Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale presenta Digital Forum, il primo Summit Online dedicato all'Industria delle Costruzioni
TECNOLOGIE Edilportale presenta Digital Forum, il primo Summit Online dedicato all'Industria delle Costruzioni
AMBIENTE

Rifiuti dei cantieri edili, torna il registro di carico e scarico

di Rossella Calabrese

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto di recepimento della direttiva 2008/98/CE sui rifiuti

Vedi Aggiornamento del 27/05/2011
Commenti 24942
15/12/2010 - Torna in vigore l’obbligo di tenere un registro di carico e scarico dei rifiuti non pericolosi, per ciascun cantiere in cui si opera.
 
Lo prevede il Decreto legislativo 205 del 3 dicembre 2010 che attua la direttiva 2008/98/CE in materia di rifiuti, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 10 dicembre scorso, e che entrerà in vigore il 25 dicembre 2010.
 
Il Dlgs 205/2010 modifica la Parte Quarta del Codice Ambiente (Dlgs 152/2006) coordinandola con il sistema di tracciabilità dei rifiuti SISTRI che entrerà in vigore il 1° gennaio 2011.
 
Con una modifica all’articolo 212, comma 8, del Codice Ambiente, si dispone che chi intenda raccogliere e trasportare i propri rifiuti non pericolosi, non aderendo al sistema SISTRI, dovrà dotarsi di un registro di carico e scarico. Sono esclusi dall’obbligo i cantieri relativo alla Legge Obiettivo. Sul registro (art. 190), uno per ogni cantiere, dovranno essere annotate le caratteristiche quali-quantitative dei rifiuti; le annotazioni dovranno essere effettuate almeno entro 10 giorni lavorativi dalla produzione del rifiuto e dal relativo scarico.
 
Le imprese che producono meno di dieci tonnellate di rifiuti non pericolosi all’anno, possono adempiere all'obbligo della tenuta dei registri anche tramite associazioni imprenditoriali o società di servizi. Il registro dovrà essere vidimato dalle Camere di commercio e gestito con le stesse procedure dei registri IVA.
 
Le informazioni contenute nei registri devono essere rese disponibili in qualunque momento all’autorità di controllo. I registri vanno conservati per cinque anni dalla data dell’ultima registrazione.


Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
ANNA

i DESTINATARI DEL RIFIUTO COME SI COMPORTERANNO PER IL RITIRO?


x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Partecipa