Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Ecobonus, bonus ristrutturazioni, bonus facciate e bonus verde verso la proroga al 2021
NORMATIVA Ecobonus, bonus ristrutturazioni, bonus facciate e bonus verde verso la proroga al 2021
NORMATIVA

Piano Casa, da novembre gli accordi con le regioni

di Paola Mammarella

Sarà la società Cdp – Investimenti ad individuare la Sgr che gestirà i fondi immobiliari

Vedi Aggiornamento del 02/01/2013
Commenti 5336
10/09/2010 - La società CDP-Investimenti Società di Gestione del Risparmio S.p.a. si è aggiudicata, in via provvisoria, la gara per l’individuazione della S.G.R. che gestirà i fondi immobiliari per l’attuazione del piano nazionale di edilizia abitativa.
 
La scelta è stata operata tra i partecipanti al bando di gara del 3 giugno scorso e diventerà definitiva dopo l’approvazione del regolamento di gestione da parte della Banca d’Italia.
 
La società, costituita dalla Cassa Depositi e Prestiti, gestirà un patrimonio della Cdp pari a un miliardo di euro, investimenti di operatori istituzionali e 140 milioni provenienti dal Ministero delle infrastrutture. Prosegue quindi l’attuazione del Piano Casa, così come concordato con le Regioni e gli Enti locali.
 
In questi giorni hanno infatti inizio le attività dei fondi immobiliari, mentre da novembre sarà possibile stipulare i primi accordi di programma con le Regioni per un totale di 377,8 milioni di euro.
 
Dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto per la ripartizione dei fondi, gli enti locali hanno avuto a disposizione 180 giorni per la scelta dei progetti in base alla domanda di alloggi e alle risorse disponibili.
 
Si stima che il totale delle risorse a disposizione per la soluzione della tensione abitativa sia di 4 miliardi di euro. Con finanziamenti pubblici e investimenti privati potranno essere realizzati e recuperati circa 50 mila alloggi.
 
Il fondo iniziale di 77 milioni ha subito una variazione in aumento fino a 727 milioni. Una ulteriore cifra di 200 milioni è poi stata sbloccata con un decreto emanato lo scorso novembre dal Ministero delle Infrastrutture. La parte restante sarà coperta dalla partecipazione delle imprese private.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui