Carrello 0
AMBIENTE

Rischio idrogeologico, nel Lazio 120 mln

Commenti 3119

Interventi cofinanziati dal Ministero dell’Ambiente, 60 mln dalla Regione per il programma di mitigazione

Vedi Aggiornamento del 28/02/2011
Commenti 3119
21/07/2010 - Centoventi milioni di euro per la difesa del suolo nei comuni del Lazio. Questo l’ammontare del finanziamento previsto dall’accordo di programma illustrato in conferenza stampa dal presidente della Regione Lazio, Renata Polverini e dal ministro dell'Ambiente, Tutela del Territorio e del Mare, Stefania Prestigiacomo.

Le opere, cofinanziate da Regione e Ministero, riguardano le emergenze legate al rischio da dissesto idrogeologico ed da esondazioni, per i quali la regione interviene con 60 milioni di euro.
 
“Da oggi – ha detto Polverini - la Regione Lazio programma e non interviene più, come accaduto in passato, soltanto sulle somme urgenze".
 
Polverini ha voluto ricordare la frana del costone roccioso che ad aprile scorso a Ventotene costò la vita a due giovani studentesse. Dopo 3 mesi da quella tragedia - ha aggiunto - questa era una risposta che avevamo il dovere di dare. Ci siamo quindi impegnati per dare una risposta a quei genitori che chiedevano un impegno forte della politica”.

L’accordo prevede interventi prioritari, individuati in collaborazione con i Comuni, dei quali i primi undici riguardano le isole di Ponza e Ventotene. I lavori a difesa del suolo saranno messi a gara a partire già dall’autunno e proprio a questo proposito l’accordo prevede l’istituzione di un commissario straordinario per abbreviare i tempi.
 
Fonte: Regione Lazio
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Aldo Cannavò

Per la messa in sicurezza di molti siti dissestati od a rischio,in modo semplice ed economico,suggerisco l'impiego di un nuovo sistema brevettato,che posso spiegare nei dettagli a chi ne sia seriamente interessato. Genova - aldocannavo@fastwebmail.it


x Sondaggi Edilportale
Cosa è cambiato con il decreto SCIA 2? Rispondi al quiz! Partecipa