Carrello 0
NORMATIVA

Nuovi edifici ‘a energia quasi zero’: a che punto siamo?

di Rossella Calabrese
Commenti 9750

Interrogazione sulle strategie del Governo per attuare la Direttiva 2010/31/CE

Vedi Aggiornamento del 17/10/2011
Commenti 9750
15/11/2010 - Con un’interrogazione a risposta scritta presentata il 9 novembre 2010 alla Camera, il deputato Giorgio Jannone (PdL), ha chiesto al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti notizie sulle politiche del Governo in materia di edilizia sostenibile.
 
Nell’interrogazione, Jannone ripercorre le ultime iniziative legislative di livello europeo, ricordando la Direttiva 2010/31/CE sull’efficienza energetica, entrata in vigore il 9 luglio scorso, che stabilisce che i nuovi edifici, costruiti a partire dal 2020, dovranno essere “a energia quasi zero” (leggi tutto).
 
Se l’obiettivo dell’efficienza energica è pienamente condiviso dai Paesi membri della Ue, qualche perplessità è sorta - sottolinea Jannone -, a proposito della ristrutturazione di immobili esistenti, per renderli “green”. Si parla di interventi mirati, parzialmente incentivati da Bruxelles, come la sostituzione di impianti di riscaldamento, idraulici o di climatizzazione con altri ad alta efficienza, ma gli scettici - afferma il deputato - contestano che questo non sia ancora sufficiente. Ad esempio, secondo l’europarlamentare verde Yannick Jadot, “la UE si concentra sulle nuove costruzioni, senza valutare sufficientemente le esigenze di rinnovamento degli edifici esistenti, che rappresentano il 40% dei consumi di energia e il 36% delle emissioni di gas serra in Europa”.
 
Jannone riferisce che anche l’industria del mattone ha delle perplessità: secondo la Fiec, che rappresenta a livello europeo le imprese di costruzione, “non basta focalizzarsi sull’efficienza energetica dei nuovi immobili per raggiungere gli obiettivi di risparmio energetico del 20% fissati da Bruxelles per il 2020” perché “ad oggi, le ristrutturazioni di vecchi edifici riguardano solo l’1% del mercato immobiliare. Ed è su questo ingente capitale - aggiunge - che bisogna indirizzare gli sforzi di efficienza energetica se si vuole arrivare al traguardo”. 

Il settore edilizio - continua l’interrogazione - ha la possibilità di contribuire per il 50% al taglio delle emissioni, ossia ha un impatto potenziale nella lotta ai gas serra superiore a quello ottenibile con l’adozione delle rinnovabili; l’edilizia, infatti, incide per il 40-42% sulla bolletta energetica nazionale e per il 32% sulle emissioni di gas serra (dati dell’Intergovernmental panel on climate change, riportati da Pietro Torretta, vice presidente Ance).
 
Quindi - spiega Jannone -, secondo il vice presidente Ance, è necessario che “la certificazione acquisti un ruolo propositivo non solamente nella costruzione di edifici nuovi, ma anche nella ristrutturazione del patrimonio edilizio esistente. Si calcola che nel nostro Paese quattro edifici su cinque siano inefficienti dal punto di vista energetico: si tratta, quindi, di 23 milioni di costruzioni il cui recupero potrebbe costituire una spinta importante per l'economia italiana”.
 
Poi Jannone prova a fare due conti: la nuova Direttiva, se applicata integralmente, potrebbe generare un enorme business e nuovi posti di lavoro. Un’idea di massima sui numeri si può avere confrontando due report di settore. Il primo, commissionato da Eurima, ha scoperto che “gli edifici nella UE 15 consumano 270 miliardi di euro ogni anno per mancanza di misure basiche di efficienza energetica, come tetti e pareti isolanti”. Il secondo, commissionato da Greenpeace, sottolinea invece come “un milione di euro di investimenti in efficienza energetica in genere comporta da 8 a 14 posti di lavoro in più ogni anno”. Se la Ue investe 270 miliardi di euro in ristrutturazioni di efficienza energetica, potrebbe creare quasi 3 milioni di nuovi posti di lavoro in Europa.
 
Il problema maggiore - avverte il deputato - riguarda sempre la ristrutturazione degli edifici già esistenti. Se infatti, esistono a livello internazionale gli standard di certificazione per la sostenibilità dei nuovi edifici - Leed, Itaca e Casaclima, tra i principali - ancora non esistono gli standard di certificazione per gli edifici da ristrutturare.
 
Infine chiede come il Ministro intenda adeguare la normativa italiana in materia di edilizia sostenibile, a quella dell’Unione europea e quali interventi intenda adottare per realizzare degli “standard qualitativi di certificazione” per la sostenibilità degli interventi di costruzione di nuovi edifici, e di ristrutturazione di quelli esistenti.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Danilo

L'unica strada sono gli incentivi. Invece di spendere 300 milioni di euro per non accorpare le elezioni amministrative con i referendum il nostro governo di "sobri" amministratori potrebbero usare questi soldi per la riqualificazione energerica.

thumb profile
Vittorio

Alla UE litigano su tutto ma su una cosa sono sempre d'accordo: REGOLAMENTARE, REGOLAMENTARE, REGOLAMENTARE. Coi soldi degli altri. Quindi loro sparano una bella direttiva qui e una là e noi sotto a tirare fuori il grano. Gli intenti sono nobili, certo, ridurre le emissioni, aumentare la sicurezza ecc. Però obbligare la gente a spendere in un momento come questo è da criminali. Poi, certo, c'è chi ci guadagna alla grande (istallatori, idraulici, tecnici che fanno le certificazioni energetiche ecc.).

thumb profile
Paolo

Hai ragione caro Diego ............incomincio ..................anzi sono proprio sicuro che viviamo in un paese di pazzi !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

thumb profile
Diego

Ma in Comunità europea si sono accorti che c'è una crisi? Dove pensano che trovino i soldi i cittadini per isolare le abitazioni? Il principio di ridurre le emissioni di anidride carbonica è valido, ma non esistono più gli anni '80 dal debito facile. Prima di tutto bisognerebbe potere eseguire le opere con un prestito (da parte delle banche e a tasso 0, con rimborso anche decennale) tale da comportare un esborso annuale pari al consumo di combustibile e almeno così il cittadino potrebbe "galleggiare" sulle proprie disponibilità. Se non si vendono le auto nuove non è perchè non piacciano i modelli ma perchè non ci sono soldi. Sveglia Bruxelles!!!!!


x Sondaggi Edilportale
Sblocca Cantieri e Decreto Crescita, cosa ne pensi? Partecipa