Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, la seconda giornata della fiera virtuale dell’edilizia
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, la seconda giornata della fiera virtuale dell’edilizia
NORMATIVA

Piano Casa Campania, semplificazioni in vista

di Paola Mammarella

Tra le proposte procedimenti più snelli per le autorizzazioni, accordi con le università e delocalizzazioni

Vedi Aggiornamento del 13/01/2011
Commenti 12508
24/09/2010 – Autorizzazioni più veloci per il rilancio del Piano Casa in Campania. La proposta è stata presentata nei giorni scorsi in Commissione Urbanistica, risvegliando l’interesse degli operatori del settore edile.
 
I componenti della commissione hanno proposto misure per abbreviare i termini di concessione del certificato antisismico e un nuovo sistema di verifica delle condizioni urbanistiche e strutturali delle abitazioni in corso di costruzione.
 
Dal momento che non tutti i comuni hanno a disposizione figure professionali idonee, è stata ipotizzata anche la stipula di convenzioni con le università.
 
Secondo il consigliere regionale Angelo Polverino, per l’autorizzazione sismica occorrono circa otto mesi. Con la precedente normativa, che stabiliva il solo deposito dei grafici strutturali al Genio Civile, i lavori potevano iniziare a distanza di una settimana.
 
Le proposte di modifica sono iniziate prima della pausa estiva. A luglio la Commissione aveva già avviato una serie di riunioni per la discussione di due ddl sullo snellimento dell’autorizzazione antisismica e la delocalizzazione degli immobili situati in area a rischio idrogeologico.
 
Una delle proposte di legge alleggerisce i vincoli per la tutela degli interventi in zona sismicaintroducendo il meccanismo del silenzio assenso per cui l’omessa dichiarazione del provvedimento di diniego entro 30 giorni equivale ad autorizzazione.
 
Il secondo disegno di legge prevede invece che gli edifici destinati a prima casa, ricadenti in area a rischio idrogeologico, dopo la demolizione possano essere ricostruiti con premio volumetrico del 35% nello stesso comune o in una città limitrofa, previo accordo tra le due amministrazioni.
Nel caso di edifici per i quali è stata presentata istanza di condono edilizio, la delocalizzazione con ampliamento volumetrico è consentita solo se gli immobili possono essere condonati ai sensi della Legge 47/1985 e se sono stati realizzati prima dell’adozione dei piani straordinari per la rimozione del rischio idrogeologico.
 
Allo stato attuale la legge non ha registrato il successo sperato. Secondo gli addetti ai lavori la causa sta nella complessità e nei vincoli del testo.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
giuseppe

Vergognatevi parlate del rilancio economico e alla fine chi governa o chi amministra i comuni sono dei veri e propi strafottenti io ho inoltrato una pratica per il piano casa nel comune di afragola e son passati piu di 6 mesi senza degnarsi di una risposta siete dei veri e propi farabbutti andate a zappare la terra con tutto rispetto per i contadini

thumb profile
Antò

L'unico modo di punire questi incapaci amministratori è quello di votare alle prossime imminenti elezioni i loro nemici, anche se credo che pure quest'ultimi non saranno in grado di fare qualcosa di concreto per i cittadini.

thumb profile
mik

fate qualcosa di concreto? tutti questi vincoli senza delienare una traccia,comuni che possono costruire superano le zone con vincolo,comuni che non possono costruire arrivano molto prima tracciate una linea, alcune parti di questi comuni con vincoli possono rientrare in aree non vincolate e' assurdo!!!questi posti rischiano di scomparire

thumb profile
Arcangelo

Il piano mi sembra uno strumento per muovere tutto il settoreprivato e pubblico. Naturalmente bisogna definire tutte le pratiche di condono edilizio, dalla 47/85; 724 e 326. Ho fatto un calcolo molto approssimativo, che, solo nel quartire di Pianura Napoli, si potrebbero legalizzare almeno un 2 mila immobili.

thumb profile
Antò

Sento parlare solo di proposte, di disegni e non si fa mai niente di concreto. Vi date una mossa? Sveglia!

thumb profile
antonio

Su, muoviamoci, e già passato troppo tempo! Quando dobbiamo aspettare ancora?