Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, la seconda giornata della fiera virtuale dell’edilizia
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, la seconda giornata della fiera virtuale dell’edilizia
NORMATIVA

Piano Casa Basilicata, ok agli immobili condonati

di Paola Mammarella

Chiarimenti su bonus volumetrici aggiuntivi e contributi di costruzione nella circolare esplicativa

Vedi Aggiornamento del 05/05/2016
Commenti 7702
25/06/2010 – La Basilicata chiarisce i contenuti del Piano Casa. Dopo l’approvazione della Legge Regionale 11/2010, che modificando la L.R. 25/2009 ha liberalizzato alcune tipologie di interventi in aree di interesse pubblico per rendere più convenienti gli interventi di ampliamento e sostituzione, la Circolare 557/2010 si propone di rispondere alle richieste interpretative dei soggetti pubblici e privati.
 
Le misure per il rilancio dell’economia e la riqualificazione del patrimonio edilizio si riferiscono agli immobili esistenti, destinati per la maggior parte a civile abitazione. Almeno il 70% deve essere destinato ad uso residenziale, mentre una quota non superiore al 30% può avere destinazione commerciale o direzionale.
 
Gli interventi possono essere effettuati anche sugli immobili condonati. Negli edifici monofamiliare non deve essere superata la superficie complessiva di 200 metri quadri, limite che sale a 400 mq in quelli bifamiliari. Il calcolo della superficie complessiva si ottiene sommando la superficie utile abitabile e il 60% di quella non residenziale destinata a servizi accessori.
 
Negli edifici a schiera gli ampliamenti devono essere autonomi e realizzati secondo un progetto unitario. È possibile anche il recupero dei sottotetti. Per gli edifici rurali, invece, l’aumento volumetrico può riguardare solo la parte residenziale. In alternativa si può richiedere il cambio di destinazione d’uso delle superfici contigue.
 
Gli ampliamenti possono essere eseguiti in sopraelevazione ed adiacenza con o senza giunto tecnico. L’adeguamento antisismico deve interessare tutto l’edificio; in presenza del giunto tecnico, invece, la valutazione sulla sicurezza statica coinvolge solo la parte ampliata.
 
Si ha diritto a premialità aggiuntive se le demolizioni e ricostruzioni sono accompagnate dall’installazione di moduli solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria per il 50% del fabbisogno o impianti fotovoltaici integrati per la produzione del 70% di energia elettrica. In alternativa il bonus supplementare può essere ottenuto con sistemi di captazione delle acque meteoriche o grazie alla sistemazione di aree pertinenziali a giardino con pavimentazione filtrante almeno al 60%. Nonostante la Regione non disponga di una legge sulla bioedilizia, ci si può rifare ai principi generali per le costruzioni sostenibili e il risparmio energetico.
 
Un ulteriore chiarimento è stato necessario per la definizione del piano terra, di cui la legge regionale consente il riutilizzo anche sul territorio irregolare a patto che sia assicurata l’agibilità. Per questo un fronte del piano deve trovarsi al livello del piano di campagna e della sistemazione esterna delle opere di riferimento.
 
Spiegato infine il calcolo del contributi di costruzione, ottenuto sommando gli oneri di urbanizzazione, proporzionali al volume, e il costo di costruzione.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui