Carrello 0
EVENTI

Archisnap Awards 2010: premiati i vincitori

Concluso il concorso di Archiportale con una serata-evento ad Assisi

03/12/2010 – Si sono conclusi con una serata di premiazione ad Assisi gli Archisnap Awards 2010, contest fotografico dedicato all’architettura promosso da Archiportale.com.
 
A premiare i vincitori del concorso sono stati lo staff di Archiportale e gli sponsor Nikon Italia, X-Rite, Epson e Arrivano i Guru.
 
La competizione ha riscosso grande successo, contando ben 4278 iscritti. Tema - chiave degli scatti pervenuti è stata “l’architettura vissuta”, un’architettura, cioè, connotata da una dimensione sociale, della condivisione, della fruizione “attiva”, che “trasforma” il progetto pensato in un’opera “in atto”, dalle funzioni simboliche e materiali continuamente ri-negoziate e modificate dai suoi utenti.
 
La commissione giudicatrice, composta da Luigi Prestinenza Puglisi, critico d’architettura; Francesco Moschini, Professore Ordinario di Storia dell'Architettura presso il Politecnico di Bari; Marco Introini, architetto e fotografo; Mario Ferrara, architetto e fotografo; Matteo Cirenei, architetto e fotografo; Gabriele Croppi, fotografo; Marianna Santoni, fotografa pubblicitaria e Guru del digital imaging e Gianmarco Terracciano, organizzatore di “Arrivano i Guru” e “Photoarchitetti” ha selezionato primo, secondo e terzo classificato. I criteri di giudizio impiegati sono stati: la pertinenza delle immagini rispetto al tema del concorso, la padronanza della tecnica fotografica e la capacità dello scatto d’innescare “suggestioni” nella mente dello spettatore.

A Nadia Saglietti (Asti), autrice dello scatto intitolato "Pian Piano si cresce" e vincitrice del primo premio, sono andati una Reflex Nikon D5000 con 2 obiettivi Zoom, 1Basic X- RITE per la calibrazione e la creazione di profili Monitor, una stampante fotografica professionale a getto d'inchiostro A3 + Epson Stylus Photo R2880 e la partecipazione al workshop di fotografia digitale "Arrivano i Guru". "Il contest Archisnap è stato un'occasione utile per riflettere su come un' architettura possa mutare nel tempo e sappia reinventarsi, quasi da sé, sia nelle forme che nei significati- ha dichiarato la vincitrice. E' interessante ripercorrere questa doppia valenza data al cambiamento di un'architettura attraverso gli scatti partecipanti: molte immagini sanno raccontare edifici sui quali si possono leggere, perché fisicamente presenti, le stratificazioni dovute al passare del tempo, mentre altri si concentrano più sull'aspetto immateriale, evidenziando come possano essere differenti i modi di fruire di tali spazi da parte degli utenti"
 
Il secondo premio è spettato al mantovano Giuseppe Gradella (MN), con la fotografia dal titoloZumthor. "Gli Archisnap Awards 2010 trattano un tema vitale per l'architettura contemporanea: il rapporto tra architettura e sua fruizione da parte dell'uomo, un legame che deve esistere e condizionare reciprocamente sia lo spazio utilizzato che le abitudini dell'utilizzatore, attraverso un dialogo costante in cui la "buona" architettura aiuti gli uomini essere "buoni" cittadini del mondo", ha spiegato Gradella, che ha ricevuto una macchina fotografica Nikon Coolpix S8000, un calibratore ColorMunki Photo X-RITE, una stampante fotografica professionale a getto d'inchiostro A3 +, Epson Stylus Photo 1400 e  la partecipazione al workshop di fotografia digitale "Arrivano i Guru".

Milanese il vincitore del terzo premio, Michele Rossi, con l'immagine "Urban Stage". "Siamo circondati da architetture che, incantevoli o antiestetiche, stimolanti o inefficaci, di norma non vengono guardate, ma solo viste perché inevitabilmente presenti. Il contest ha proposto immagini che sottolineano l'importanza dell’architettura e del confronto con essa. L’ho apprezzato molto”. Al terzo classificato sono andati una macchina fotografica Nikon Coolpix S8000, un calibratore 1Display 2 X-RITE, una stampante fotografica multifunzione a getto d'inchiostro A4 Epson Stylus Photo PX810FW e la partecipazione al workshop di fotografia digitale "Arrivano i Guru".

Vincitore del premio web è Andrea Mazzei (Lecce) con lo scatto fotografico realizzato a Berlino dal titolo Marta! senti che pesooo!", destinatario di 174 voti. “Memorial to the Murdered Jews of Europe. Il monumento progettato da Peter Eisenmann nel 2004 a Berlino presso la Porta di Brandemburgo . Una “non piazza”, un percorso labirintico tra 2.771 setti in cemento armato, ipnotico, metafora del genocidio. Sullo sfondo gli edifici di Potsdamer Platz. La ragazza seduta sopra una delle “lapidi” ben evidenzia come l'architettura si mette in gioco con il luogo e trasforma il significato e le abitudini di vivere lo spazio a prescindere dalla sua valenza. E' questa la nuova architettura?”, si domanda l’autore della fotografia, premiato con una macchina fotografica Nikon Coolpix S3000, un calibratore i1Display LT X-Rite, una stampante da ufficio a getto d'inchiostro A3 + Epson Stylus Office B1100, e la partecipazione al workshop di fotografia digitale "Arrivano i Guru".
 
Tre menzioni speciali sono rispettivamente andate a:
- Oriana Orabona (Napoli) con la fotografia dal titolo “Punti di Vista”: “Ho partecipato al concorso perché l’architettura sarà il mio mestiere (sono laureata da poco) - ha dichiarato la giovane progettista. La fotografia è invece una passione che coltivo da tempo, anche se solo di recente ho iniziato a farlo con maggior serietà. Credo che l’aspetto più interessante del contest sia la partecipazione aperta anche ai non “addetti ai lavori”: ho seguito con curiosità lo svolgimento del concorso su internet, non tanto per conoscere l’abilità tecnica degli altri partecipanti o l’andamento delle preferenze, quanto per confrontarmi con diversi modi di vedere l’architettura e di comporre un’immagine, spesso per passione e non per mestiere”.

- Diego Speri (Verona), autore dello scatto “Ombre al Louvre”
“L'interesse per l'architettura e l'amore per la fotografia sono la ragione che mi stimola a ri-visitare attraverso l'obbiettivo l'architettura. Lo scatto "Ombre al Louvre" è un dialogo con lo spazio disegnato dall'ombra che proietta la piramide di Leoh Ming Pei al museo del Louvre, un luogo che si rinnova incessantemente con il variare della luce e il movimento degli uomini protagonisti di continui scambi e relazioni. L'attimo dello scatto congela le presenze… in una sorta di pentagramma musicale”.
 
- Umberto Verdoliva, Treviso, con “Via di fuga”
“Lo scatto è una istantanea, fatta in un centro commerciale di Castelfranco Veneto, spazi ampi dove nell'attesa che gli adulti facciano i loro acquisti, i bambini si trattengono fuori a giocare...sono spazi, dove per le famiglie è sempre più usuale trascorrere interi pomeriggi, come se fosse una gita fuori porta. Ho visto improvvisamente il rincorrersi di tre bambini e ho mancato lo scatto...poi è passata la più piccola che faceva fatica a stare dietro e l'ho colta in quel modo…”.

Ai tre menzionati è andata la partecipazione grauita al Workshop fotografia digitale Arrivano i Guru e un ColorChecker Passport X-Rite.
 
Guarda la pagina web del concorso con tutti i vincitori

Guarda la pagina web del concorso con le interviste ai vincitori
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Leggi i risultati