Carrello 0
AZIENDE

BIM, adatto a tutte le dimensioni

Con la piattaforma Autodesk Revit supporto a piccoli progetti residenziali e grandi complessi commerciali

03/01/2011 - Negli ultimi anni, l’interesse del settore edilizio nel Building Information Modeling (BIM) è passato dalla valutazione all’implementazione. Alcune aziende si gettano subito in progetti difficili e su larga scala, altre scelgono di iniziare a utilizzare il BIM su di un piccolo progetto pilota, mettendolo alla prova prima di implementarlo su progetti di maggiori dimensioni.
 
La piattaforma Autodesk Revit per il Building Information Modeling permette alle aziende di gestire progetti di qualsiasi dimensione, tramite Revit Worksharing, che offre un’ampia gamma di modalità di condivisione e permette ai team di progettazione di scegliere il modo migliore di interagire in base al workflow e alle esigenze del progetto.
 
Per i progetti più semplici, il team può disporre di un accesso simultaneo a un modello di costruzione condiviso e alla modifica ad hoc di elementi architettonici, mentre i progetti molto grandi possono essere divisi in unità separate, solitamente basate su sistemi architettonici separati (nucleo, involucro, soffitto, ecc.) o altre funzionalità fisiche (piani, ali, proprietari, ecc.). Per i progetti architettonici di grandi dimensioni e costituiti da ali separate o singoli edifici, può esserci una completa separazione del progetto in singoli modelli collegati.
 
Per progetti con dimensioni e team di progettazione estremamente grandi, in cui gli utenti devono lavorare simultaneamente su diverse porzioni, Revit Worksharing permette di dividere formalmente i progetti in workset, ovvero raggruppamenti logici di oggetti in un progetto architettonico, la cui modifica è riservata a un unico utente per volta. Ogni utente controlla un workset e lavora in modo indipendente in quel modello, trascrivendo periodicamente le modifiche nel file master del progetto e aggiornando il workset con le modifiche degli altri utenti. Successivamente, l’utente cede il controllo del workset riassegnandolo al file master.
 
Oltre a limitare i conflitti di modifica, i workset possono anche migliorare le prestazioni del sistema, controllando la visualizzazione grafica. I workset possono essere visualizzati in base alle necessità, evitando la visualizzazione a memoria intensa di quelle parti del modello di costruzione che non sono necessarie per una specifica attività progettuale. Ad esempio, potrebbe esserci l’esigenza di vedere costantemente un workset esterno, mentre la visualizzazione del workset di arredamento può essere attivata o disattivata, come necessario.


AUTODESK su Edilportale.com
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati