Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, al lavoro per estenderlo alle sole diagnosi energetiche e sismiche
RISPARMIO ENERGETICO Superbonus 110%, al lavoro per estenderlo alle sole diagnosi energetiche e sismiche
ARCHITETTURA

Beirut svela torre residenziale firmata Herzog & de Meuron

di Roberta Dragone

Una sovrapposizione di terrazze a sbalzo per 120 m di altezza

Commenti 12786
01/09/2010 – Lo studio Herzog & de Meuron ha recentemente svelato il progetto per una torre residenziale da realizzare a Beirut. Il progetto, denominato Beirut Terraces, risultava vincitore a giugno dello scorso anno del concorso di progettazione indetto dalla società immobiliare Benchmark Development. Il via ai lavori è atteso per giugno 2011, con ultimazione nell’arco di tre anni.
 
Il grattacielo sorgerà nel centro della capitale libanese, nel prestigioso quartiere residenziale Mina El Hosn; raggiungerà l’altezza di 120 metri ed ospiterà 129 appartamenti.

Ispirata all’idea della stratificazione storica, la torre è disegnata da una sovrapposizione di strati, la cui combinazione dà forma ad una serie di ampie terrazze aggettanti, con distanza sino  a 6 metri dalle finestre vetrate tutt’altezza. Tale ampia rientranza consentirà di ricavare grandi spazi esterni, e contribuirà anche a migliorare l’efficienza energetica dell’edificio proteggendo gli spazi interni dai raggi solari diretti pur riscaldando al tempo stesso la massa termica, che rilascerà il calore nelle ore successive del giorno. Nonostante le ampie porzioni aggettanti, tutti gli appartamenti saranno illuminati e ventilati naturalmente, per un maggiore risparmio energetico.
 
L’ingresso della torre, al piano terra, sarà dotato di un ampio spazio verde, mentre una serie di giardini pensili sulle terrazze arricchirà l’intero grattacielo.
 
“La nostra è una filosofia pionieristica, alla costante ricerca di nuove modalità per sviluppare progetti sempre diversi. Commissionando ad Herzog & de Meuron il disegno di questo progetto, rafforziamo ancora una volta la nostra filosofia”.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui