Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, Ance: ‘subito i moduli aggiornati per la CILA’
NORMATIVA Superbonus, Ance: ‘subito i moduli aggiornati per la CILA’
NORMATIVA

Infrastrutture e scuole nel Piano per il Sud varato dal Governo

di Rossella Calabrese

Per l’attuazione saranno utilizzate le risorse del FAS. Tra gli interventi, Alta Capacità ferroviaria, edilizia scolastica, Banca del Mezzogiorno

Vedi Aggiornamento del 04/01/2012
Commenti 7181
29/11/2010 - Nella seduta di venerdì scorso, il Consiglio dei Ministri ha approvato il Piano nazionale per il Sud.
 
Si tratta di un documento programmatico contenente le otto priorità individuate dal Governo per il rilancio del Mezzogiorno, che punta a concentrare le risorse su interventi strategici e a razionalizzare gli incentivi alle imprese. 
 
UN PIANO IN OTTO PUNTI
Trasporto ferroviario e stradale: realizzazione dell’Alta Capacità ferroviaria sulle linee Napoli - Bari - Lecce - Taranto, Salerno - Reggio Calabria, Catania - Palermo; adeguamento della strada statale Olbia - Sassari, completamento dell’autostrada Salerno - Reggio Calabria e del sistema autostradale Catania - Siracusa - Gela - Trapani.
 
Edilizia scolastica: riqualificazione infrastrutturale degli edifici scolastici del I e del II ciclo, attraverso la costruzione di nuove scuole e la manutenzione di quelle esistenti. La costruzione di nuove scuole affidata ad una società in house alla Pubblica amministrazione centrale che si occuperà di espletare le gare di appalto e di progettare le nuove strutture, ai sensi dell’art. 70, c. 11, del Codice Appalti (procedura d’urgenza). Le risorse per le nuove scuole arriveranno dagli investimenti degli enti di previdenza e assistenza sociale. Anche la manutenzione delle scuole esistenti sarà realizzata dalla società in house. È previsto, inoltre, il completamento dell’infrastrutturazione informatica dei laboratori didattici.
 
Incentivi alle imprese: riordino del sistema degli incentivi, semplificazione delle procedure di accesso soprattutto per le PMI, flessibilità nella definizione degli strumenti di intervento, raccordo con le Regioni. Gli incentivi si divideranno in tre categorie: incentivi automatici (attraverso strumenti quali bonus fiscali e voucher); bandi per il finanziamento di programmi organici e complessi; procedure negoziali per il finanziamento di grandi progetti d’investimento (oltre i 20 milioni di euro).
 
Banca del Mezzogiorno: sarà un’istituzione finanziaria di secondo livello che opererà attraverso una rete di banche sul territorio che diverranno socie e attraverso la rete degli sportelli di Poste Italiane. Il Governo punta ad associare banche con un forte radicamento territoriale, quali le banche di credito cooperativo e le banche popolari. La Banca del Mezzogiorno avrà tre missioni principali: sviluppare il credito a medio-lungo termine per favorire la nascita e l’espansione delle PMI; essere banca di garanzia; gestire strumenti di agevolazione nazionali e sovranazionali. È prevista, inoltre, la costituzione di un Fondo rotativo JEREMIE per il Mezzogiorno.
 
Sicurezza: prosecuzione degli interventi per la sicurezza degli appalti pubblici; attuazione di un Piano straordinario di lotta al lavoro sommerso.
 
Gli altri punti riguardano Ricerca, Giustizia, Pubblica amministrazione.


Al Piano si affianca una Delibera Cipe, approvata venerdì, che programma le risorse residue del FAS 2000-2006 (di cui alla delibera 79/2010), le risorse del FAS 2007-2013 e stabilisce indirizzi per l’accelerazione degli interventi cofinanziati dai Fondi strutturali 2007/2013.

 
LE RISORSE
Sono pari a circa 100 miliardi di euro le risorse previste, di cui “20 sono in programmazione e altri 80 o non sono stati spesi o sono bloccati da mille rivoli” ha spiegato il ministro per i Rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto. “Una parte della copertura del Piano - ha detto il Ministro - proverrà dal fondo FAS, ingenti risorse non spese, non programmate, non impegnate, che rischiano di essere perse. Nella vecchia programmazione le risorse non spese sono state superiori al 50%, c’è poi lo sblocco del Fas della nuova programmazione 2007-2013”.
 
Il Piano sarà quindi finanziato con risorse finanziarie già contenute nei programmi pluriennali di spesa straordinaria, ora rimodulate. Non saranno quindi modificati i capitoli di spesa ordinari già decisi con la Finanziaria 2011.
 
 
L’ATTUAZIONE
Il Piano si compone di un documento programmatico contenente le priorità per il rilancio del Mezzogiorno, di due decreti in attuazione del federalismo fiscale, una delibera Cipe sui fondi e un decreto legislativo sugli incentivi alle imprese.
 
Il CdM di venerdì ha dato il via libera ai primi due decreti attuativi: il decreto interministeriale sulla perequazione infrastrutturale e il decreto legislativo sulle “risorse aggiuntive ed interventi speciali per la rimozione degli squilibri economici e sociali” che trasformerà il Fondo per le Aree Sottoutilizzate (FAS) in un “Fondo per lo sviluppo e la coesione”.
 
Il Cipe di venerdì ha invece approvato la delibera che riprogramma risorse della programmazione europea 2007-2013 e del FAS impegnate ma non ancora spese; potrebbero così rendersi disponibili circa 32-35 miliardi di euro.
 
 
I COMMENTI
I presidenti delle Regioni di centrodestra si sono espressi favorevolmente sul Piano. Critici invece quelli di centrosinistra: il presidente della Basilicata, Vito De Filippo, non vede da parte del governo “uno sforzo finanziario per il Mezzogiorno, vengono solo spostati soldi da una parte all’altra e alla fine per il Sud non c’è un euro in più”. Il governatore si chiede come mai lo Stato vari un piano straordinario per il Sud, per realizzare interventi infrastrutturali che al Nord sono ordinari.
 
Il presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, giudica “importanti gli aiuti automatici per le imprese”, mentre secondo la segretaria della Cgil, Susanna Camusso, gli 80 miliardi di euro ventilati sarebbero non più ma meno di quanto già disponibile. Positivi i commenti di Raffaele Bonanni (Cisl) e Luigi Angeletti (Uil).

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Calogero

Sono un berlusconiano convinto ma, anch'io mi chiedo come mai lo Stato vari un piano straordinario per il Sud, per realizzare interventi infrastrutturali che al Nord sono ordinari. Sarà forse demerito di chi il sul lo rappresenta sul territorio? Sarà colpai chi dal sud si stabilisci in parlamento solo per fare i propri affari? Forse SI,

thumb profile
Francesco

Mi spiace cara arch, ma non ci siamo proprio!! L'attuale sistema di gare, il suo iter, e i contenziosi che ne provoca sono proprio il frutto della burocrazia totale e tali Norme creano praterie immense per i "furbi" della categoria. Io abito in provincia di Avellino e mi sono già sciroppato 2 ricostruzioni: quella Irpina e quella dell'Umbria. Partecipo abitualmente alle gare in appalto in varie regioni d'Italia e l'esperienza mi dice che siamo finiti diritti in un baratro. faccio un piccolo esempio: se sulle strade non si impongono i limiti di velocità, avremmo tante scorribande, ma ci sarebbero anche quelli che guidano con prudenza. Ecco..dopo gli incidenti disastrosi di chi è la colpa? di chi è morto per essere prudente?

thumb profile
arch Filo

gia è stato stabilito con legge dello stato che negli appalti quando una ditta non funziona l'appalto prosegue con una ditta gia in elenco per aver partecipato alla gara....il problema di cui parli è gia risolto.......vorrei solo aggiungere una mia opinione (premettendo che sono una che opera nel centro sud), se nel centro sud NESSUNO lavora...NESSUNO è onesto e privo di mentalità omertosa...........l' economia lieviterà con questo programma....se noi continuamo ad aspettare che la mamma ci da la pappa fino a 40 anni...non c'è programma di governo che risulta utile............hai capito che la mela marcia è IL CITTADINO che non è in regola non le leggi che si fanno (...e che sono gia troppe)

thumb profile
Francesco

Con questo sistema di appalti e con la burocrazia che ci ritroviamo non andremo molto lontano e saranno chiacchiere su chiacchiere, con qualsiasi Governo in carica. Se veramente si vogliono realizzare le opere bisogna cambiare radicalmente il modo di gestire gli Appalti. Poche Stazioni Appaltanti con criteri e modalità uniformi. Stabilire il prezzo di Appalto prima della gara che deve essere fisso ed invariabile, selezionare in 15 giorni i concorrenti che hanno i requisiti e aggiudicare l'Appalto tramite sorteggio. Chi non rispetta le Norme, i Tempi e la qualità prevista nella realizzazione deve essere Interdetto a continuare tale attività per almeno 5 anni, sia esso Tecnico o Imprenditore. Poco spazio per spiegare semplici concetti. mi scuso se non risulta chiaro!