Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, Conte: ‘intendiamo estenderlo anche oltre il 2021’
NORMATIVA Superbonus 110%, Conte: ‘intendiamo estenderlo anche oltre il 2021’
URBANISTICA

Ricostruire L’Aquila, da Inu e Ancsa il Libro Bianco

‘Telaio sul quale costruire politiche pubbliche per la ricostruzione’

Vedi Aggiornamento del 28/11/2011
Commenti 4390
29/10/2010 - Ieri a Venezia, all’interno di Urbanpromo, l’evento di marketing urbano e territorale organizzato dall’Istituto Nazionale di Urbanistica e da Urbit, l’Inu e l’Associazione nazionale centri storici e artistici (Ancsa) hanno presentato il libro bianco sulla ricostruzione dell’Aquila.
 
Il libro è frutto di un lavoro che dura dal maggio scorso, quando Inu e Ancsa, mettendo insieme le rispettive competenze specialistiche, hanno creato un laboratorio e organizzato otto workshop su temi-problemi che attanagliano il capoluogo abruzzese dal sisma dell’aprile dello scorso anno. Tra questi la gestione delle risorse energetiche, l’identità e l’armatura urbana, l’economia immobiliare, le pratiche da attuare per tornare ad abitare il cuore della città (leggi tutto).
 
Il libro bianco è un insieme di proposte operative per venire fuori dalla lunga stasi che è seguita alla fase immediatamente successiva al sisma. Secondo Pierluigi Properzi, vicepresidente dell’Istituto Nazionale di Urbanistica (intervenuto assieme al presidente Inu Federico Oliva e al professor Marco Romano a rappresentare l’Ancsa), i problemi sono nati dal momento in cui “l’intervento straordinario è stato assunto come modalità di governo”. Il libro bianco rappresenta “un telaio sul quale costruire politiche pubbliche per la ricostruzione”, per dirimere questioni fondamentali e necessarie per restituire all’Aquila il rango di capitale regionale.
 
Tra i principali problemi da risolvere, molti sono sorti dopo la risposta insediativa straordinaria rappresentata dal progetto C.A.S.E.. L’Aquila deve affrontare le conseguenze negative di un consumo di suolo eccessivo, del traffico paralizzato, di una mobilità pubblica in evidente difficoltà. Occorre costituire, sostengono Inu e Ancsa, un nuovo policentrismo urbano a seguito della nascita di diversi quartieri in pochi mesi, e superare una sorta di ghettizzazione di alcune parti della città ricomponendo i progetti di vita in un disegno unitario. Occorre, ha sottolineato Properzi, “una legge speciale per la ricostruzione dell’Aquila”.
 
Alla presentazione del libro bianco farà seguito, nelle prossime settimane, una discussione pubblica all’Aquila.
 
 
Fonte: Ufficio stampa INU

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Leggi i risultati