Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Al via Edilportale Live Talk, la nuova serie sulle novità tecnologiche per l’abitare
RISPARMIO ENERGETICO Al via Edilportale Live Talk, la nuova serie sulle novità tecnologiche per l’abitare
RISULTATI

Svizzera: Gland scegli i siciliani SM-ARCH per il nuovo edificio polifunzionale

Previsti appartamenti, asilo nido, sala multiuso e infermeria

Commenti 5491
14/09/2010 – La città di Gland (Svizzera) ha scelto lo studio siciliano SM-ARCH (Ragusa) come vincitore del concorso di progettazione per un edificio destinato ad ospitare residenze e una pluralità di servizi rivolti a utenti di tutte le età, residenti nel quartiere.
 
Nello specifico il programma prevede la realizzazione di appartamenti per giovani ed anziani, un asilo nido, una sala polifunzionale e un’infermeria. 
 
Nella proposta vincitrice, l’edificio si colloca all’interno del lotto in profondità, in modo che i fronti lunghi siano orientati ad est e ad ovest. Il fronte corto sulla strada si confronta con la misura degli edifici esistenti, mentre quelli lunghi aprendosi verso la campagna dialogano con la scala del paesaggio. Da questi due aspetti si è generato il principio insediativo. Il volume deriva da un solido elementare, sul quale si è lavorato fino ad arrivare ad un prisma irregolare che  si piega in grandi superfici inclinate e  nel quale si annulla la distinzione tradizionale tra tetto e corpo del fabbricato. 
 
L’edificio è attraversato da un vuoto che corrisponde al percorso di distribuzione interno, concepito come metafora dello spazio urbano, in cui la circolazione avviene attraverso una sequenza luce-ombra, compressione-dilatazione.
 
Le cellule abitative si compongono attraverso una molteplicità di combinazioni che permette a ciascun livello di articolare la circolazione di volta in volta sui fianchi o al centro dell’edificio lasciando che attraverso dei grandi vuoti verticali piova luce zenitale sul percorso.
 
L’involucro esteriore avvolge il corpo come una pelle. Vi si affronta il tema della materia e del suo modo di reagire alla luce, una volta piegata e bucata. Al piano terra si ricerca una relazione di continuità con l’intorno, attraverso lo studio dell’accessibilità e la trasparenza del volume dell’asilo che si apre verso il giardino instaurando un rapporto di permeabilità con l’esterno. L’asilo è pensato come un continuum, dove gli ambienti, destinati per fasce di età, possono essere utilizzati separatamente o riuniti in un grande spazio comune per le attività collettive.
 
Il giardino estensione dell’asilo diviene il luogo di molteplici esperienze percettive, tattili, visive, sonore: il soffice, il duro, l’umido, il secco, il suono prodotto dal bambù, i colori delle foglie che cambiano in relazione alle stagioni, assieme alla forma delle chiome degli alberi a foglia caduca.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui