Carrello 0
NORMATIVA

Sanatoria catastale, audizioni per la conversione in legge

di Paola Mammarella
Commenti 13238

Timori sulla tolleranza dei piccoli abusi edilizi, più potere al Governo nelle controversie in Conferenza di Servizi

Vedi Aggiornamento del 02/07/2010
Commenti 13238
09/06/2010 – Inizia oggi in Senato il ciclo di audizioni sul ddl 2228 per la conversione in legge della manovra economica, varata con il DL 78/2010 per la stabilizzazione finanziaria e la competitività economica.
 
Al centro del dibattito la sanatoria catastale, misura studiata per la regolarizzazione fiscale degli “immobili fantasma” non dichiarati. Diversi esponenti dell’opposizione ed operatori del settore hanno da subito denunciato il pericolo di un condono mascherato, più volte smentito dalla maggioranza.
 
Nella fase di conversione in legge il Parlamento può introdurre emendamenti ed elementi innovativi, senza però modificare il saldo di bilancio previsto.
 
Il timore maggiore espresso da associazioni del settore costruzioni e mondo ambientalista riguarda la possibile tolleranza del piccoli abusi, commessi per necessità e non a fini speculativi senza incidere sulle zone protette da vincoli ambientali o paesaggistici.
 
Secondo alcuni esponenti della maggioranza, però, questa ipotesi non è del tutto condivisa e non mira neanche ad estendere a tutto il territorio nazionale lo stop alle demolizioni degli edifici abusivi destinati a prima casa che non violano i vincoli paesaggistici, come successo in Campania grazie alla conversione in legge del DL 62/2010.
 
L’obiettivo del rilancio economico passa anche attraverso lo snellimento della Conferenza di servizi, inizialmente contenuto nel ddl per la semplificazione dei rapporti con la Pubblica Amministrazione.
 
L’inerzia dei funzionari che non partecipano alle riunioni viene risolta con valutazioni negative e il taglio dei premi di risultato. Se l’opera da analizzare necessita anche dell’autorizzazione paesaggistica, il soprintendente si esprime in via definitiva, motivando un eventuale parere negativo. Nei casi in cui l'intervento è stato sottoposto positivamente a Vas, i risultati devono essere utilizzati senza modificazioni nell’ambito della Via. Il silenzio assenso non può essere applicato ai procedimenti di Via, Vas e Aia.
 
Il Governo assume maggiore potere in caso di controversie. A pronunciarsi in ultima analisi sui dissensi è, dopo 60 giorni, il Consiglio dei Ministri e non più gli enti locali, che comunque mantengono il potere di incidere sulla localizzazione delle opere strategiche. Il Governo entro 30 giorni può infatti tentare una conciliazione con gli enti coinvolti. In mancanza di accordo, nei 30 giorni successivi, la deliberazione del CdM può comunque essere adottata.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
ANGELO

CONDONARE MINI ABUSI PER NECESSITA' : SAREBBE UNA COSA VERAMENTE MERAVIGLIOSA.

thumb profile
apredda

Ho fatto due tettoie abusive e per questo ho provato il pugno di ferro della legge . Sono rimasto meravigliato per le costruzioni abusivi che per magie sbocciano ogni giorni circondando la mia costruzione con le pertinenze non consentite. Come vorrei che la legge mostrasse le p.... pure a coloro che fanno dell'illegalità una ragione di vita ma a Napoli questi mie speranze meritano risate. Si sà che le autorità che controllano il territorio intervengono sugli abusi solo se a commetterli sono persone che non "minano il quiete vivere" con gli altri CHI CI VUOLE AVERE A CHE FARE. Per tanto , caro governo condona tutto oppure caccia le p.... e abbatti tutte le costruzioni fuorilegge.

thumb profile
ferdy

Un saluto a tutti e grazie per le idee e suggerimenti, io sono del parere che necessita un condono edilizio molto chiaro e capillare senza lasciare nessun manufatto abusivo fuori dalla sanatoria. Per fare questo, secondo me, bisognerebbe indire un condono a livello Regionale, perche' non tutte le regioni hanno il problema radicato dell' abusivismo. Non e' giusto che il governo, che sta per varare il federalismo, decida in maniera generale su un tema cosi' importante !!!!..... Le Regioni che non hanno il problema degli ecomostri non, dovrebbero essere considerate alla pari di quelle Regioni dove, purtoppo in passato, e' stato sfruttato il territorio in maniera smisurata, avendo favorito l' arricchimento delle famiglie mafiose.... Ci sono Regioni che con il condono edilizio e catastale, potrebbero cogliere l'occasione di rimpinguare le proprie casse in maniera significativa ed in seguito, avendo il quadro edilizio dettagliato, potrebbero varare dei piani regolatori in linea con i tempi odierni . Grazie

thumb profile
Space invaders

Diversi esponenti dell’opposizione ed operatori del settore hanno da subito denunciato il pericolo di un condono mascherato, più volte smentito dalla maggioranza. ..... Ma gli operatori del settore, cosa dicono quando i funzionari sono dei veri e propri inetti ed inerti ??? per loro, se non autorizzano va tutto bene ??? Perche' non spendono parole anche per loro ???? Ve lo dico io perche' : andare contro il condono si ricevono molti piu' consensi......Ma fatevela finita,.....!!!!! oppure i soldi della manovra tirateli fuori voi !!!!

thumb profile
Giuseppe

Come si può sanare un'immobile al catasto e non in Comune? E' forse questo che vogliono gli ambientalisti? La debbono smettere di dire fesserie. Ho riscontrato, personalmente, che quelli di sinistra e ambientalisti sono i primi a presentare condoni una volta che il governo li approva.

thumb profile
Paolo - Architetto

L'Italia è proprio un paese strano, si parla di condono e poi si mettono paletti, il paesaggio le dimensioni la stretta necessità...bah! si da alle regioni la possibilità di legiferare e cosi' se ne vedono di tutti i colori. La natura umana porta a gestire i propri beni immobiliari con una certa autonomia, ciò è stato vero negli anni passati, oggi forse un pò meno, per il semplice fatto che oggi il cittadino normale non può più affrontare l'attività edilizia (complessa e affogata dalla burocrazia) che come noto è ormai grandemente in mano ad imprese. Dobbiamo agire su due versanti: _il condono (per attività edilizia difforme al PRG), che se si fa si faccia per tutti, senza consentire alla regioni di dire alcunché, fuori o dentro ai vincoli, se no ci sono cittadini che possono condonare di tutto e di più e altri nulla (neanche un garage) solo perché abitano a meno di 150 mt da un fiume qualunque, magari neanche tanto ben messo così che hanno un vincolo paesaggistico e neanche lo sanno. _le sanatorie (per attività edilizia conforme al PRG) per le quali va detto chiaramente che se siamo conformi al PRG si può sanare, qualsiasi sia la dimensione o la tipologia di intervento, altrimenti il discrimine è sempre tra i soliti noti e cioè tra chi può pagare per avere consulenze e chi magari per ignoranza realizza interventi anche minimi poi non regolarizzabili in occasioni di vendite o successioni. E QUI' STA' LA VERITA' IN ITALIA, LE NORME NON SONO DEMOCRATICHE E I CITTADINI NON SONO TUTTI UGUALI CIO' NON VA BENE! I VINCOLI PAESAGGISTICI PER EVITARE IL CONDONO DEVONO ESSERE POSTI PER DECRETO ANCHE COINVOLGENDO LA CITTADINANZA E QUANDO SENTO PARLARE DI VINCOLI DA PARTE DELLA POLITICA SENZA SAPERE CHE TRA I VINCOLI PAESAGGISTICI CE NE SONO ALCUNI SENZA SENSO MI CASCANO LE BRACCIA........E NON FACCIAMOCI ANCORA UNA VOLTA TRAVOLGERE DAI PARERI DEI SOLITI SOLONI.

thumb profile
mena

io abito a napoli e il primo giugno grazie alla sorella di un vigile urbano dell'edilizia che mi massacra con i suoi colleghi per coprirla io spero che il condono non lo diano a chi non e stato denunciato io il 7 giugno ho fatto una protesta mi sono dissanguata per far valere i miei diritti io ho il coraggio di denunciare io so che ho sbagliato ma non sono l unica dove abito io a pozzuoli siamo tutti abusivi ma per lo stato di li sono solo io

thumb profile
a.c.

Il condono edilizio del 2003 non permetteva di sanare gli abusi costruiti in aree con vincolo paesaggistico-ambientale. Quindi quando diciamo che ci deve essere un condono edilizio tombale, ci troviamo a condonare soprattutto immobili che gravano su zone vincolate paesaggisticamente. Dobbiamo altresi' capire che la situazione così non puo' continuare perche' quegli immobili oramai sono lì da diversi anni e, quindi, o dovranno accelerare le pratiche di demolizione, oppure una volta per tutte si riapra il condono del 2003 e si condoni tutti gli immobili in modo che i soldi per la manovra finanziaria provengano anche dalla sanatoria edilizia. Da li' in poi non si deve piu' transigere con il malcostume dell'abusivismo edilizio

thumb profile
giu giu

Permettetemi uno svogo. Nella mia città del nord-est, si assiste, sovente a situazioni a dir poco strane. Ai privati il Comune chiede chiarimenti, manda i vigili, sospende i lavori, non autorizza nulla di nulla (anche se legalemente richiesto). ai Costruttori, invece, autorizzano tutto e di più. Allora, penso che se fossero vere le ideologie dei partiti (opposizione compresa) sulla legalità, si dovrebbe condonare ove possibile e ripartire da zero, con regole chiare, precise e sopratutto valide in egual misura per tutti. Sono quindi favorevole ad un condono nei termini di cui si parla (escludendo fini speculativi, e sfregi ambietali/paesagistici) anche per portare soldi in cassa in un periodo di crisi epocale.

thumb profile
HILARY

Condono tombale finale, rapido, 1 mese per presentare la documentazione dei manufatti ,corredata da foto e controllato da tecnici. Il personale tecnico comunale ( Geom.Arch. Ing.) sollevi il culo dalla sedia e vada in giro a controllare se nel frattempo si innalzano palazzi con altezza superiore ai 12 metri e si salva anche il loro posto di lavoro, oltre ad un aiuto alla economia . TROPPO FACILE? Peccato .

thumb profile
Giuseppe

Secondo me l'opposizione della sinistra non deriva dal fatto che non condivide il condono edilizio in quanto tale, ma è una manovra che ha come scopo esclusivo quello di contrastare il lavoro del Governo. Ritengo che un condono per gli abusi di necessità sicuramente non va a deturpare l'ambiente in quanto non stiamo parlando di nuove costruzioni ma di cambi di destinazione, ampliamenti e modifiche simili. Il problema fondamentale è che i politici non si mettono nei panni dei poveri cittadini ai quali il condono eviterebbe tanti problemi. Io verificherei se tra i signori assessori dissezienti ci siano persone che hanno beneficiato dei precedenti condoni.

thumb profile
LOUISELLA

Ultimamente sento spesso parlare e dire no ad una quasivoglia sanatoria edilizia, ma non vedo i risultati opposti. Mi spiego meglio, se da un lato si dice no al condono edilizio, dall'altra parte si dovrebbe partire con le demolizioni, ma questo è "l'ETERNO GIOCO" delle leggi italiane. Intanto le tasse le pagano solo la maggior parte di quelli che sono in regola.

thumb profile
bd

.......non e' la prima volta che i vari governi che si sono avvicendati, ricevono denaro da varie sanatorie ( fiscali, edilizie ) e risparmiano sulla spesa pubblica con provvedimenti alquanto discutibili ( indulto , tassazioni varie una tantum ); non si capisce perche' proprio adesso, che serve un mare di soldi, i politici dell' opposizione, pretendono di escludere dalla manovra finanziaria, un copioso gettito di denaro proveniente dal CONDONO EDILIZIO. Se in questo momento i politici dell'opposizione vogliono dare un messaggio di legalita' e di giustizia, dovrebbero consentire una sanatoria generale di tutti gli abusi edilizi che, loro malgrado esistono in tutto il territorio Italiano gia' da molto tempo e nell'anonimato e, da qui in poi, impedire che questa cattiva abitudine si perpetui. Per concludere, qualcuno ha fatto i conti di quanto costa alla pubblica amministrazione demolire e smaltire il materiale di risulta ? Siamo sicuri che poi verranno abbattuti tutti gli immobili abusivi, o quelli di amici degli amici rimarranno lì a titolo gratuito e nell'anonimato come sono da tanto tempo ??..... Quindi bisogna riflettere molto bene e fare una netta distinzione tra ideologia e realta'.... Un saluto a tutti coloro che vogliono far trionfare la legalita’ in questo nostro amato paese !!!!!! Rispondi | Quota

thumb profile
rox

lasciare alle regioni i piccoli abusi di necessità escludendo le zone a vincolo paesaggistico.

