Carrello 0
Acerra riqualifica Piazza Castello
CONCORSI

Acerra riqualifica Piazza Castello

di Daniela Colonna

Previsto anche il restauro dei locali sottotetto del castello baronale

20/10/2010 - La città di Acerra, in provincia di Napoli, ha lanciato un concorso di progettazione per la riqualificazione di Piazza Castello e il restauro dei locali sottotetto del Castello Baronale.
 
L’obbiettivo generale è il recupero di un bene di grande valore architettonico e storico, la valorizzazione della piazza  nel suo complesso e la restituzione del bene alla fruibilità da parte dei cittadini residenti, dei visitatori e dei turisti. Questo obbiettivo deve essere perseguito  nella prospettiva di una nuova articolazione relazionale tra il Castello Baronale e la città al contorno con specifico riferimento sia al centro antico e sia al centro storico. 
 
Il Castello Baronale è infatti un’architettura fortificata ubicata sul limite settentrionale della città di fondazione d’epoca romana  e la successiva città di espansione otto-novecentesca.
 
Come in genere avviene, la piazza è diventata un nodo nevralgico per il traffico veicolare, deputata a disimpegnare l’elevato traffico cittadino in un ambito in cui si consumano altre e variegate funzioni, subalterne e condizionate dal traffico urbano che prevale sulle altre modalità d’uso della piazza.
 
Tale complessità d’uso ha conferito alla piazza una nuova identità e nuove problematiche che trasmettono un senso diffuso di “rumore” e di caos,  complice anche l’attuale stato di manutenzione in cui versa la piazza.
 
Ciononostante la presenza d’alberi e panchine, la posizione centrale nel tessuto cittadino fanno si che Piazza Castello  attragga giovani ed anziani ed   è diventato anche  luogo di ritrovo per immigrati. Pertanto la piazza assolve a diverse funzioni, per utenze diverse ed in momenti diversi della giornata.
 
L’intervento  che si richiede oltre a tendere al superamento delle attuali condizioni di degrado che gravano sulla piazza, relative sia all’aspetto manutentivo, che sociale e culturale, tende a recuperare e valorizzarne la funzione di incontro e sosta.
 
Allo scopo di consentire nuovamente la percezione delle geometrie sottese, il progetto di riqualificazione dovrà essere teso a rimuovere tutti gli elementi di disturbo che sostanziano un avanzato stato di degrado  ed, in generale, a migliorare la qualità architettonica degli spazi oggetto di intervento.
 
Il concorso è aperto alle persone fisiche, alle società di ingegneria e di architettura e alle associazioni temporanee di professionisti che abbiano i titoli professionali richiesti dal bando.
 
La documentazione richiesta dal bando dovrà pervenire entro e non oltre il 30 dicembre prossimo.
 
Il concorso si concluderà con una graduatoria di merito e con l’attribuzione di tre premi:
- primo premio euro 20mila;
- secondo premio euro 10mila;
- terzo premio euro 7mila.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
giovanni

bisognerebbe secondo il mio parere togliere le piante esistenti e ricollocate in altri spazi poiché danno poca aria alla piazza rendendola poco luminosa e piccola ,al posto di esse mettere nuove piante avendone cura a non lasciarle crescere allo stato brado ,o quanto meno scegliere piante con una crescita ridotta .grazie