Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Ecobonus, bonus ristrutturazioni, bonus facciate e bonus verde verso la proroga al 2021
NORMATIVA Ecobonus, bonus ristrutturazioni, bonus facciate e bonus verde verso la proroga al 2021
NORMATIVA

Piano Casa Sardegna, respinte le modifiche

di Paola Mammarella

Invariata e in vigore su tutto il territorio regionale la legge per il rilancio del settore edile

Vedi Aggiornamento del 25/02/2011
Commenti 7845
06/07/2010 – Resta invariato il Piano Casa della Sardegna.

Il Consiglio Regionale ha bocciato le modifiche alla Legge Regionale 4/2009 introdotte dalla Giunta con il ddl 93-A/2009 su richiesta del Ministero dei Beni Culturali, che aveva evidenziato aspetti di incostituzionalità nella parte inerente all’aggiornamento del piano paesaggistico.
 
Il Piano Casa, che come fa sapere la Regione sta ottenendo risultati incoraggianti, rimane quindi applicabile su tutto il territorio sardo, lasciando ai cittadini la possibilità di avvalersi degli incentivi per il miglioramento qualitativo e l’ampliamento volumetrico degli edifici.
 
L’Assessore Asunis ha precisato che le modifiche sarebbero servite per spostare i termini temporali che avrebbero consentito alle amministrazioni comunali di poter agire sui centri storici e regolare la materia dei parcheggi.
 
I cittadini avrebbero invece avuto la possibilità di poter procedere all’accatastamento dei beni su cui applicare le misure di rilancio.
 
Con l’approvazione del ddl sarebbe infine stata ufficializzata la volontà della Regione di sottoscrivere un protocollo d’intesa con il Ministero dei Beni e le attività culturali per la revisione e le modifiche del Piano Paesaggistico Regionale.
 
Secondo la Commissione per l’Assetto del Territorio e la Pianificazione territoriale, il ddl si è soffermato sulle difficoltà applicative del Piano Casa, cercando di risolverne le criticità.
 
Tra le semplificazioni che il ddl ha tentato di introdurre spiccano la monetizzazione degli spazi per parcheggi, una maggiore certezza per la disciplina degli ampliamenti nelle zone agricole e la specificazione di quando un manufatto edilizio deve intendersi completato.
 
Consentite anche l'alienazione delle unità immobiliari derivanti dagli ampliamenti dopo dieci anni dalla realizzazione degli interventi, la riutilizzazione per finalità residenziale dei locali semi interrati ed interrati degli edifici esistenti alla data di entrata in vigore della legge in presenza di rigorosi criteri e condizioni a tutela della salute.
 
Le proposte avevano già nei mesi scorsi incontrato l’opposizione dei gruppi di minoranza, che a maggio hanno evidenziato lo scarso impatto della norma e la continua assenza delle istituzioni su l problema della prima casa.
 
Gli esponenti del centrosinistra hanno criticato in particolare la possibilità di intervenire con demolizioni e ricostruzioni nella fascia dei 300 metri dal mare.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
christian

la legge sul piano casa per gli ampliamenti volumetrici ha una scadenza? Se sì ha avuto delle proroghe? grazie