Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Qualità dell’architettura, riparte l’iter della legge
PROFESSIONE Qualità dell’architettura, riparte l’iter della legge
AZIENDE

IdealPark per la villa dei sogni con il parcheggio che scompare nel lago

Nell’ex Limonaia del 1600 di Gargnano sorgono otto posti auto invisibili

Commenti 2913
05/07/2010 - Il progetto di riuso, di conservazione e di consolidamento della Limonaia Bernini di Gargnano, Brescia, iniziato nel Novembre 2004 è uno spettacolare esempio di antichità e tecnologia portate a convivere armoniosamente.
 
Il complesso possiede una valenza ambientale e architettonica di grandissima rilevanza perché è collocato in riva al Lago di Garda, di fronte al Monte Baldo in una delle località più suggestive; inoltre porta con sè i caratteri di un’antica archeologia industriale, di quelle fabbriche cioè dove si coltivavano le piante di limoni e la comunità locale ha lasciato le sue profonde tracce di lavoro.
 
Il sito ambientale possiede conformazione stretta e lunga per sfruttare la particolarità del lotto che si “incastra” tra la strada e il Lago. La Limonaia è costruita interamente in sasso locale legato con malta di calce aerea ed è un insieme armonico di tre corpi di fabbrica immersi nella pilastrata che caratterizza le costruzioni di questo tipo.
 
Il progetto di conservazione e riuso si pone come obiettivo principale quello di tentare, nei limiti della fattibilità tecnica, di mantenere inalterati i caratteri essenziali dell’edificio (nei materiali, nelle relazioni spaziali), senza però rinunciare alla realizzazione di un progetto di riuso funzionale e tecnologicamente adeguato. Un progetto quindi che persegue tre direttrici, la prima di tipo conservativo, la seconda di tipo tecnologico-costruttivo e la terza di tipo sostenibile nell’ottica diuna conciliazione tra esigenze di conservazione e prestazioni tecnologiche.
 
In questo complesso vi era spazio solo per un posto auto convenzionale, assolutamente insufficiente rispetto al numero di proprietari; tramite la tecnologia serie C di IdealPark sono stati ricavati ben otto posti auto che vanno a scomparire e a diventare invisibili. Le piattaforme di parcheggio sonorivestite in teak, materiale utilizzato anche in altre zone pedonali della Limonaia, in modo che l’autorimessa meccanizzata scompaia nella cornice naturale ed architettonica.


IDEALPARK su Edilportale.com

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui