Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Sismabonus 110% anche per interventi di riparazione o locali
RISTRUTTURAZIONE Sismabonus 110% anche per interventi di riparazione o locali
NORMATIVA

Permesso costruire in zona E anche se il richiedente non è coltivatore

di Paola Mammarella

Tar Lazio: la qualifica di imprenditore agricolo ha rilievo solo per l’esenzione dagli oneri

Vedi Aggiornamento del 21/02/2012
Commenti 60540
15/11/2010 - Il permesso di costruire per l’edificazione di un fabbricato in zona agricola può essere rilasciato anche se il richiedente non è un imprenditore agricolo e non può dimostrare la residenza nell’immobile per la conduzione del fondo.
 
Sono arrivati a questa conclusione i giudici del Tar Lazio che, con la sentenza 33106/2010 del 2 novembre scorso, sono intervenuti sull’interpretazione dell’articolo 17, comma 3a del Dpr 380/2001, Testo Unico dell’edilizia, sulle costruzioni in zona agricola.
 
Il Tribunale Amministrativo, interpellato per un ricorso contro il rifiuto opposto da un comune alla richiesta di rilascio del titolo abilitativo, ha stabilito che, secondo il piano regolatore, l’edificazione nelle zone agricole è limitata alle costruzioni necessarie per la conduzione agricola.
 
Non è invece menzionato il possesso per il richiedente della qualità di imprenditore agricolo a titolo principale. Al contrario, è sufficiente che il progetto presentato sia rispondente alla vocazione agricola del fondo.
 
Per il rilascio del permesso di costruire devono come sempre essere rispettate la titolarità del diritto di proprietà, o di un altro titolo di disponibilità dell’immobile, nonché la compatibilità dell’intervento con gli strumenti urbanistici.
 
La tesi sostenuta dal Comune è stata quindi giudicata in contrasto con i principi costituzionali oltre che con la normativa urbanistica. Il diniego del comune è stato considerato anche illegittimo per illogicità, disparità di trattamento e contraddittorietà di comportamento dell’Amministrazione.
 
La qualità di imprenditore agricolo è invece necessaria per usufruire dei benefici economici previsti dal Testo Unico dell’edilizia. L’articolo 17, comma 3a stabilisce infatti che il contributo di costruzione non è dovuto per gli interventi da realizzare in zona agricola funzionali alla conduzione del fondo e alle esigenze dell’imprenditore agricolo.
 
Nel caso in cui il soggetto che richiede il permesso di costruire non intenda avvalersi dell’esonero dal pagamento, la sua qualifica è irrilevante.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Andrea

Scusate........ ho un terreno agricolo di 4580 mq in zona con modesto valore paesaggistico e ambientale, pensate che possa chiedere il permesso di costruire una rimessa agricola di 15/18 mq ????

thumb profile
Luigi

A questo punto, poichè abito in un'abitazione accatastata all'urbano ma in zona agricola posso frazionare l'immobile anche se io e mio cugino (con cui divido l'immobile) non siamo nè agricoltori nè imprenditori agricoli ? (il frazion amento non prevede opere murarie in quanto il fabbricato ha gia due ingressi separati. Chi mi da un parere?

thumb profile

Sono proprietario di circa 3000 mq di terreno agricolo nel comune di Piove di Sacco (PD), lavoro anche quello dei miei frattelli. In tutto circa 6000 mq. Non sono agricoltore. Potrei chiedere la costruzione di un annesso agricolo per il ricovero dell'attrezzatura (trattore, rotante, trinciastocchi ecc.)?

thumb profile
ALIENO

DA VECCHIO FUNZIONARIO COMUNALE, OGGI IN PENSIONE, HO SEMPRE RILASCIATO CONCESSIONI IN AGRO ANCHE A SOGGETTI NON AVENTI TITOLO DI IMPRENDITORE AGRICOLO ......... PRECURSORE O INCOSCIENTE?

thumb profile
ely dm

Ti sei risposto da solo, se il regolamento prevede solo un annesso in legno non lo puoi fare in pietra. L' intalia è proprio questa, paese che vai usanza che trovi o meglio...regolamento con assurdità e simili.... da noi ad esempio gli annessi possono essere solo in muratura intonacata e con copertura a coppi. Dovresti presentare un progetto per annesso in pietra, fartelo bocciare dal comune, ricorrere ad un avvocato per il ricorso al Tar e via dicendo forse fino in cassazione se il comune resiste, magari troverai giudici che ti diranno che puoi...ma intanto avrai perso una decina d'anni e una diecimila di euro. Chiediamoci allora anche, un annesso agricolo di 15 mq in legno prevede il deposito della pratica strutturale al Genio Civile, da noi anche dell' accatastamento....alla fine si capisce perché nelle campagne è tutto un pullulare di fabbricati abusivi e inguardabili.

thumb profile
Paride

Non riesco a capire se avendo un terreno agricolo di soli 10.000 mq (un ettaro), si può richiedere il permesso di costruite per una piccola abitazione possibilmente in pietra A/6 - (anche di soli 15 mq), VISTO che il regolamento comunale prevede la possibilità di costruzione-posizionamento solo di un annesso agricolo in legno? Chi mi può rispondere ?