Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Sismabonus per l’acquisto di case antisismiche, spetta anche sugli acconti?
NORMATIVA Sismabonus per l’acquisto di case antisismiche, spetta anche sugli acconti?
AZIENDE

Tecniche laser innovative per la conservazione dei beni culturali: il caso della Puglia

Indetta selezione di 10 laureati di età non superiore ai 35 anni e residenti nel territorio pugliese

Commenti 1364
27/12/2010 – L’Università degli Studi di Bari - Dipartimento Interateneo di Fisica, nell’ambito dell’Accordo di Programma Quadro in materia di “Ricerca Scientifica” della Regione Puglia, indice una selezione per complessive 10 posizioni per partecipare alle attività di formazione nell’ambito del Piano di Formazione Specialistica denominato “Corso di formazione in tecniche laser innovative per la conservazione dei beni culturali”. Scarica il Bando
 
Il corso è indirizzato alla formazione e aggiornamento di 10 laureati, di età non superiore ai 35 anni e residenti nel territorio pugliese. L’iniziativa è finalizzata allo sviluppo di competenze tecniche per gli interventi di restauro e salvaguardia del patrimonio culturale. L’obiettivo principale è la formazione di figure professionali nel settore del restauro conservativo di manufatti lapidei, con particolari competenze sulle tecnologie avanzate applicate a questa problematica, quali il laser cleaning.
 
L’applicazione della tecnologia laser costituisce oggi una delle frontiere più avanzate nel campo del restauro e rappresenta la soluzione ideale per molte problematiche di restauro di materiali lapidei nella fase di pulitura. Essa ha trovato un campo di applicazione altamente qualificante nell’ambito di interventi mirati di alta precisione per l’asportazione selezionata di particelle che determinano il degrado e la copertura delle superfici esterne sempre a contatto con agenti atmosferici e inquinanti. Tale tecnologia si è rivelata particolarmente adatta all’impiego per il restauro di manufatti di rilevante pregio storico, artistico e monumentale poiché non comporta interventi di natura invasiva e distruttiva nei confronti della superficie originaria e delle naturali patine prodotte dal tempo. Tali caratteristiche ne rendono l’impiego più efficace ed efficiente rispetto alle tecniche tradizionalmente utilizzate. Tuttavia la diffusione di tali tecnologie è a tutt’oggi limitata, sia a causa dell’alto livello di preparazione richiesto per i tecnici addetti all’impiego del laser, sia per l’elevato costo per unità di superficie trattata.
 
Il presente progetto trova i suoi presupposti proprio nell’assenza di tali figure specifiche nel Sud d’Italia, formate in loco ed in grado di interfacciarsi, con sicurezza di competenze e di esperienze, in primo luogo con il patrimonio artistico e culturale delle nostre zone ed intende perciò avviare la formazione di queste figure in funzione di un vasto mercato di impiego delle tecnologie laser, in primo luogo a livello locale e più in generale nazionale ed europeo.
 
Il progetto formativo si avvarrà di diverse collaborazioni, in particolare, della Soprintendenza per il Patrimonio Storico Artistico e Demoetnoantropologico della Puglia (P.S.A.D.), Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio per la Puglia, Dipartimento Interateneo di Fisica, Dipartimento di Chimica e Dipartimento di Architettura Urbanistica.
 
L’ammissione al corso è condizionata al superamento di una selezione che prevede la valutazione, da parte di apposita Commissione Esaminatrice, della domanda di ammissione e del curriculum vitae (indicante il conseguimento del titolo di laurea, la votazione di laurea, il titolo della tesi, i titoli scientifici, didattici e professionali inerenti il settore della ricerca, la partecipazione a corsi di specializzazione o master di livello universitario post-lauream).
 
Il percorso formativo avrà una durata complessiva di 360 ore e si baserà su lezioni frontali (178 ore), attività di laboratorio (100 ore) e stage in cantiere (82 ore), dove gli allievi apprenderanno le tecniche di restauro tradizionali e avanzate per la pulitura di manufatti lapidei e metallici. Il corso si svolgerà nelle giornate di venerdì e sabato con cadenza settimanale nell’arco di 9 mesi.
 
Le domande di ammissione dovranno essere inoltrate entro le ore 13.00 del 31 gennaio 2011.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui