Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, ecco il Decreto Requisiti Tecnici
NORMATIVA Superbonus 110%, ecco il Decreto Requisiti Tecnici
NORMATIVA

Proroga 55%: presentato l'emendamento alla Finanziaria

di Rossella Calabrese

Tra le ipotesi di modifica, la detrazione in dieci anni, invece degli attuali cinque

Vedi Aggiornamento del 08/02/2011
Commenti 14563
17/11/2010 - È stato presentato alle 16.00 di oggi alla Camera l’emendamento alla Finanziaria che proroga al 2011 la detrazione del 55% per la riqualificazione energetica degli edifici.

Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Asca, l’unica novità rispetto alla misura in vigore oggi è relativa al periodo di utilizzo della detrazione: l'importo deve essere spalmato in dieci anni, anzichè in cinque.

Non trovano per ora conferma le altre ipotesi di modifica, circolate ieri, secondo cui la percentuale di detrazione resterebbe al 55% per cappotti isolanti, tetti e pannelli solari, e scenderebbe al 41% per la sostituzione di finestre e impianti termici. Si ipotizzava una riduzione dei tetti di spesa: 440 euro/mq per le finestre, 600 euro/mq per i pannelli solari e 9000 euro per gli impianti termici. L'operazione avrebbe un costo per lo Stato di 150 milioni di euro, a fronte dei 2 miliardi di euro stanziati negli ultimi quattro anni.

La Finanziaria (Legge di Stabilità 2011) ha iniziato ieri il suo iter in Aula alla Camera. 

Il tira e molla degli ultimi giorni aveva fatto pensare che il Governo non avrebbe proposto una proroga tout-court dell’agevolazione alle stesse condizioni di oggi, ma una rimodulazione del bonus, con premi agli interventi più efficienti. A settembre, infatti, gli uffici tecnici del Ministero dello Sviluppo economico stavano studiando una ricalibratura della misura finalizzata a premiare maggiormente gli interventi più efficaci in termini di risparmio energetico e a ridurre l’onere per lo Stato (leggi tutto).
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
roberto

Spero che almeno salvaguardino quelli che come me' anno acquistato finestre, e fatto migliorie per il risparmio energetico, con fatturazioni dei lavori eseguiti nel 2010 consapevoli del fatto che potevano detrarre il 55% in 5 anni. Spero cioe' che almeno queste nuove norme entrino in vigore per tutti coloro che eseguiranno queste opere nel 2011, e quindi avranno le fatture dei lavori eseguiti nel 2011.Non dovrebbero per nessun motivo essere retroattive, sarebbe una fantastica porcata.

thumb profile
Mimmo

si il 41% in 10 anni? Non so quanto conviene

thumb profile
liberale

bisogna essere obiettivi. Che l'Ecobonus sia stato prorogato è una gran cosa di destra e di sinistra, PER TUTTI. Certo, trovo un po' strano che si utilizzi una cosa buona per attaccare questo governo e che soprattutto la sinistra se ne accolli il merito. Di fatto, l'Ecobonus avvantaggia chi ha l'opportunità di effettuare investimenti anche superiori a 100.000 euro consentendo in maniera sinergica di mantenere livelli occupazionali (la sinistra) e di RISPARMIARE un fottio di TASSE IRPEF anche più di 5.000 euro all'anno per dieci anni. Mi chiedo: la media dei contribuenti italiani è intorno a 20.000 euro e si avvantaggiano in pochi del 55% per incapienza oggettiva. I pochi tra 50 e 75.000 certo che se ne avvantaggiano in maniera ottimale. Se questo è di sinistra, bhe io non ho capito niente. Meglio così e sia.

thumb profile
pippo

Sono pure molto furbi. Visto il grande successo ottenuto dalla sostituzione di infissi (circa il 48% di tutti gli interventi), vogliono tagliare proprio li, pensando (si fa per dire) che la quota resterà al 48% e cosi lo stato prendera di più. che trota Ma quanto costa la detrazione 55% allo Stato? Secondo Finco, Enea e Cresme il conto è in pari: sono entrati nelle casse dell'Erario 6.350 miliardi per maggiori interventi a fronte di 6.110 miliardi non incassati.

thumb profile
tecnico

Tutto questo è solo per far vedere che hanno fatto qualcosa! ridicolo! ridicolo! se sarà approvato si perderanno un sacco di posti di lavoro! speriamo che questo governo cada!

thumb profile
Danilo

Io innvece le pompe di calore (che funzionano sia in caldo che in freddo) le incentiverei di più perchè sono molto efficienti e sfruttano l'energia dell'ambiente esterno.

thumb profile
Fabrizio

Mi sembra un giusto compromesso, avrei eliminato dall'incentivo i condizionatori con pompa di calore e inserito dei parametri più restrittivi sui valori da raggiungere.

thumb profile
pippo

Se passa da 55% a 41% non mi interessa. E pure 440€/m2 per le finestre, non bastano per la finestra e montaggio. 10 anni sono anche troppi. Allora meglio 36% senza tetti e altre palle ai piedi.

thumb profile
tecnico

Se non prorogano questi incentivi sono pazzi!!! si perderanno una marea di posti di lavoro!!