Carrello 0
SICUREZZA

Antisismica, l’Umbria regola i controlli sulle costruzioni

di Paola Mammarella

Emanate le delibere attuative della Lr 5/2010 sulla vigilanza nelle aree a rischio

Vedi Aggiornamento del 26/02/2013
06/09/2010 – L’Umbria compie importanti passi avanti per l’antisismica. Sono state pubblicate le Delibere di Giunta 815, 816 e 817, che attuano la LeggeRegionale 5/2010 per la vigilanza e il controllo sulla costruzione di opere in aree a rischio sismico.
 
La Delibera 815 attua il comma 1 lettera b dell’articolo 21, introducendo diversi tipi di modulistica, come  il modello per la richiesta di rilascio dell'autorizzazione sismica, il modello per la presentazione del preavviso scritto che deve essere presentatoprima dell'inizio dei lavori, il modello per l'attestazione di rispondenza per gli interventi non soggetti a collaudo, chedeve essere predisposto dal direttore dei lavori e depositato presso la Provincia competente.
 
Il provvedimento ha adottato anche il modello per l'attestazione di rispondenza per gli interventi soggetti a collaudo, che deve essere predisposto dal progettista delle strutture e asseverare il rispetto delle norme tecniche per le costruzioni. Devono inoltre essere valutate la congruità tra il progetto esecutivo riguardante le strutture e quello architettonico, e il rispetto delle prescrizioni sismiche contenute negli strumenti di pianificazione territoriale ed urbanistica.
 
La Delibera 816 attua l’articolo 15, comma 5, lettere a), b) e c), e l'art. 19 indicando i controlli sui progetti in corso d’opera. Vengono definite le percentuali di controllo sui progetti e quelle minime per l’attività di vigilanza nelle zone 1, 2 (alta e media sismicità) e 3 (bassa sismicità). La norma individua anche i costi per le varianti o il deposito di nuove strutture e prevede costi più bassi per i prefabbricati.
 
Con la Delibera 817, infine, è definito l’elenco degli interventi non rilevanti per la pubblica incolumità, che cioè non comportano rischi per la sicurezza. Sono anche individuati i casi in cui le varianti strutturali non rivestono carattere sostanziale.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Michele

Per dovere di cronaca la nostra cara Regione Umbria ha esteso recentemente, di sua spontanea volontà, l'obbligo del collaudo anche per interventi di riparazione locale, non previsto dalle NTC 08 (altri 80 euro).


x Sondaggi Edilportale
Quanto è equo il compenso dei professionisti? Leggi i risultati