thumb profile
jos611

"" Il timore maggiore espresso da associazioni del settore costruzioni e mondo ambientalista riguarda la possibile tolleranza del piccoli abusi, commessi per necessità e non a fini speculativi senza incidere sulle zone protette da vincoli ambientali o paesaggistici. "" ...ma come, si parla di piccoli abusi (piccoli!), commessi per necessità (necessità!) e ciononostante questi "temono"? Temono cosa? Temono perché? Per chi? E quelli che corrono il rischio di vedersi sequestrare la casa per piccoli, necessari abusi cosa dovrebbero fare, secondo costoro, darsi alla pazza gioia e non "temere" nulla e nessuno? ...in quella case ci abita delle gente; ci abitano famiglie fatte da persone in carne e ossa, se ne rendono conto? Mah! Stiamo scivolando in una società dai meccanismi sempre più astrusi e inumani, eppure nessuno sembra accorgersene. Che poi, finché lo dicono gli ambientalisti, vabbe', ci può anche stare: ma i politici? Destra e\o sinistra, fa lo stesso: davvero vogliono mettere in mezzo alla strada milioni di persone? Lasciamo stare la Destra, ora al governo; ma l'opposizione, se non erro, nelle ultime legislature in cui ha governato promulgò 2 sanatorie per gli immigrati irregolari e un Indulto... e dunque? Dov'è l'amore per "Le Regole Innanzitutto"? Per quanto mi riguarda, non ho trovato affatto scandaloso né le sanatorie per gl'immigrati né l'Indulto: se le persone (che restano persone a prescindere dalla nazionalità) sono qui, hanno casa e lavoro (nero), tanto vale dar loro la possibilità di regolarizzarsi (e pagare le tasse); e per l'indulto, visto che sempre di persone si trattava, se lo Stato non è in grado di assicurare un regime minimo di decenza, tanto da trasformare la detenzione in tortura... be', è giusto anche che faccia un passo indietro. Erano cose impopolari, ma era giusto farle. E allora perché questo accanimento verso (i ben meno gravi) abusi edilizi, ivi compresi quelli piccoli e di necessità? Cos'è questa furia iconoclasta? Pensano davvero di aver trovato i mostri?

thumb profile
pietro

Ma, scusate, rincorriamo gli pseudo-ambientalisti che, tanto voteranno sempre a sinistra, o le 2 milioni di persone che attendono di sistemare la loro posizione (per colpa di arcaici piani regolatori, lobby lottizzatrici e quant'altro)? Chi è a destra ritiene di essere populista, pratico, lo si dimostri in questa necessità. I caterpillar lasciamoli a chi è abituato a ad essere ipocrita, a chi ha la pancia piena, a chi fa politica in regime bolscevico.

thumb profile
francesco

io vivo in un paese vicino roma dove vige un prg risalente al 1978 e mai modificato, un paese quindi totalmente bloccato ove si possono costruire o aziende agricole su 25000 o se in centro ,enormi palazzine dove i costruttori primeggiano , e chi si vuol fare una casetta per abitarci senza scopi secondari di lucro niente. Se non vogliono il condono allora che obblighino i comuni a rinnovare sti benedetti piani regolatori e a far si che l'edilizia si riprenda senno che vada il condono edilizio tanto in italia per fare le cose bisogna usare la prepotenza e basta

thumb profile
ROSALBA

BRAVO GIOVANNI

thumb profile
walter

se il centrosinistra ha firmato l'indulto perche il centrodestra non può firmare il condono tombale edilizio ? mettere un punto fermo e ripartire sarebbe la miglior cosa !

thumb profile
a.c.

...non si capisce bene se questo governo ha le mani legate da pseudo ambientalisti e da politici puritani che pensano solo a prendere consensi senza pensare alle conseguenze, oppure anche esso vuole che in ambito urbanistico ( come del resto in tutti i campi ) regni il caos in eterno.... Sono sicuro che, se all' approvazione di questa manovra, venisse tolto tutto il pacchetto di sanatoria catastale e mini condono, qualche politico avra' da ridire perche' vengono tolti i soldi ad un altro settore........Io ribadisco nel dire che chi ha commesso un abuso deve pagare, non puo' rimanere cosi per sempre !!!!!!

thumb profile
Giovanni

di una cosa rimango meravigliato!!! stiamo scoprendo l'acqua calda? perchè il PD e questi Ambientalisti non vedono il danno che hanno fatto, in una paralisi dell'Italia, in una paralisi della Regione Lazio, se il condono non è a scopo di lucro e si parla di necessità o prima casa perchè non farlo e gridare allo scandalo? come mai solo le "cosiddette persone per bene riescono a risolvere?". Mi..... sembra di ricordare ................. un certo Santoro............. che fa tanta propaganda e che gli è stata sistemata la casa in zona VINCOLATAAAAA. Ma certo poi ci scadalizziamo se gente comune prova a sistemare una casa ed esce il condono e BERSANI che dice? Condono? che scandalo!!!!! si vergognasse lui e tutta le gente come lui


x Sondaggi Edilportale
Il programma del Governo Conte bis. Come realizzarlo? Partecipa