Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, Conte: ‘intendiamo estenderlo anche oltre il 2021’
NORMATIVA Superbonus 110%, Conte: ‘intendiamo estenderlo anche oltre il 2021’
NORMATIVA

Produttori di rinnovabili: no ai limiti per il fotovoltaico a terra

di Rossella Calabrese

Aper e Assotermica chiedono modifiche al Dlgs sulle rinnovabili che recepisce la direttiva 2009/28/CE

Vedi Aggiornamento del 24/01/2012
Commenti 10575
22/12/2010 - Nuove osservazioni e proposte di modifica al Dlgs sulle rinnovabili arrivano dalle associazioni che si occupano di eco-energie.
 
Dopo i suggerimenti dei produttori del settore fotovoltaico (leggi tutto), anche da Aper (produttori energie rinnovabili) e Assotermica (produttori di impianti termici) arrivano richieste di modificare il decreto che recepisce la direttiva 2009/28/CE e che ha appena iniziato l’iter in Parlamento.
 
In un’audizione presso la Commissione Industria del Senato, Aper apprezza il provvedimento ma suggerisce diverse modifiche; in particolare non condivide le norme sugli impianti fotovoltaici a terra in area agricola: l’articolo 8 comma 5prevede che, decorso un anno dall’entrata in vigore del decreto, per gli impianti fotovoltaici a terra in area agricola, l’accesso agli incentivi è consentito a condizione che (e in aggiunta ai requisiti di cui all’allegato 2) gli impianti siano di potenza non superiore a 1 MW e che il rapporto tra potenza e superficie del terreno nella disponibilità del proponente non sia superiore a 50 kW per ettaro.
 
È “discutibile” - secondo Aper - la tecnica normativa del Governo che, a settembre 2010 ridisegna la disciplina incentivante che dovrà sostenere il mercato della produzione di energia da fonte fotovoltaica per i prossimi tre anni (DM 6 agosto 2010 - Terzo Conto Energia) e, solo tre mesi dopo, inserisce nel decreto legislativo di attuazione della direttiva 2009/28/CE una “disposizione che apertamente e ingiustificatamente scoraggia l’installazione degli impianti fotovoltaici su terreno agricolo sotto 1 MW ed azzera l’incentivazione per quelli sopra 1 MW”.
 
“Qualora si intenda favorire lo sviluppo di tipologie di impianti fotovoltaici differente rispetto a quelle succitate - spiega l’Associazione -, si ritiene opportuno che lo strumento di policy da utilizzare sia l’efficientamento graduale e progressivo della leva tariffaria e non quello dell’azzeramento drastico dell’incentivo”.
 
Per questi motivi Aper propone lo stralcio del comma 5 dell’articolo 8 e l’introduzione di ulteriori scaglioni di tariffe decrescenti per tale tipologia di impianti a partire dall’estinzione del regime di incentivazione di cui al Terzo Conto Energia fotovoltaico. Leggi il documento con tutte le proposte di modifica.
 
 
Anche Assotermica ha avanzato qualche critica al decreto: in particolare ha rilevato “uno sbilanciamento immotivato a favore del teleriscaldamento e a scapito delle tecnologie efficienti che ci vedono leader di settore”. Non si tiene conto - spiegano i produttori di impianti termici - degli altri sistemi alternativi anche più efficienti di generazione diffusa, quali il solare termico, il fotovoltaico e le pompe di calore.
 
Inoltre, “per raggiungere il 17%, come quota di energia da fonti rinnovabili, si deve rafforzare al più presto anche la strategia per l’efficienza energetica”. E “per raggiungere la massima efficienza è sufficiente la riqualificazione del parco edilizio esistente, piuttosto che spingere una manovra così ambiziosa sui nuovi edifici”. “Nella bozza in esame - continua Assotermica - viene meno anche l’obbligo di integrazione con fonti rinnovabili in occasione di nuova installazione di impianti termici in edifici esistenti e di ristrutturazione degli impianti termici esistenti”.
 
Assotermica suggerisce di reintrodurre coefficienti premiali elevati anche per la riqualificazione degli edifici-impianti esistenti, comprendendo negli obblighi anche le riqualificazioni e ristrutturazioni sotto i 1000 mq, senza però decurtare il livello di incentivo.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Stefano

concordo pienamente con proposal di Stefano!

thumb profile
stefano

Io personalmente aumenterei di parecchio l'incentivo per impianti dai 200 Kw fino ad 1 Mw rispetto a quelli più grandi di 1 Mw, in modo da calmierare gli impianti piu grandi. Sarebbe comunque un investimento, si produrrebbe energia e si darebbe meno nell'occhio rispetto a quelli > 1 Mw


x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Leggi i risultati