza mozzarella; e chissà da dov’è sortita la tabella millantella. I nostri (macché, i loro) fecero come i pifferi di montagna; ma carta canta e villan dorme, per rimanere in tema; e resterebbe da sapere chi, fra i gemelli del plof, abbia escogitato il bluff. Il dubbio vero permane: chi sarà,. fra i nomo-zigoti Orland&Roland, il Gatto e chi la Volpe? Aveva ragione Lorenzini Carlo alias Collodi: vi sono le bugie che hanno le gambe corte, e le bugie che hanno il naso lungo; in questo caso, fisiognomicamente parlando, entrambe; e forsanco scarpe grosse. Ma sul cervello fino non ci giureremmo tanto.

thumb profile
Franco

Ma come è possibile? In base alla Riforma "Gelmini" negli Istituti Tecnici agrari NON si studieranno più le materie "Topografia" e "Costruzioni rurali". Ma questi "governanti" hanno la più pallida idea di quello che stanno facendo? Mi sembra sia tutto completamente allo sfascio. Auguri ai futuri tecnici e soprattutto ai loro clienti....