Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Sismabonus 110%, come si calcolano i limiti di spesa
RISTRUTTURAZIONE Sismabonus 110%, come si calcolano i limiti di spesa
LAVORI PUBBLICI

Opere strategiche in project financing, i dubbi degli operatori

di Paola Mammarella

Dall’Authority un documento per chiedere chiarimenti a Governo e Parlamento

Vedi Aggiornamento del 09/06/2011
Commenti 3153
30/12/2010 – Project financing per la realizzazione delle infrastrutture strategiche. L’Autorità di Vigilanza sui contratti pubblici sta cercando di sciogliere i dubbi inerenti alla scelta del promotore e all’affidamento a contraente generale.
 
Sull’argomento saranno avviate consultazioni e segnalazioni a Governo e Parlamento. Per la raccolta delle osservazioni, da rilasciare entro le 16 del 25 gennaio, l’Authority ha predisposto un documento di consultazione.
 
Promotore
La scelta del promotore è regolata dall’articolo 175 del Codice, che rimanda all’articolo 153.
Al momento non è chiaro se sussista o meno l’obbligo di esperire una procedura finalizzata a pubblicizzare l’esistenza di infrastrutture realizzabili con capitali privati. Nella prima stesura del Codice Appalti, l’articolo 153 prevedeva che le proposte dei promotori per la realizzazione delle infrastrutture ordinarie potessero essere presentate solo dopo l’indicazione degli interventi realizzabili con capitale privato e dopo la pubblicazione dell’avviso.
 
L’originaria formulazione dell’articolo 175 non conteneva invece alcuna prescrizione per le infrastrutture strategiche. La valutazione delle proposte iniziava dalla pubblicazione da parte del Ministero della lista di infrastrutture strategiche per le quali i soggetti aggiudicatori intendessero avvalersi di un promotore, senza necessità di avvisi o bandi. La disposizione si poneva però in contrasto con il secondo comma dell’articolo 175, dal quale si desumeva che l’avviso in fosse necessario.
 
Dopo una prima risoluzione con il secondo correttivo, il terzo ha reintrodotto la formulazione originaria, facendo ripresentare i dubbi precedenti.
Il terzo decreto correttivo ha inoltre riscritto la disciplina della finanza di progetto indicando tre moduli procedimentali: la gara unica, la doppia gara e i casi di inerzia dell'amministrazione. Non ha però chiarito se tutte le procedure possano essere esperite anche in caso di infrastrutture strategiche.
 
Affidamento a contraente generale
Mediante l’affidamento a contraente generale, l’amministrazione aggiudicatrice affida la realizzazione dell’infrastruttura strategica ad un unico soggetto dotato di adeguata esperienza e qualificazione nella costruzione di opere.
 
È necessario però chiarire se il contraente generale sia libero di individuare il soggetto a cui affidare la progettazione delle opere da realizzare o se debba eseguire direttamente la progettazione. Si dovrebbe inoltre stabilire se per esecuzione in proprio possa intendersi anche la progettazione eseguita dai soci della società di progetto.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui