Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Demolire e ricostruire in zona A e nei centri storici, ecco quando si può
NORMATIVA Demolire e ricostruire in zona A e nei centri storici, ecco quando si può
NORMATIVA

Milleproroghe, novità per Conto energia e attestazioni Soa

di Paola Mammarella

Impianti fotovoltaici asseverati entro il 31 gennaio 2011, stesse modalità di qualificazione delle imprese fino al 2013

Vedi Aggiornamento del 20/06/2011
Commenti 13736
29/12/2010 – Fotovoltaico e qualificazione delle imprese. Cresce l’attesa per la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto “Milleproroghe”, che fissa nuovi termini per l’asseverazione degli impianti e il calcolo dei requisiti per accedere agli appalti di lavori pubblici.
 
Conto Energia
Secondo la bozza di decreto, è spostato al 31 gennaio 2011 il termine per l’asseverazione degli impianti fotovoltaici che possono beneficiare del secondo Conto Energia ai sensi della Legge 129/2010.
 
Resta invece invariata la data del 31 dicembre 2010 stabilita per la fine dei lavori e per la comunicazione dell’avvenuta conclusione.
 
Prima dell’approvazione del Milleproroghe, l’asseverazione, redatta dal progettista abilitato, doveva essere inviata, contestualmente alla comunicazione di avvenuta conclusione dei lavori, all'Autorità che ha rilasciato l'autorizzazione all'impianto, al gestore di rete e al Gestore dei servizi energetici (Gse).
 
Il Gse ha chiarito con una nota che il nuovo termine diventerà operativo solo dopo la pubblicazione del decreto in Gazzetta Ufficiale.
 
Attestazione Soa
Prorogati anche i termini previsti dal Codice Appalti per la qualificazione delle imprese. Passa dal 31 dicembre 2010 al 31 dicembre 2013 la possibilità di dimostrare la cifra di affari realizzata con lavori svolti mediante attività diretta ed indiretta, l’adeguata dotazione di attrezzature tecniche e di organico medio annuo utilizzando l’attività documentabile dei migliori cinque anni del decennio antecedente la data di sottoscrizione del contratto con la SOA.
 
Valgono gli stessi termini anche per dimostrare il requisito dei lavori realizzati in ciascuna categoria e il requisito dell’esecuzione di un singolo lavoro ovvero di due o tre lavori in ogni singola categoria.
 
Fino al 31 dicembre 2013, inoltre, per la dimostrazione della capacità tecnico-professionale ed economico-finanziaria, il periodo di attività documentabile è quello relativo ai migliori tre anni del quinquennio precedente o ai migliori cinque anni del decennio precedente la data di pubblicazione del bando di gara.
 
Appalti pubblici sotto soglia
Per i contratti di importo inferiore alle soglie di rilevanza comunitaria, le stazioni appaltanti fino al 31 dicembre 2013 possono applicare l’articolo 122 comma 9 del Codice dei Contratti che, regolando gli appalti di lavori pubblici sotto soglia, prevede l'esclusione automatica delle offerte con una percentuale di ribasso pari o superiore alla soglia di anomalia.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
scaramella

Nel testo del decreto non riesco ad individuare l'ultimo punto: Appalti pubblici sotto soglia Per i contratti di importo inferiore alle soglie di rilevanza comunitaria, le stazioni appaltanti fino al 31 dicembre 2013 possono applicare l’articolo 122 comma 9 del Codice dei Contratti che, regolando gli appalti di lavori pubblici sotto soglia, prevede l'esclusione automatica delle offerte con una percentuale di ribasso pari o superiore alla soglia di anomalia. NON E' CHE E' STATO TOLTO NELLA VERSIONE DIFINITA ?

thumb profile
francesco

Il milleproroghe qui commentato è una bozza vecchia. Nel testo in Gu oggi non compare la norma sugli impianti fotovoltaici. E non c'è la proroga delle scadenze di un anno ma di 3 mesi.

thumb profile
stefano

per quale motivo si abbassano le tariffe, con i tassi di interesse che cresceranno ed i costi che non scendono, secondo me allo stato Italiano gli è nato un settore, "il fotovoltaico", per "c...", non si sono nemmeno resi conto e ancora oggi non se ne rendono conto, tant'è vero che i soliti tromboni nazionali sono gli unici che non ci hanno investito.....quì ci vorrebbe una rivoluzione, armata, altro che bombe carta.

thumb profile
stefano

Tanto il fotovoltaico finisce con le tariffe che scendono e i costi che non scendono e i finanziamenti che non vengono erogati dalle banche. A me che me ne frega, mi armo e vado a mangiare in qualche ministero o al gse o all'authority, ce n'è di ministeri dove si gudagna senza esaurirsi ad investire in questo paese delle marche da bollo. o rimettete gli incentivi e ci fate lavorare o mi date un posto fisso a tempo indeterminato sennò inizia la rivolta sociale..... il fotovoltaico sta gia al 7% del pil ed "era" in crescita. Forse non interessa a montezemolo o tronchetti provera o ai soliti, strano perchè ci venivano da tutto il mondo ad investire qui, non è che per caso abbiamo una classe dirigente di incapaci ? Berlusconi disse che nell'ex unione sovietica potette constatare la crescita di una nuova città di un milione e mezzo di abitanti in poco piu di un anno....perchè non fa lo stesso per l'Italia..

thumb profile
David

...solito metodo all'italiana!!!!bene la proroga per il fotovoltaico al 31 gennaio, ma tutto, compreso il fine lavori al GSE!!!!! Proprio una bella cavolata prorogare solamente l'asseverazione che, visti i problemi di questi giorni con la lentezza del portale GSE, è l'ultima cosa da preoccuparsi. Molti non ce la faranno ad inviare la fine lavori al GSE entro il 31 dicembre proprio perchè per caricare un solo file ci può volere anche un'ora!!!!!! Congratulazioni a tutti i nostri burocrati che come al solito fanno le cose a metà e non gliene viene una giusta!!!!!!! CONGRATULAZIONI!