Carrello 0
RISPARMIO ENERGETICO

Prestazione energetica in edilizia: in vigore la nuova Direttiva UE

di Rossella Calabrese
Commenti 15237

Entro il 2020 tutti i nuovi edifici dovranno essere 'a energia quasi zero'

Vedi Aggiornamento del 13/02/2013
Commenti 15237
09/07/2010 - È entrata in vigore ieri 8 luglio la Direttiva 2010/31/CE sulle prestazioni energetiche degli edifici. Pubblicata sulla Gazzetta Europea del 18 giugno 2010, la nuova direttiva sostituirà, dal 1º febbraio 2012, la direttiva 2002/91/CE.
 
La nuova direttiva promuove il miglioramento della prestazione energetica degli edifici, tenendo conto delle condizioni locali e climatiche e dell’efficacia sotto il profilo dei costi, e delinea il quadro comune generale per il calcolo della prestazione energetica degli edifici al quale gli Stati membri dovranno adeguarsi.
 
La metodologia di calcolo dovrà essere determinata sulla base delle caratteristiche termiche dell’edificio e delle sue divisioni interne (capacità termica, isolamento, riscaldamento passivo, elementi di raffrescamento, ponti termici), degli impianti di riscaldamento, di produzione di acqua calda, di condizionamento, di illuminazione, e sulla base dell’orientamento dell’edificio, dei sistemi solari passivi e di protezione solare, ecc.

La direttiva stabilisce che i requisiti minimi della prestazione energetica (che i singoli Stati fisseranno e aggiorneranno ogni cinque anni) dovranno essere applicati agli edifici di nuova costruzione, esistenti e ristrutturati, e agli elementi dell’involucro edilizio e dei sistemi tecnici importanti per la prestazione energetica.
 
Edifici di nuova costruzione: prima dell’inizio dei lavori deve essere valutata la fattibilità tecnica, ambientale ed economica di sistemi alternativi ad alta efficienza, se disponibili, tra cui: sistemi di fornitura energetica decentrati basati su fonti rinnovabili; cogenerazione; teleriscaldamento o teleraffrescamento; pompe di calore.
 
Edifici esistenti sottoposti a ristrutturazioni importanti: devono migliorare la propria prestazione energetica, al fine di soddisfare i requisiti minimi; nella ristrutturazione devono essere valutati sistemi alternativi ad alto rendimento.
 
Sistemi tecnici per l’edilizia: gli Stati dovranno stabilire requisiti minimi relativi ai sistemi tecnici per l’edilizia (impianti di riscaldamento, sistemi di produzione di acqua calda, impianti di condizionamento d’aria, grandi impianti di ventilazione), al fine di ottimizzarne i consumi e potranno promuovere l’introduzione di sistemi di misurazione intelligenti.

Potranno essere esclusi: gli edifici tutelati; gli edifici adibiti alculto; i fabbricati temporanei, i siti industriali, le officine, gli edifici agricoli; gli edifici residenziali utilizzati meno di 4 mesi all’anno; i fabbricati indipendenti sotto i 50 m2.

La direttiva prevede che vengano redatti piani nazionali destinati ad aumentare il numero di “edifici a energia quasi zero”, cioè di edifici ad altissima prestazione energetica, in cui il fabbisogno energetico molto basso o quasi nullo dovrebbe essere coperto in misura molto significativa da energia da fonti rinnovabili. Entro il 31 dicembre 2020 tutti gli edifici di nuova costruzione dovranno essere “edifici a energia quasi zero”. Per gli edifici pubblici questa scadenza è anticipata al 31 dicembre 2018.
 
Entro il 30 giugno 2011, gli Stati membri dovranno predisporre strumenti di finanziamento e incentivi per favorire il miglioramento energetico degli edifici e il passaggio a edifici a energia quasi zero.
 
 Gli Stati membri dovranno istituire un sistema di certificazione energetica degli edifici. L’attestato di prestazione energetica comprenderà la prestazione energetica di un edificio e i valori di riferimento, quali i requisiti minimi di prestazione energetica. Il certificato, di validità massima 10 anni, potrà contenere informazioni supplementari e raccomandazioni per il miglioramento efficace o ottimale in funzione dei costi della prestazione energetica.
 
Il certificato di prestazione energetica dovrà essere rilasciato:
- per gli edifici o le unità immobiliari costruiti, venduti o locati;
- per gli edifici in cui una porzione di oltre 500 m2 è occupata da enti pubblici e frequentata dal pubblico. Dopo cinque anni dall'entrata in vigore della direttiva, la soglia di 500 m2 è abbassata a 250 m2.
 
Non è obbligatorio rilasciare il certificato qualora sia già disponibile e valido un certificato rilasciato conformemente alla direttiva 2002/91/CE.
 
In caso di costruzione, vendita o locazione, il certificato di prestazione energetica dovrò essere mostrato al potenziale acquirente o nuovo locatario e consegnato all’acquirente o al nuovo locatario.
In caso di vendita o locazione di un edificio prima della sua costruzione, gli Stati potranno disporre che il venditore fornisca una valutazione della futura prestazione energetica dell’edificio; in tal caso, il certificato di prestazione energetica deve essere rilasciato entro la fine della costruzione. In caso di offerta in vendita o in locazione di edifici o unità immobiliari aventi un certificato di prestazione energetica, l'indicatore di prestazione energetica dovrà essere riportato in tutti gli annunci commerciali. Negli edifici pubblici, il certificato di prestazione energetica dovrà essere esposto al pubblico.
 
La direttiva disciplina, infine, le ispezioni degli impianti di riscaldamento degli edifici dotati di caldaie con una potenza superiore a 20 kW e degli impianti di condizionamento d'aria con potenza superiore a 12 kW.
 
La certificazione della prestazione energetica degli edifici e l'ispezione degli impianti di riscaldamento e condizionamento d'aria dovranno essere effettuate in maniera indipendente da esperti qualificati e/o accreditati, operanti in qualità di lavoratori autonomi o come dipendenti di enti pubblici o di imprese private. L'accreditamento degli esperti sarà effettuato tenendo conto della loro competenza. Anche i sistemi di controllo per i certificati di prestazione energetica e i rapporti di ispezione degli impianti dovranno essere indipendenti.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
sandro

per gli edifici esistenti e in particolare per quelli del centro storico non sarebbe conveniente almeno da subito una legge che imponesse una coibentazione termica anche aggiuntiva senza demolizioni delle terrazze di copertura senza aspettare altre scartoffie leggi e leggine complesse.

thumb profile
marcella

se le scartoffie fossero fatte bene sarebbero molto utili, il fatto stesso che due edifici uguali abbiano dati risultati diversi prova che uno dei due tecnici non ha lavorato bene. ci vuole CONTROLLO SU OGNI PRATICA! aumentiamo i posti di lavoro mettendo i controllori, ne gioverà l'economia e la qualità dell'edilizia!

thumb profile
marcella

se le scartoffie fossero fatte bene sarebbero molto utili, il fatto stesso che due edifici uguali abbiano dati risultati diversi prova che uno dei due tecnici non ha lavorato bene. ci vuole CONTROLLO SU OGNI PRATICA! aumentiamo i posti di lavoro mettendo i controllori, ne gioverà l'economia e la qualità dell'edilizia!

thumb profile
fabio

NON CAPISCO PERCHE ANZICHE CHIEDERE UN SACCO DI DOCUMENTI E SCARTOFFIE NON SI PROCEDA IMMETTENDO NEL MERCATO MATERIALI CHE RISPETTINO LE PIU RECENTI NORME TERMICHE ELIMINANDO GLI ALTRI....E I COMUNI O LA COMMISSIONE EUROPEA IMPONGA AI COMUNI DI COSTRUIRE CON UNO STANDARD COSTRUTTIVO CHE FACCIA RIENTRARE NEI PARAMETRI TERMICI LE TRASMITTANZE DA LORO RICHIESTE. INSOMMA SE SI SA GIA CHE IN UNA DETERMINATA ZONA SI E A NORMA CON UNA STRUTTURA CHE NECESSITA DI UN DOPPIO MURO PER DIRE PIU UNA COIBENTAZIONE CERTIFICATA SECONDO GLI ULTIMI PARAMETRI CHE CAVOLO VENITE A CHIEDERE LE CERTIFICAZIONI CHE POI ALLA FINE MI è CAPIATTO IN DUE FABBRICATI PRATICAMENTE UGUALI DI AVERE RISULTATI DIVERSI DA CERTIFICATORE A CERTIFICATORE... MA SECONDO ME NON CI CAPISCE NULLA NESSUNO... SEMPLIFICARE SEMPLIFICARE SECONDO ME E GIUSTO AVERE FABBRICATI OTTIMIZZATI DAL PUNTO DI VISTA TERMICO MA STIAMO REGGIUNGENDO L'ASSURDO..